Modenamoremio
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
articoliSocieta'

Una vita da social e tra gli amici i poliziotti

Data: / Categoria: Societa'
Autore:
La Pressa
Logo LaPressa.it

Presentata a Modena la campagna educativa itinerante della Polizia di Stato. Classi modenesi sul tir della prevenzione. 'Noi poliziotti ci siamo, voi ragazzi aiutateci ad aiutarvi'


  • Una vita da social e tra gli amici i poliziotti
  • Una vita da social e tra gli amici i poliziotti
  • Una vita da social e tra gli amici i poliziotti

Un ragazzo su 3 ha un profilo fake sui social, 5 ragazzi su 6 controllano sempre chi mette like ai loro post, un minore su 2 è vittima di violenze ed il dato è in netta crescita per i giovanissimi
Sono alcuni dati dell'attività sul web e sui social dei ragazzi. I rischi, si sa, ci sono, ma insieme a questi rischi ci sono delle certezze. Quelle rappresentate dalle forze dell'Ordine e dalla Polizia si Stato che con la sua divisione di Polizia Postale è da anni sempre più specializzata nella criminalità informatica e on line, dove spesso che nel cyberbullisimo il confine tra il gioco percepito ed il reato concreto è molto sottile.


per sensibilizzare sui rischi e per ribadire il ruolo amico della Polizia di Stato, è ripartita ieri in presenza da Bologna la più importante e imponente campagna educativa itinerante realizzata dalla Polizia di Stato nell’ambito delle iniziative di sensibilizzazione e prevenzione dei rischi e pericoli della Rete per i minori, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione nell’ambito del progetto Generazioni Connesse.

Ieri il truck di “Una vita da social” ha fatto tappa a Modena, in piazza Roma.
Un progetto al passo con i tempi delle nuove generazioni che, nel corso delle precedenti edizioni, ha raccolto un grande consenso: gli operatori della Polizia Postale e delle Comunicazioni hanno incontrato oltre 2 milioni e mezzo di studenti sia nelle piazze che nelle scuole, 220.000 genitori, 125.000 insegnanti per un totale di 18.500 Istituti scolastici e oltre 350 città sul territorio, una pagina facebook con 132.000 like e 12 milioni di utenti mensili sui temi della sicurezza online.

Ancora una volta la Polizia di Stato scende in campo al fianco dei ragazzi per un solo grande obiettivo: ”aiutare i giovani a comprendere quali siano le corrette e legali modalità di approccio alla comunicazione digitale in Rete e sensibilizzarli sulle conseguenze, penali e sociali, dei comportamenti prevaricatori tipicamente riconducibili al fenomeno del cyberbullismo, a tutela delle possibili vittime, ma anche dei cyberbulli”.

L’obiettivo dell’iniziativa, infatti, è quello di prevenire episodi di violenza, vessazione, diffamazione, molestie online, attraverso un’opera di responsabilizzazione in merito all’uso della “parola digitale” , cercando di contrastare anche gli esempi di cruda violenza a cui sono sempre più esposti i minori, continuamente bersagliati da contenuti multimediali e giochi interattivi sempre più “realistici” e aggressivi.

Dalla ricerca di Skuola.net per 'Una Vita da Social', però, emergono anche altri fattori interessanti che spesso i Millennials e la Gen Z tengono ben segreti. Emerge infatti che 1 ragazzo su 3, sul proprio social di riferimento, possiede un account falso.
Sono circa il 28% quelli che dichiarano di averne uno oltre a quello “ufficiale”, mentre il 5% è presente ma solo con un fake. Perché questa identità anonima? Principalmente per conoscere gente nuova senza esporsi troppo online (26%), oppure per controllare i propri amici senza che loro lo sappiano (21%) nonché per controllare tutti quelli da cui sono stati bloccati (20%). Non manca chi ricorre ai fake per controllare il proprio partner (10%) o chi cerca di sfuggire dal controllo dei propri genitori (il 4%).
Non manca tuttavia uno zoccolo duro, neanche così piccolo, che vive per i like. Per 1 su 3, infatti, un contenuto che genera poche interazioni ha un effetto negativo sull’umore. Mentre il 40%, più o meno sporadicamente, è disposto a cancellare un contenuto dalle scarse performance. Su una cosa, invece, i giovani sono in assoluto accordo: il controllo di chi commenta, condivide o clicca mi piace sui propri contenuti. Solo 1 su 6 dichiara di non farlo mai. Questo perché attraverso la guerra dei like si costruiscono amicizie e rapporti personali: solo il 56% è disposto a dare un giudizio positivo ad un contenuto postato da una persona che in genere non ricambia (il cosiddetto like4like). Mentre sono ancora meno (48%) quelli che non ricorrono mai al like tattico, ovvero ad una approvazione di un contenuto altrui col solo scopo di farsi notare.


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
Email
 

Modenamoremio
Articoli Correlati
Incidente, morti 2 poliziotti della Questura di Ravenna chiamati per ..
Oltre Modena
17 Settembre 2017 - 15:21- Visite:12212
Ladri, clandestini e spacciatori, due marocchini e un tunisino nei ..
La Nera
11 Ottobre 2017 - 14:30- Visite:11679
Festa della Polizia, il questore Fassari:
La Nera
11 Aprile 2017 - 11:11- Visite:11560
Per amore infrange il divieto: 'Volevo vedere la mia fidanzata'
La Provincia
28 Marzo 2020 - 10:57- Visite:5834
Fuori casa senza motivo, altri 22 denunciati ieri sera
Societa'
17 Marzo 2020 - 12:10- Visite:4178
Aggredito in Pomposa attivista Lega
La Nera
27 Luglio 2019 - 13:17- Visite:3010

Societa' - Articoli Recenti
Modena accende il Natale
Accensione delle luminarie e degli alberi in quattro piazze del centro storico per dare il ..
26 Novembre 2021 - 21:37- Visite:143
Covid a scuola, rientra allarme a ..
Nella scuola primaria Andreoli di San Possidonio si sono registrati 29 contagi
26 Novembre 2021 - 21:21- Visite:255
Connessione internet senza linea ..
Per dotarsi di una connessione web senza telefono fisso, occorre scegliere un abbonamento ..
26 Novembre 2021 - 18:41- Visite:197
Covid, in Emilia Romagna al via la ..
Donini: 'Vogliamo procedere speditamente con il richiamo per tutti e non abbassare la ..
26 Novembre 2021 - 18:03- Visite:467
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto ..
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40- Visite:365837
'Altro che Tachipirina, ecco come ..
L'ex primario del Pronto soccorso di Modena: 'Antinfiammatori ai primi sintomi e poi, se il ..
31 Gennaio 2021 - 14:37- Visite:291653
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 ..
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11- Visite:183076
Il sindacato dei carabinieri: ..
‘Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39- Visite:180721