Ozonoterapia 2
Caf Italia
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Ozonoterapia 2
articoliSocieta'

Fonderie cooperative: il Comune conferma la chiusura al 2022

La Pressa
Logo LaPressa.it

Con la delocalizzazione della produzione pesante. In città rimarranno 4000 metri quadrati dedicati a lavorazioni non impattanti


Fonderie cooperative: il Comune conferma la chiusura al 2022
È previsto per gennaio il primo incontro operativo tra il Comune di Modena, Fonderie cooperative e tutti i soggetti portatori di interesse che darà l’avvio al percorso per la rigenerazione e la valorizzazione dell’area di via Zarlati dopo la chiusura dello stabilimento, con un vero e proprio laboratorio per definire le soluzioni urbanistiche e progettuali per il futuro del comparto alla luce dello sviluppo della Diagonale.  

Lo stabilisce la delibera approvata nei giorni scorsi dalla Giunta che conferma la chiusura e il trasferimento dello stabilimento entro il 31 gennaio 2022 (anche prima, se possibile) e fa propri i contenuti del Protocollo d’intesa approvato dal Consiglio comunale lo scorso marzo declinandoli in un programma operativo che coinvolge anche il Consorzio attività produttive, nella ricerca di un immobile adatto al trasferimento delle Fonderie, e Democenter e la Regione nella definizione delle azioni necessarie per reperire i finanziamenti statali, regionali ed europei indispensabili per la sostenibilità finanziaria dell’intero progetto.


Il primo atto del programma è, appunto, la riunione di gennaio che verrà convocata nei prossimi giorni e che sarà l’occasione per fornire gli aggiornamenti sul monitoraggio ambientale e illustrare lo studio di valorizzazione dell’area delle Fonderie e, insieme, il progetto della Diagonale.

L’incontro sarà anche l’occasione per avviare il Laboratorio per la condivisione del percorso che, partendo dalla chiusura dello stabilimento di via Zarlati, arriva alla rigenerazione dell’area e del Villaggio artigiano.

La delibera conferma anche l’approvazione dell’Accordo operativo entro l’estate 2020 e stabilisce che la bonifica dell’area venga effettuata subito dopo la cessazione delle attività dello stabilimento. E sottolinea inoltre che il trasferimento avverrà anche nel caso in cui si riuscisse a ridurre gli odori fino a renderli non percepibili.

 

Nel testo approvato dalla Giunta si ribadiscono le priorità già espresse nel Protocollo per quanto riguarda la delocalizzazione dello stabilimento: la tutela ambientale; la difesa dei lavoratori, intesa come salvaguardia di un livello adeguato di occupazione e come garanzia dello svolgimento delle attività entro le norme di sicurezza; il diritto della società a proseguire la propria attività.

Sul tema del lavoro, in particolare, il documento prende atto che la società Fonderie cooperative ha elaborato un progetto aziendale per la riorganizzazione dell’attività che prevede di eliminare le lavorazioni a maggior impatto ambientale, delocalizzandole presso altre fonderie. La continuità aziendale a Modena sarà garantita dalle lavorazioni meno impattanti e dallo sviluppo di nuove attività a valle del processo di fonderia, con investimenti tecnologici adeguati.

A questo proposito, la società ha contatti con Unimore e con il Cnr per l’elaborazione di progetti innovativi sul piano dei controlli ambientali e per l’abbattimento degli inquinanti. La nuova struttura, quindi, non avrà più bisogno di un’Autorizzazione integrata ambientale ma ricadrà nell’Autorizzazione unica ambientale e avrà bisogno di un capannone di circa quattromila metri quadrati a fronte dell’attuale sito che ne misura circa 19 mila. Di conseguenza è prevista anche la riqualificazione delle risorse umane esistenti, l’assunzione di personale specializzato con riduzione di quello addetto alle mansioni delocalizzate e la riduzione di dipendenti/soci con scelte personali, dimissioni e pensionamenti.



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 

Caf Italia

Societa' - Articoli Recenti
Modena, nuove multe in arrivo: ecco i..
Lo strumento rileverà i passaggi col rosso ma anche i superamenti del limite di velocità ..
01 Febbraio 2023 - 14:14
San Geminiano: 451 bancarelle, ..
Oltre il programma religioso, l'immancabile giro tra le bancarelle in una festa senza ..
01 Febbraio 2023 - 01:43
San Geminiano: l'omelia del Vescovo ..
'Ispiriamoci al Santo per essere 'operatori di pace. La pandemia ci ha insegnato che ogni ..
31 Gennaio 2023 - 16:45
Il mobile tricolore, i dati del ..
Il 73% degli italiani usa il cellulare per cercare informazioni mentre il 67% per essere ..
31 Gennaio 2023 - 14:39
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto ..
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
'Altro che Tachipirina, ecco come ..
L'ex primario del Pronto soccorso di Modena: 'Antinfiammatori ai primi sintomi e poi, se il ..
31 Gennaio 2021 - 14:37
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 ..
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green ..
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39