Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
Società Dolce: fare insieme
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
notiziarioLettere al Direttore

'Sacca, il sindaco ha sindrome da primo della classe senza esserne all'altezza'

La Pressa
Logo LaPressa.it

La lettera di una residente di via Paltrinieri dopo l'Assemblea al Palaroller: 'Altro che cittadini con sindrome di Nimby, l'amministrazione non ascolta'


'Sacca, il sindaco ha sindrome da primo della classe senza esserne all'altezza'
'Nelle discussioni ambientalistiche sembra essere diventato di moda, quando non si riesce più a controbattere, utilizzare l’accusa “hai la sindrome di NIMBY”. Anche il sindaco Muzzarelli, a conclusione dell’incontro al Palaroller della Sacca, ha sbottato, a fine serata, dicendo “ma Voi alla Sacca avete proprio la sindrome di Nimby” per poi chiudere l’incontro senza rispondere alle analisi e alle richieste pervenute dal pubblico durante gli interventi individuali.
Questa è la sindrome del primo della classe: la crisi che colpisce chi vuole primeggiare e si accorge di non essere più all’altezza.

Come è possibile non riuscire più trovare l’accordo con i cittadini? Eppure Muzzarelli è al suo secondo mandato, i modenesi lo hanno gratificato per quanto ha fatto nel primo mandato e lo hanno rieletto! Ma il potere logora anche e soprattutto chi ce l’ha e quindi non si ascoltano più i cittadini (risposta dell’assessora Vandelli: “se a voi non piace questo progetto, ebbene a me piace”), si convocano riunioni solo per una questione di forma, si fanno progetti minimizzando i problemi e tardando le comunicazioni (la cittadinanza è stata informata quando già il progetto dei tecnici Conad vantava già qualche centinaia di pagine), si trovano scuse nelle pieghe della legge (la Sacca è ancora, come negli anni 50, un quartiere semi-residenziale), si portano avanti altre iniziative in zona (chiesetta Ricci) per distogliere l’attenzione!

Un anziano residente della Sacca ha raccontato le difficoltà che incontrò, negli anni 60, a vivere a diretto contatto con l’attività industriale: notti insonni perché Civ & Civ imbottigliava 24h su 24. Ma era il boom economico, la ripresa dopo la guerra, la corsa per dimenticare il passato e costruirsi una nuova vita! Questa era la situazione, ma oggi i cittadini non vogliono più solo sopportare; hanno studiato, hanno raggiunto una certa agiatezza intellettuale ed economica, non vogliono essere calpestati anzi vogliono essere partecipi. Come è possibile avere un lungo muro di cemento alto
30 metri a pochi, pochissimi, metri dalle proprie finestre? Come è possibile accettare il passaggio di ulteriori 720 tir al giorno a lato del proprio giardino e delle proprie finestre? Come è possibile cedere parte di parco pubblico ad esclusivo utilizzo di un potente privato? Il Polo Logistico Conad deve trovare una sistemazione adeguata lontano dalla vita famigliare delle persone! Perché si vuole far passare che il nuovo polo logistico porterà lavoro quando invece sarà completamente automatizzato e porterà anche alla chiusura dello stabilimento di Anzola con i relativi licenziamenti?

Ecco invece il nostro PIMBY: chiediamo che il quartiere Sacca diventi residenziale, chiediamo che Civ & Civ diventi un’area verde separata dalla tangenziale da montagnole antirumore e tanti alberi ad alto fusto a protezione dello smog, proponiamo che gli ambienti Civ & Civ diventino un luogo di aggregazione per la cittadinanza multietnica della Sacca che ha bisogno di essere integrata, chiediamo ciclabili che ci permettano di raggiungere il centro storico in sicurezza, vogliamo che a Modena, in tutta Modena, l’aria ritorni respirabile in modo da poter raggiungere gli obiettivi fissati dall’Unione Europea per il 2050, quando molti di noi non ci saremo più ma ci saranno i nostri figli e i nostri
nipoti che ci diranno grazie'

MGV - Sacca


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 

Società Dolce: fare insieme

Lettere al Direttore - Articoli Recenti
Modena, la teorica mobilità ..
Inviterei gli assessori, i geometri, gli ingegneri, i tecnici comunali che si occupano di ..
24 Novembre 2022 - 21:47
'Campagna vaccinale, così la scienza..
Giovanardi: 'Nessuna riposta dalle istituzioni sanitarie modenesi sulla richiesta di ..
22 Novembre 2022 - 22:31
Green pass, io non so se potrò mai ..
Non credo ci sia nulla che possa risarcire tutto quello che hanno subito le persone che non ..
02 Novembre 2022 - 17:01
Vaccini, ecco perchè condivido in ..
Nella mia vita ho visto diverse epidemie, allora non si usava il termine pandemia perché ..
27 Ottobre 2022 - 22:03
Lettere al Direttore - Articoli più letti
Io, vittima del green pass: qualcuno ..
Resistere per poter raccontare alle future generazioni che anche nelle avversità, se pure ..
16 Febbraio 2022 - 21:48
Follia green pass, a 760mila ragazzi ..
Vietato ad esempio andare a mangiare una pizza con gli amici, andare al cinema, andare al ..
25 Gennaio 2022 - 14:45
Sono a rischio trombosi: nessuna ..
L'Aulss di competenza mi ha comunicato che il medico di base mi ha cancellato dalla lista ..
14 Febbraio 2022 - 14:46
Ex primario Ps Modena: 'Covid, ecco ..
Daniele Giovanardi entra nel dettaglio dei farmaci da adottare. Clorochina (Plaquenil) al ..
06 Novembre 2020 - 20:51