I nostri lettori sono i tuoi futuri clienti
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
I nostri lettori sono i tuoi futuri clienti
articoliChe Cultura

Angelica Festival, trentesima edizione tra Bologna e Reggio Emilia

La Pressa
Logo LaPressa.it

Venerdì 11 settembre alle 21 serata di apertura affidata a The Mayfiled, con un progetto a cura di Heiner Goebbels


Angelica Festival, trentesima edizione tra Bologna e Reggio Emilia

Nato in occasione dell’opera ' Everything That Happened And Would Happen' di Heiner Goebbels, il gruppo The Mayfield rappresenta per il compositore tedesco una rara occasione di ritorno all’estetica della creazione collettiva. Quello che aprirà la 30esima edizione di AngelicA – venerdì 11 e sabato 12 settembre, sempre alle ore 21.00, al Centro di Ricerca Musicale Teatro San Leonardo di Bologna (Via San Vitale, 63) – è un progetto basato su improvvisazioni strutturate, citazioni di classici contemporanei rivisti come forme ibride, elaborate paritariamente tra musicisti di estrazioni diverse: la percussionista Camille Emaille viene dalla musica contemporanea, Cécile Lartigau è una virtuosa delle Onde Martenot, Nicolas Perrin lavora con l’elettronica digitale su una chitarra-midi di sua creazione, il sassofonista Gianni Gebbia è una presenza di spicco della scena improvvisativa internazionale, mentre Heiner Goebbels ritorna sulle sue preparazioni del pianoforte. Il tutto è mixato dal sound designer Willi Bopp.

The Mayfield è anche protagonista di una residenza di tre giorni, e di una registrazione, al Centro di Ricerca Musicale/Teatro San Leonardo, dal 10 all’11 settembre. The Mayfield è nato in occasione di una grande produzione e perfomance: 'Everything That Happened And Would Happen' di Heiner Goebbels, presentata in prima assoluta con 5 musicisti e 12 ballerini/performer a Manchester nel 2018. Da allora lo spettacolo è andato in scena al Park Avenue Armory di New York, alla Ruhrtriennale di Bochum, alle Olimpiadi del Teatro di San Pietroburgo e sarà presentato al Festwochen di Vienna l’anno prossimo. Prende il nome dall’omonimo deposito ferroviario di Manchester in cui l’opera è stata creata, sviluppata e presentata con successo numerose volte. Con la sua storia, il suo carattere e la sua acustica spettacolare, questa vasta sala, dura, scura, fredda, umida e sporca – costruita nel 1910, e abbandonata dagli anni ‘80 – ha influenzato anche l’estetica delle improvvisazioni che vi sono nate e che proseguiranno nei concerti di The Mayfield. Nella strumentazione del gruppo, fusi orari ed estetiche diverse comunicano fra loro. Camille Emaille crea materiale sonoro inedito con gli strumenti percussivi di un’orchestra classica (timpani, grancasse, tam-tam), Cécile Lartigau è una virtuosa delle Ondes Martenot, uno dei primi strumenti elettronici, creato nel 1920 e utilizzato in particolare nelle composizioni di Olivier Messiaen, Nicolas Perrin lavora con l’elettronica digitale su una chitarra-midi di sua creazione, mentre il sassofonista siciliano Gianni Gebbia, con la sua tecnica impeccabile, il virtuosismo nella respirazione circolare e un orecchio particolare per i suoni della musica folk, è un’importante presenza della scena della musica improvvisata internazionale fin dai primi anni ‘90. Un’altra particolarità di questo progetto è che rappresenta una rara occasione di ritorno per Heiner Goebbels al formato dell’improvvisazione, che aveva praticato ampiamente dalla metà degli anni ‘70 all'inizio degli anni ‘90 nel duo con Alfred Harth e con il trio di art rock Cassiber, ma poi messo da parte nei decenni successivi per dedicarsi ai ruoli di compositore e direttore di opere e radiodrammi. The Mayfield rappresenta invece un suo ritorno all’etica e all’estetica della creazione collettiva, tramite improvvisazioni strutturate, elaborate paritariamente da sei musicisti internazionali. Un ritorno all’improvvisazione nel quale ha svolto una parte significativa anche AngelicA, che nel corso di un lungo rapporto di collaborazione con il compositore ha fatto incontrare per la prima volta il compositore tedesco con Gianni Gebbia, per due duetti. E il loro incontro ha poi portato alla convocazione del sassofonista siciliano a far parte del gruppo di The Mayfield, nonché a proseguire il loro duo per una serie di concerti in tutta Europa.
Stefano Soranna


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
Email
 

Articoli Correlati
Doppio set ad Angelica festival questa sera a Bologna
Che Cultura
08 Ottobre 2020 - 11:40- Visite:752

Che Cultura - Articoli Recenti
Squid game, così vita e morte ..
La vita e la morte perdono la loro sacralità e ogni azione è governata dall’unico vero ..
25 Ottobre 2021 - 09:56- Visite:567
Modest Mussorgskij, il titano
Il compositore nasce a Karevo il 21 marzo del 1839 e la sua carriera non doveva essere ..
24 Ottobre 2021 - 19:04- Visite:420
Fourth Blood Moon, il free rock torna..
Con Eric Mingus, il figlio più giovane del grande Charles Mingus, e la forza dirompente ..
23 Ottobre 2021 - 23:01- Visite:299
Guitar solo: Eyal Maoz in concerto, ..
Al Teatro San Leonardo il compositore e chitarrista americano Eyal Maoz, in prima italiana
20 Ottobre 2021 - 21:02- Visite:548
Che Cultura - Articoli più letti
Gli italiani scoprirono che Muccioli ..
Intervista a Paolo Severi, uno dei protagonisti di SanPa, il documentario di Netflix. ..
17 Gennaio 2021 - 18:17- Visite:29281
Se la locomotiva di Guccini si ..
Guccini si scaglia contro l'opposizione brandendo l'arma più subdola, la bandiera di ..
27 Aprile 2020 - 10:59- Visite:21780
18 settembre 1977: al parco Ferrari ..
Il precedente al quale si aggrappa Muzzarelli per sperare che il primo luglio vada tutto ..
19 Giugno 2017 - 17:10- Visite:17426
La massoneria in Emilia e a Modena
Anche a Modena esiste una presenza Massonica organizzata tramite la Loggia 106 intitolata a ..
25 Giugno 2017 - 22:08- Visite:15380