Aiutaci a mantenere gratuita La Pressa
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Aiutaci a mantenere gratuita La Pressa
articoliSocieta'

'Sbagliato tardare seconda dose vaccino. Da Oms sacco di corbellerie'

La Pressa
Logo LaPressa.it

L'immunologo Andrea Cossarizza risponde in commissione covid alle domande dei consiglieri comunali: 'Vaccino a chi è già guarito? Io, adesso, aspetterei'


'Sbagliato tardare seconda dose vaccino. Da Oms sacco di corbellerie'

'Aspettare anche il doppio del tempo previsto per somministrare la seconda dose di vaccino dopo la prima è una cosa assolutamente sbagliata, dal punto di vista immunologico è agghiacciante e denota che chi ce la propone non  sa assolutamente di cosa parla'.

Non usa mezzi termini e tantomeno interpretabili l’immunologo Andrea Cossarizza, docente ordinario di Patologia generale e immunologia al dipartimento di Scienze mediche e chirurgiche materne, infantili e dell’adulto dell’Università di Modena e Reggio Emilia, ospite, ieri sera, della Commissione consiliare speciale “Per ripartire dopo il Covid”, in teleconferenza e intitolata “Covid e vaccini: opportunità e differenze”. 

Il riferimento è ovviamente all'apertura, dichiarata a livello nazionale ed internazionale, dell’Organizzazione Mondiale della Sanità alla possibilità di allargare l’intervallo di tempo tra le somministrazioni delle due dosi del vaccino Pfizer fino a sei settimane (42 giorni). Di fatto il doppio rispetto a quello attualmente indicato. Una apertura basata, stando alla raccomandazione dell'OMS, 'sui dati degli studi clinici attualmente disponibili'. E funzionale anche alla necessità di compensare eventuali ritardi nella fornitura di vaccini in numero sufficiente per potere garantire la seconda dose di vaccino nei tempi prestabiliti di 21 giorni.

'Io non ho visto nessun studio a riguardo' - sottolinea Cossarizza in risposta ad una considerazione della Presidente della Commissione Paola Aime che aveva richiamato proprio l'apertura dell'OMS rispetto alla possibilità di prorogare la seconda dose. 'Solo se vedessi studi che mi dimostrano questo allora potrei cambiare idea' - afferma Cossarizza
Idea ribadita dall'immunologo on una dichiarazione forte: 'L'OMS soprattutto a inizio epidemia ha detto tante di quelle corbellerie da far spavento, e le opinioni dell'OMS le lascio molto volentieri. Parlo come persona che fa questo mestiere da decenni. Chi dice queste cose, politico o non politico che sia, non sa di cosa parla. Queste sono cose che non vengono dette da chi oggi fa i vaccini, ma cose che si sanno da quando esistono i vaccini. Io non so come è fatta una centrale nucleare e non andrei certo a dire ad un ingegnere come farla. Lo ripeto, se non ci sono le dosi di vaccino, ritardare la seconda rispetto alla prima è cosa che non si deve assolutamente fare. Un conto è lo scostamento di qualche giorno, poco prima o poco dopo, un conto è di settimane. La seconda dose va assolutamene fatta quando c'è la massima risposta dal primo stimolo'. 'Se no - e qui Cossarizza usa un altro esempio per rendere ancora più chiaro anche ai non tecnici il concetto - sarebbe come fare riscaldare un calciatore prima dell'inizio della partita per poi mandarlo in campo alla fine del primo tempo. Non renderebbe nulla'

'Io sono come san Tommaso. Oltre ai dati mi piace la pratica' - prosegue Cossarizza. E per mostrarlo fa scorrere tra le slide illustrate ai consiglieri nel corso del suo intervento l'immagine della vaccinazione a lui somministrata il 4 gennaio scorso ed il grafico che mostra, dopo alcuni giorni, la risposta immunitaria 'del vostro speaker' - dice riferendosi al suo ruolo di relatore in quel momento 'Risposta anticorpale in crescita' - fino ad arrivare ad un livello che - afferma 'mi rende molto felice'. 

In risposta alla domanda del Consigliere leghista Barbara Moretti sull'opportunità di sottoporre a vaccino coloro che hanno avuto e sono guariti dal Covid, il Prof. Cossarizza è altrettanto chiaro, esprimendo una valutazione sia tecnico scientifica sia inserendo questa nell'attuale andamento del piano vaccinale. 'Questo, in questa fase, rappresenta un problema dibattuto. Io parlo ogni giorno con i responsabili sanitari e dell'Ausl che per fortuna sono persone intelligenti e mi contattano sempre e io ho indicato loro, in un momento di carenza di vaccini, di non vaccinare chi ha avuto il Covid ed è guarito. Io aspetterei un secondo momento, quando il loro livello anticorpale scemerà. Io farei un monitoraggio non prima dei sei mesi dalla guarigione, per poi valutare se è il caso di sottoporre a vaccino. Anche se qui si creerebbe un altro problema, in questa fase. Di tempo, di organizzazione, di soldi' - conclude Cossarizza. Elementi che è chiaro costituiscono o costituiranno fattori importanti per stabilire priorità. 

Gi.Ga.


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
Email
 

Articoli Correlati
Reazioni avverse e morti: confronto Astrazeneca, Pfizer, J&J e Moderna
Societa'
31 Maggio 2021 - 13:40- Visite:357253
'Altro che Tachipirina, ecco come bisogna curare a casa il Covid'
Parola d'Autore
31 Gennaio 2021 - 14:37- Visite:275420
'Vaccini, ecco il rapporto tra la Lorenzin e le case farmaceutiche'
Politica
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:182517
Effetti indesiderati vaccino: confronto Pfizer, Moderna e Astrazeneca
Societa'
30 Aprile 2021 - 09:45- Visite:148059
Morti nelle Rsa per Covid, in Emilia Romagna dati peggiori d'Italia
Societa'
19 Aprile 2020 - 18:05- Visite:137732
Vaccini, eventi avversi: in Italia ad oggi 328 segnalazioni di morte
Societa'
11 Giugno 2021 - 07:00- Visite:134995

Societa' - Articoli Recenti
Vaccino, Svezia e Danimarca ..
Le azioni di Moderna sono crollate e stamattina registrano un meno 9%
07 Ottobre 2021 - 08:52- Visite:336
Vaccino in gravidanza: la certezza ..
A confronto l'appello alla vaccinazione di Ausl e Azienda ospedaliera che lanciano gli open ..
07 Ottobre 2021 - 08:30- Visite:116
In provincia di Modena 500 mila ..
Il dato comunicato oggi dall'Ausl. La percentuale più alta nella fascia 80-84 anni. Tutti i..
06 Ottobre 2021 - 22:18- Visite:157
Cortei pacifici anti Green Pass, la ..
I manifestanti potranno ritrovarsi in piazza Sant'Agostino ma non potranno sfilare né lungo..
06 Ottobre 2021 - 21:14- Visite:2804
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto ..
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40- Visite:357253
'Altro che Tachipirina, ecco come ..
L'ex primario del Pronto soccorso di Modena: 'Antinfiammatori ai primi sintomi e poi, se il ..
31 Gennaio 2021 - 14:37- Visite:275420
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 ..
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11- Visite:174603
Il sindacato dei carabinieri: ..
‘Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39- Visite:167960