La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
articoliSocieta'

Primario di Baggiovara: 'Esiste un dramma dei pazienti No Covid'

La Pressa
Logo LaPressa.it

La dottoressa Micaela Piccoli scrive al Corriere: 'Si riducono i letti, si liberano infermieri di sala operatoria da dirottare sulle terapie intensive Covid'


Primario di Baggiovara: 'Esiste un dramma dei pazienti No Covid'
'Ogni giorno si va in ospedale senza saper cosa ci aspetta! Di settimana in settimana, ci dicono quante sale operatorie avremo in meno, a seconda dell’esito del bollettino giornaliero che ci viene comunicato, con diligenza, del numero di ricoveri e dimissioni dei soli pazienti Covid positivi. Ma tutti gli altri?'
Così inizia la lettera aperta pubblicata oggi dal Corriere della Sera e firmata da Micaela Piccoli, diretto della struttura complessa di Chirurgia Generale, d’Urgenza e Nuove tecnologie all'ospedale di Baggiovara e componente del gruppo Donne leader in Sanità.

'Al tempo del Covid tutti gli altri pazienti rappresentano un ulteriore problema perché occupano letti e spazi, che potrebbero essere occupati dai pazienti Covid positivi sempre più numerosi. E allora i pazienti chirurgici vengono accorpati. Si riducono i letti, si liberano infermieri di sala operatoria da dirottare sulle terapie intensive o nei reparti Covid. Il tutto inesorabilmente con una gradualità falsamente lenta ma costante, ragionando solo su numeri e contenitori. Il paziente no Covid, nella sua persona, sparisce! È vero, non si possono lasciare fuori dal pronto soccorso i pazienti Covid positivi , ci mancherebbe, ma tutti gli altri sì, a meno che non siano in immediato pericolo di vita. Anche i pazienti con tumori devono essere messi in fila aspettando il loro turno su spazi troppo stretti per accogliere tutti nei tempi dovuti. Ed il tempo nella patologia tumorale pregiudica la prognosi' - continua la dottoressa nella sua lettera al Corriere.

'Rimane solo il povero chirurgo che conosce ciascuno nella sua complessità e fragilità e non può fare niente se non cercare di rassicurare subendo sempre di più insulti e sfoghi. Il paziente non Covid comprende, certo, ma fino ad un certo punto, perché non accetta facilmente di essere trascurato, soprattutto quando ha male o quando ha paura. È proprio la paura di perdere tempo prezioso da regalare solo alla propria malattia, il sentimento predominante. Il paziente identifica nel proprio chirurgo, la persona che non riesce ad operarlo in tempo. In quel momento, il paziente identifica il sistema con il chirurgo. Si riducono i letti, si dirottano infermieri e il malato di altre patologie sparisce. Sei tu che devi dargli una diagnosi ed una prognosi. Sei solo tu davanti a lui o lei. Non il sistema, non il governo, non la Regione, non l’ Azienda, non l’Ospedale, non il percorso Covid free . Sei tu chirurgo. È te che guarda negli occhi. Perché? Ci chiediamo tutti. Cosa non si è fatto o non si è fatto abbastanza? Le liste d’attesa per gli interventi chirurgici erano gia scandalose prima del Covid e nessuno ha pensato di investire in modo significativo su spazi e personale, anche in tempi non sospetti, per risolvere il problema. Se si fosse fatto allora, oggi avremo tutto il personale necessario per dividere i percorsi Covid e non Covid senza dover discriminare nessuno. Tutti avrebbero avuto uguale dignità di paziente. Magari avremmo dovuto ragionare solo sugli spazi, ma solo durante la prima ondata, non anche sulla seconda come invece è stato. Sono giunti, negli ultimi due anni, dictat dalle varie Regioni su abbattimento delle liste d’attesa su ernie, colecisti, emorroidi, tiroidi, ma sempre a costo zero. Si diceva: risolvete questo problema, ma senza investire in nulla soprattutto nel personale. Nessun coordinamento con il territorio per utilizzare tutte le sale operatorie disponibili. Solo spazi operatori utilizzati al 50% per carenza di personale infermieristico ed anestesiologico. Spazi operatori non assegnati proporzionalmente alle liste d’attesa ma utilizzando criteri spesso non oggettivabili - chiude Micaela Piccoli -. E dopo questo periodo pandemico, se riusciremo ad avere un dopo, chi di dovere avrà imparato qualcosa? Perché la seconda pandemia sarà proprio dei pazienti chirurgici che presenteranno tumori avanzati, patologie più complicate e insisteranno ancora di più su liste d’attesa oltre ogni soglia comprensibile. Spero che finita la pandemia il personale acquisito venga finalmente dirottato anche verso la chirurgia, con progetti importanti e reali, perché altrimenti non si riuscirà a far fronte ad un’ondata di pazienti, magari sopravvissuti al Covid, ma decimati da altre patologie altrettanto gravi e mortali'.


Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
'Vaccini, ecco il rapporto tra la Lorenzin e le case farmaceutiche'
Politica
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:151318
Morti nelle Rsa per Covid, in Emilia Romagna dati peggiori d'Italia
Societa'
19 Aprile 2020 - 18:05- Visite:130626
Segretario Pd: ‘Votare Lega significa essere idioti’
Politica
04 Agosto 2018 - 11:35- Visite:105305
Il Sulpl risponde: Posso accompagnare mia moglie a fare la spesa?
Societa'
17 Marzo 2020 - 11:24- Visite:62312
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi del Sistema. E Muzzarelli trema
Il Punto
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:59258
Modena, l'allarme Ausl: 'Circolazione virale alta: proteggetevi'
Societa'
15 Novembre 2020 - 18:12- Visite:48992
Societa' - Articoli Recenti
Covid a Modena, 216 contagi e 11 ..
I sintomatici sono 120, gli asintomatici 96. Sette le persone ricoverate in Reparto, una ..
21 Gennaio 2021 - 18:30- Visite:2139
Tragedia al Policlinico Modena, muore..
Il neonato era nato l'8 gennaio scorso da parto spontaneo dopo un travaglio regolare. I ..
21 Gennaio 2021 - 17:57- Visite:1592
Covid nelle cra di Modena, sindaco ..
Muzzarelli: 'L’unica in cui ci sono ancora casi positivi è la Vignolese, mentre procede a..
21 Gennaio 2021 - 17:18- Visite:386
Covid, in Emilia Romagna 1320 contagi..
I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 218 (-12 rispetto a ieri), 2.456 quelli ..
21 Gennaio 2021 - 16:09- Visite:2518

CafItalia

Societa' - Articoli più letti


Morti nelle Rsa per Covid, in Emilia ..
Lo riporta l'Istituto superiore di sanità nell'ultimo report del 14 aprile sul contagio da ..
19 Aprile 2020 - 18:05- Visite:130626
La pandemia globale di Coronavirus? ..
E' tutto ancora on line. Il John Hopkins Center for Health Security con il World Economic ..
03 Marzo 2020 - 09:43- Visite:79858
Modena in zona rossa: cosa prevede la..
Spostamenti bloccati, permessi solo per emergenza. Chiuse palestre, piscine e centri ..
07 Marzo 2020 - 21:45- Visite:70238
Il Sulpl risponde: Posso accompagnare..
In questo periodo solo il marito si recherà a fare al spesa, avendo al seguito ..
17 Marzo 2020 - 11:24- Visite:62312