La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Google+ Linkedin Instagram
progettiQuelli di Prima

Errani e le bugie ripetute

La Pressa
Logo LaPressa.it

L’omaggio interessato di Legacoop


Errani e le bugie ripetute

Nel Ventennio lo chiamarono Minculpop. Un ministero con il preciso scopo di propagandare il bello e il buono del regime fascista. Lo strumento era piuttosto grezzo, è vero, ma la strategia era chiara fin da allora: ripetendo ossessivamente un bugia si finisce per convincere le persone che sia la verità. Oggi gli strumenti sono più sofisticati, non vi è più un ministero ad hoc, la stampa è (teoricamente) libera e la possibilità di critica è (formalmente) garantita. Ma quel vizio di ripetere con fermezza e convinzione una bugia nella speranza la gente vi creda resta. Scuola Berlusconi per parlare di tempi più recenti. «Il modello-Emilia di ricostruzione », «l’Emilia ricostruita subito e bene», «l’Emilia più forte di quattro anni fa». Tutti questi slogan usati da Matteo Renzi e a seguire dalla corte guidata da Stefano Bonaccini e dall’intero establishment Pd per giustificare la nomina di Vasco Errani a commissario per il sisma del Centro Italia sono banalmente falsi.  Va detto, pacatamente, senza banderuole politiche di destra o di sinistra o stellate come nei cieli cartonati dei presepi. Va detto perchè è la verità. E non perchè si ha il Verbo in tasca, non perchè ci si creda novelli Atlante con la volta celeste sulla schiena, ma perchè basta guardare. Basta andare a Cavezzo, Mirandola, Medolla, Novi, Finale per essere presi dallo sconforto di centri-fantasma. Basta pensare alle famiglie ancora fuori casa. Basta leggere delle inchieste sul cemento farlocco a Finale, basta prendere atto dell'intromissione della ‘ndrangheta nella filiera dello smaltimento delle macerie (puntuale a riguardo l’ultimo articolo sull’Espresso a firma di Giovanni Tizian), basta ricordarsi come a luglio del 2012 il commissario per l’emergenza, Errani, avesse stanziato 56 milioni di euro per ricostruire entro la fine di settembre, edifici scolastici temporanei dopo il crollo di quelli esistenti e come in quel contesto comparisse la società di Augusto Bianchini ora imputato per concorso esterno e sospettata di aver smaltito amianto in alcuni cantieri della ricostruzione. E allora, se così è, Renzi, Bonaccini, la Bursi, Mezzetti, tutto il Pd unito trionfalmente può urlare «ricostruzione perfetta, modello emiliano, Errani santo subito» che non serve. Il cielo per quanto lo si voglia verde resta blu. E le bugie dette mille volte fanno solo mille bugie e non una verità. Per onore a chi vive nei paesi distrutti dal terremoto e per onore della verità stessa. Che - pur nel pantano del relativismo, nella selva di chi fugge senza salutare, nelle catene del servilisimo terrorizzato e sotto ricatto, nella retorica del ‘tutto bene’ p u rch è ci sia un posto per me, contadino o giornalista borghese - deve pur esistere. Come ilGiusto. E intanto, in tutto questo, Legacoop Emilia omaggia san Vasco Errani così: «Ottima scelta per sfida molto impegnativa. Tenacia, onestà, competenza. Auguri». Sì, auguri e che la forza delle cooperative sia nella ricostruzione in Centro Italia! Come in Emilia. Come da Sistema.

DUE GIORNI DOPO…

Lo abbiamo scritto ieri l’altro e, visto che uno dei diretti interessati si è fortemente lamentato, lo ribadiamo perchè ne siamo certi e siamo certi non vi sia nulla di cui scusarsi: affermare che la ricostruzione in Emilia è «un modello» e che le zone terremotate «sono ancora più forti di 4 anni fa» è una bugia. Che a dirlo sia Matteo Renzi, Stefano Bonaccini, o tutto il Pd all’unisono con sottofondo la corale Rossini poco importa. E’ una bugia. Nessuno ha mai osato dire a questi amministratori di avere detto bugie? Eh, va beh, c’è sempre una prima volta. Poi ovviamente si può querelare e fare di tutto. Ma la bugia resta. Non c’è nulla da offendersi (non è mica come dare del mafioso a qualcuno come ha fatto ad esempio con noi il senatore Pd Stefano Vaccari o il referente di Libera Maurizio Piccinini, che oggi querelerò, con l’assurdo silenzio dell’assessore alla legalità regionale Massimo Mezzetti ndr), non è lesa maestà fotografare il reale. L’Emilia (intesa come quella fetta di territorio in gran parte modenese) distrutta dal sisma del 2012 non è stata ricostruita «subito e bene» come ha affermato il premier Renzi per giustificare la nomina a commissario in Centro Italia di Vasco Errani. Non è vero che chi critica la ricostruzione «è accecato d al l ’odio politico e spara baggianate » come ha scritto Bonaccini. Non è vero. E’una bugia. Una balla, se si preferisce il termine più volgare. Una «baggianata» per citare il governatore bersaniano convertitosi a Renzi. E lo ribadiremo finchè (magari per poco, ma non importa) avremo voce. Oh, sia chiaro. Questo non significa che nulla è stato fatto nella Bassa terremotata. Questo non significa sminuire il lavoro dei volontari, delle imprese sane e dei sindaci che si sono impegnati in buona fede. Non significa il non riconoscere al l’allora presidente della Regione Errani il merito di avere creato un sistema di ordinanze sul sisma che hanno colmato il vuoto normativo nazionale. Ma imodelli sono altra cosa. I modelli non prevedono inchieste per l’uso di cemento depotenziato nella ricostruzione di una scuola a Finale Emilia, non prevedono infiltrazioni della ‘ndrangheta nei cantieri post sisma, non prevedono famiglie ancora fuori casa dopo 4 anni dalle scosse, non prevedono faldoni assurdi e volutamente pieni di limitante burocrazia per ottenere i risarcimenti dovuti. I modelli non prevedono centri fantasma e aziende e commercianti che resistono solo per dimostrare a se stessi di non cedere. Eroi senza corazza. Uomini nudi di fronte a loro stessi. Ai loro specchi e ai loro fantasmi. Ecco questo si può dire e va detto, cari Bonaccini, Renzi, Calvano, Bursi, Bortolamasi e compagnia cantante. E poi ognuno si muova come crede. Ma per amore di verità, per dovere professionale, per rispetto della propria coscienza, per solidarietà verso chi a Mirandola, Finale, Cavezzo ha perso tutto, va detto, ribadito e urlato. Che almeno si possa urlare questo. Cavolo. E urlarlo non perchè si è stupidamente grillini a casaccio. Ma (anche) perchè di cortigiani, di uomini del sì, di gente che «va bene tutto pur di compiacere il capo» forse, rimanendo sul locale, anche il premier Renzi ne ha abbastanza intorno. E ovviamente non è questo il punto. Infine, ma non da ultimo, una parola sulla libertà di informazione. Ammesso (per assurdo) non si concordi nel ritenere che sia una «bugia» affermare che la ricostruzione in Emilia non è stata «perfetta», questo non significa non sia lecito esprimere una opinione. La politica, Pd in primis, predica il pluralismo e osanna formalmente le « schiene dritte», salvo poi provarle a piegare a suon di bastonate (metaforiche) o offese da un palco pubblico. Questo è i l grado di libertà di informazione a Modena. E dirlo è doveroso. E se si rischia (ma i rischi purtroppo sono altri) ne vale la pena. E continuare pure.



Giuseppe Leonelli
Giuseppe Leonelli

Direttore responsabile della Pressa.it.
Nato a Pavullo nel 1980, ha collaborato alla Gazzetta di Modena e lavorato al Resto del Carlino nelle redazioni di Modena e Rimini. E' stato ..   Continua >>


Profilo Linkedin di Giuseppe Leonelli Indirizzo Email di Giuseppe Leonelli 


Articoli Correlati


'Vaccini, ecco il rapporto tra la Lorenzin e le case farmaceutiche'
Politica
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:127821
Segretario Pd: ‘Votare Lega significa essere idioti’
Politica
04 Agosto 2018 - 11:35- Visite:86658
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi del Sistema. E Muzzarelli trema
Il Punto
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:42941
'Festa Unità: è il vuoto totale, a Modena non esiste centrosinistra'
Parola d'Autore
31 Agosto 2018 - 11:38- Visite:38456
Grandinata devastante su Modena: danni alle auto e alberi abbattuti
La Nera
22 Giugno 2019 - 15:59- Visite:34275
M5S: 'Lavoro festivo, ridare diritti ai lavoratori del commercio'
Politica
27 Marzo 2018 - 15:08- Visite:32720
Quelli di Prima - Articoli Recenti
... E ci passavi così tanto tempo che ..
Per poi ritornare...
03 Gennaio 2014 - 23:39- Visite:11278
Libera, le consulenze di Enza Rando
L’avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un ..
02 Gennaio 2014 - 19:36- Visite:13374
Quando la Rando scrisse che Prima Pagina..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25- Visite:12202
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi «perfettamente integrati» E la Camorra ora «è più presente»
02 Gennaio 2014 - 13:54- Visite:11694


Quelli di Prima - Articoli più letti


AeC, la moglie di Muzzarelli nel ..
L’azienda, coinvolta nell’inchiesta ‘Cubetto’, finanziò la ..
01 Gennaio 2014 - 20:45- Visite:16938
Libera, le consulenze di Enza Rando
L’avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un ..
02 Gennaio 2014 - 19:36- Visite:13374
Quando la Rando scrisse che Prima Pagina..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25- Visite:12202
Brindiamo tutti con Casari
Che non manchino mai sorrisi e vittoria
01 Gennaio 2014 - 20:06- Visite:11830

Feed RSS La Pressa

Contattaci

Feed RSS La Pressa

Contattaci