La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Google+ Linkedin Instagram
notiziarioLa Provincia

Cani sbranati da cani, nuovi casi senza risposta

La Pressa
Logo LaPressa.it

A denunciare un altra serie di episodi Simona Magnani, Consigliere comunale Capogruppo di 'Noi Polinago', che chiede l'intervento delle istituzioni


Cani sbranati da cani, nuovi casi senza risposta

'Si chiamavano Pippo, Fuffy, Baddy, Pepe, Tommy, Bingo, Jack e sono solo alcuni dei cani predati e rinvenuti letteralmente divorati nelle pertinenze di alcune abitazioni e aziende agricole locali. Per altri come Rocky nemmeno si è più potuto recuperare il corpo per darne degna sepoltura perché mai più ritrovato'

A denunciarlo Simona Magnani, capogruppo del gruppo di minoranza consiliare “NOI Polinago”, dopo la segnalazione e la richiesta di intervento sul problema arrivata da alcuni cittadini, sul fenomeno dei numerosi casi di predazioni di cani domestici in montagna.

'La preoccupazione è tanta soprattutto per chi abita più isolato e servono risposte' - afferma il Consigliere.
'Una escalation di episodi che ormai da alcuni anni desta non poca preoccupazione in chi abita nelle aree rurali del nostro Appennino dove il miglior amico dell’uomo ha sempre convissuto liberamente nell’aia cortiliva a guardia della casa ed al più come dissuasore delle volpi a salvaguardia degli animali da cortile.
Purtroppo sono pochi quelli che denunciano formalmente tali episodi rispetto invece a quello che realmente accade, ma ciò non elimina il problema e le persone hanno bisogno di risposte concrete e di sapere come possono continuare a sentirsi sicure all’interno delle loro proprietà.
La paternità di questi attacchi non è infatti per niente chiara e determinata. Si parla genericamente di canidi senza però mai una precisa etichetta supportata da attestazioni analitiche sul campo. Identificare con precisione la tipologia del predatore (lupo, cani inselvatichiti, ibridi) è invece fondamentale per individuare gli Enti competenti in materia ma soprattutto mettere in campo le migliori strategie per arginare il problema. Già la regione in svariate pubblicazioni redatte di concerto con ISPRA ha sottolineato l’importanza dei campionamenti residui delle azioni predatorie per attestare e genotipizzare la vera natura del predatore.
Cosa si sta facendo a proposito? Da chi dobbiamo difenderci e chi deve intervenire? In materia di attacchi al bestiame esistono specifiche procedure anche ai fini della prevenzione, ma per gli animali da affezione? Queste sono alcune delle domande che non solo cittadini di Polinago, ma anche dei limitrofi territori di Prignano e Serramazzoni mi hanno più volte rivolto e che mi impegnerò a portare all’attenzione della Regione Emilia Romagna'

'I nostri animali domestici - prosegue Simona Magnani - hanno la fortuna di abitare in campagna, un territorio aperto e libero, solitamente pertinenza dell’azienda agricola e che non conosce il concetto di “confine fisico”.
E’ impensabile ipotizzare, come unica soluzione, il recintare tutto o condannare i propri animali domestici a vivere sempre al guinzaglio, rinchiusi in 4 muri o in piccoli box per proteggerli da possibili attacchi. Anche perché il normale portare a sgambare il cane nel proprio campo o nel boschetto dietro casa, o la passeggiata domenicale non si affrontano più con la spensieratezza di un tempo.
Forse per chi non la vive in prima persona è impossibile da credere, ma soprattutto se si abita più isolati si convive con l’ansia anche perché gli avvistamenti di lupi nei pressi delle case sono sempre più frequenti. Servono risposte e si intervenga al più presto con una concreta gestione del fenomeno'



Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
Molossi si azzuffano a Mutina Boica, ferito il proprietario di uno dei..
La Nera
10 Settembre 2017 - 14:00- Visite:12633
Pellacani, Forza Italia: è necessaria una riorganizzazione sanitaria ..
Politica
31 Ottobre 2017 - 19:15- Visite:10989
Addio Punto nascite, così si va verso lo smantellamento dell'ospedale
La Provincia
10 Giugno 2017 - 13:40- Visite:10761
Mozione pro legge urbanistica regionale, Forza Italia salva il Pd
Politica
19 Ottobre 2017 - 23:59- Visite:10612
Da Sassuolo, sei nuove unità cinofile pronte per la Protezione Civile
La Provincia
08 Ottobre 2017 - 09:50- Visite:10153
'Caso Vaciglio: i soliti noti e il saldo zero da creduloni'
Parola d'Autore
27 Settembre 2017 - 11:07- Visite:9961
La Provincia - Articoli Recenti
La mappa de nuovi contagi: 17 casi a ..
Si registrano anche 5 nuovi casi a Sassuolo e Formigine, 3 a Castelvetro, San Felice, Novi e..
19 Marzo 2020 - 18:09- Visite:5870
Restrizioni violate, altri 20 ..
I risultati dei controlli di Polizia di Stato e Carabinieri, in tutta la provincia nelle ..
19 Marzo 2020 - 15:10- Visite:267
Mirandola, ampliata l’area per il ..
Fino a 26 posti letto dedicati ai pazienti con sospetto coronavirus e in attesa di tampone. ..
18 Marzo 2020 - 19:14- Visite:199
Parchi e cimiteri chiusi anche a ..
Il nuovo provvedimento si aggiunge ai messaggi lanciati tramite i social, via sms e ..
17 Marzo 2020 - 18:35- Visite:716


La Provincia - Articoli più letti


Nonantola, sfrattata e con una gamba ..
La drammatica vicenda di Simona. Il sindaco di Nonantola, sollecitato anche da dirigente ..
18 Ottobre 2018 - 10:43- Visite:152261
Orrore di Bibbiano, onlus coinvolta ..
Trincia: 'Arrestato Claudio Foti, responsabile del Centro Hansel e Gretel, lo stesso da cui ..
27 Giugno 2019 - 15:22- Visite:30646
Rintracciata la mamma scomparsa col ..
Ora i carabinieri procederanno come previsto dalla legge per sottrazione di minore, sempre ..
29 Settembre 2019 - 10:57- Visite:30402
Coronavirus, allerta rossa a Carpi. ..
L'ordinanza è motivata dal fatto che la situazione a Carpi «ha delle peculiarità rispetto..
25 Febbraio 2020 - 14:33- Visite:22732