La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
articoliSocieta'

Ok a demolizione ex MOI, ma l'edificio pericolante è un altro

La Pressa
Logo LaPressa.it

Nell'area che il Comune ha abbandonato da anni trasformata in deposito di rifiuti abusivo e occupata spesso da spacciatori dovrebbe nascere la scuola innovativa


Ok a demolizione ex MOI, ma l'edificio pericolante è un altro

Nella parte dell'area dell'ex mercato bestiame e mercato ortofrutticolo, di proprietà comunale, abbandonata da anni dal Comune e trasformata in un luogo di degrado, spaccio e rifugio per tossicodipendenti e senza fissa dimora, insistono due edifici. L'uno (nella foto contrassegnato in giallo), che si estende sulla linea di via del mercato, di proprietà comunale, in grave stato abbandono e di deterioramento dal quale abbiamo documentato di recente anche il pericoloso distacco di calcinacci, caduti pericolosamente sul marciapiede pubblico. Poi c'è un grande capannone, di più recente costruzione (nella foto evidenziato in rosso), interno all'area, trasformato negli anni in rifugio di spacciatori, tossicocipendenti e senza fissa dimora. Un edificio che insiste su quel tratto di superficie (anche'esso abbandonato e chiuso da anni), che dovebbe collegare viale del Mercato con il Data Center in corso di costruzione. 

Ieri, dalla giunta comunale, è arrivato il via libera al progetto da 200 mila euro per la demolizione del capannone prefabbricato e la pulizia e il ripristino degli spazi liberati; l’intervento ha un valore complessivo di 200mila euro e i lavori, che saranno realizzati dopo l’estate, si concluderanno entro il mese di settembre.

La struttura che fino al 2014 ha ospitato temporaneamente il mercato ortofrutticolo nell'area comunale che il Comune ha abbandonato dal 1999, è ampia quasi 4.500 metri quadrati.

Una volta conclusa la demolizione e sgombrata l'area dalla macerie - promette il Comune - saranno svolte le operazioni di completo ripristino dell’area nell’ottica dei futuri lavori di riqualificazione del comparto, che sarà così pronto ad accogliere nuove strutture. Nelle prossime settimane prenderanno il via le procedure per affidare gli interventi.

Ma se i cittadini sono abituati a vedere quell'area isolata dalla città non accessibile ma pericolosa ma pericolosa soprattutto per chi la occupa abusivamente, che preoccupa in zona è il grave stato di abbandono e di degrado anche strutturale in cui versa la palazzina storica dell'ex mercato bestiame, che si affaccia sull'omonima via. I muri in più punti sono sgretolati dalle infiltrazioni di acqua che negli anni hanno danneggiato le strutture al punto che dal cornicione che si affaccia sul marciapiede pubblico, percorso solitamente da decine di studenti a scuole aperte, è iniziato di recente il distacco di blocchi di cemento. Recentemente ne abbiamo documentato un episodio. Un edificio per il quale però non si parla di demolizione. Nei progetti generali di riqualificazione dell'area che dal piano fallito di riqualificazione della fascia ferroviaria del 1999 è arrivato fino al piano periferie, che dal 2016 ancora stenta a decollare, la palazzina, almeno sulla carta, c'è. Ma, ovviamente, recuperata. Cosa sempre più difficile da prospettare, da un lato per mancanza di un progetto chiaro dall'altro perché difficilmente, se l'abbandono della stessa continuerà per altri anni, l'obiettivo del recupero potrà essere raggiunto. Ci potrebbe essere bisogno di abbattere l'edificio prima di essere recuperato. Le condizioni sono pessime ed il distacco e la caduta di altri blocchi di cemento sulla pubblica via, potrebbe essere all'ordine del giorno.  

Tornando all'area adiavente dei capannoni dell'ex Moi da abbattere, il comune specifica che al loro posto sorgerà la “Scuola Innovativa” che in primavera ha visto l’approvazione, da parte della giunta comunale, del progetto esecutivo in linea tecnica. 


Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Societa' - Articoli Recenti
Covid, ancora casi a scuola: al Fanti..
Isolamento domiciliare di 14 giorni per tutta la classe, vale a dire per ogni studente, ..
28 Settembre 2020 - 17:54- Visite:543
Covid, nuovi casi a Camposanto, ..
Degli 8 casi positivi di oggi, 4 sono di rientro dall’estero (Ucraina, Moldavia, Francia e..
28 Settembre 2020 - 17:51- Visite:3497
Aborti volontari ancora in calo in ..
A Modena nel 2019 sono stati 464 contro i 541 del 2017. Il Report 2019 registra lo scorso ..
28 Settembre 2020 - 17:36- Visite:169
Covid, tamponi dimezzati: 85 casi in ..
Stabile il numero dei pazienti in terapia intensiva: 15. Invariato anche quello dei ..
28 Settembre 2020 - 17:09- Visite:1991


Societa' - Articoli più letti


Morti nelle Rsa per Covid, in Emilia ..
Lo riporta l'Istituto superiore di sanità nell'ultimo report del 14 aprile sul contagio da ..
19 Aprile 2020 - 18:05- Visite:122873
La pandemia globale di Coronavirus? ..
E' tutto ancora on line. Il John Hopkins Center for Health Security con il World Economic ..
03 Marzo 2020 - 09:43- Visite:68035
Modena in zona rossa: cosa prevede la..
Spostamenti bloccati, permessi solo per emergenza. Chiuse palestre, piscine e centri ..
07 Marzo 2020 - 21:45- Visite:67979
Il Sulpl risponde: Posso accompagnare..
In questo periodo solo il marito si recherà a fare al spesa, avendo al seguito ..
17 Marzo 2020 - 11:24- Visite:51407