I nostri lettori sono i tuoi futuri clienti
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
I nostri lettori sono i tuoi futuri clienti
articoliChe Cultura

Memoria Festival Mirandola: il programma di domenica 3

La Pressa
Logo LaPressa.it

Ultimo dei tre giorni di Festival con le tante riflessioni sul tema 'Imprendibile'. Nelle tre sale incontro allestite nel centro storico


Memoria Festival Mirandola: il programma di domenica 3

Domani, domenica 3 ottobre, si conclude il Memoria Festival – promosso dal Consorzio per il Festival della Memoria in collaborazione con Giulio Einaudi Editore – con un ultimo sguardo caleidoscopico all’universo di significati evocato dalla memoria.

Chi non vorrebbe iniziare la giornata con un bacio? Al Memoria Festival si può, nel Parco della Memoria alle 11 Marino Niola e Elisabetta Moro tracceranno la storia del proverbiale “apostrofo rosa”. Contemporaneamente nella Tenda della Memoria Giulio Busi, tra i massimi esperti di misticismo ebraico, ci introdurrà ai misteri della Kabbalah. La mattinata prosegue nella Tenda del Duomo alle 11.30 nel segno della diversità con Maya De Leo, studiosa di storia LGBT+ e teoria queer, che analizzerà le Differenze tra le varie soggettività ed esperienze che animano un insieme eterogeneo.

Si resta aggrappati al filo rosso dell’Imprendibile nella Tenda della Memoria alle ore 15 con l’autrice Melania Mazzucco che parlerà, all’interno del binomio Scrivere/dipingere, dell’elemento più inafferrabile e ricercato da ogni artista: l’ispirazione. Sempre alle 15, nella Tenda del Duomo, Roberto Sitia, ricercatore e docente di Biologia Molecolare all’Università Vita-Salute San Raffele di Milano, ci parlerà dell’elemento inafferrabile che ha cambiato radicalmente la nostra vita: Molto piccolo ma vivo (il virus). Si prosegue alle 15.30 nel Gazebo degli Archi con Il sentimento del non so che: Ernesto Franco, direttore editoriale di Einaudi e presidente del Comitato scientifico del Festival, tratteggerà storia ed eternità di ciò che siamo nei molti istanti della nostra vita. In contemporanea, nel Parco della Memoria, si viaggia in tutt’altra direzione con Giacomo Sguazzoni, ricercatore all’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, con cui entreremo nella materia fino al cuore del piccolo grande microcosmo che la compone: le Particelle. Al confine fra antropologia e archeologia, alle 17 nel Gazebo degli Archi, Olga Rickards ci introdurrà all’archeoantropologia, raccontandoci metodi, obbiettivi e prospettive di un campo di ricerca tutto volto a catturare i segnali del passato, per trovare i Volti della pietra. Nella Tenda della Memoria invece la leggenda dell’alpinismo Nives Meroi (ore 17), ci trascinerà su vette altissime ripercorrendo le sue imprese. Alle 17.30 nella Tenda del Duomo Vera Gheno sociolinguista seguitissima sui social, inviterà a riflettere sul Buon uso delle parole, e sull’importanza e il potere di una buona comunicazione, mentre nel Parco della Memoria Patrizia Valduga, la “diva” della poesia italiana offrirà al pubblico del Memoria Festival i suoi sorprendenti versi da Belluno. Andantino e grande fuga (Einaudi, 2019).

Tre incontri imperdibili alle 19 chiudono il pomeriggio del Festival: nel Parco della Memoria Andrea Severi ci parlerà del rapporto Tra Pico e Dante, mentre nel Gazebo degli Archi Giorgio Ieranò scandaglierà le profondità del Mare alla ricerca di miti e leggende. E infine nella Tenda della Memoria l’incontro con Giacomo Poretti: il 33,33% del famosissimo trio Aldo, Giovanni e Giacomo prima della notorietà faceva l’infermiere e ci porterà con se in un classico Turno di notte ospedaliero.

La serata è ricca di eventi che chiudono in bellezza questi tre giorni di Festival. La scrittrice finalista del Premio Strega 2021, Donatella Di Pietrantonio esplorerà accenti e significati dei legami che si creano fra persone e luoghi e l’intimità dei rapporti familiari, come la Sorellanza (Tenda del Duomo, ore 21), mentre nel Gazebo degli Archi Fernanda Alfieri ricostruirà la storia di uno degli esorcismi più noti di Roma, attraverso il suo libro Veronica e il diavolo (Einaudi). Sempre alle 21 nella Tenda della Memoria Marino Bartoletti con un evento in occasione dei primi 45 anni di Radio Pico ripercorrerà oltre quattro decenni di musica, spettacolo e sport del nostro Paese, e nel Parco della Memoria Marino Niola e Giuliana Gargiulo parleranno di ciò che c’è Sotto la maschera di Pulcinella, il principe degli imprendibili. Infine all’Aula Magna Rita Levi Montalcini (ore 21) il concerto-racconto con Sandro Cappelletto e Maria Perrotta al pianoforte L’arte della fuga di Johann Sebastian Bach.

Continuano anche i laboratori per grandi e piccini che accompagnano le tre giornate del Festival, s’inizia alle 15 in Piazza Costituente con Cresciamo lib(e)ri a cura di Alfonso Cuccurullo, esperto di lettura ad alta voce, che darà vita alle storie che incantano e divertono i più piccoli, e si prosegue alle 16 nei Portici di Palazzo Bergomi con Allenare la memoria! con sessioni speciali per allenare la memoria. Infine alle 17.30 in Piazza Costituente Anna Vivarelli ci racconterà le Storie incredibili di animali straordinari. Prosegue anche l’incontro con le voci dei grandi interpreti del passato: alle 15 nell’Aula Magna Rita Levi Montalcini ascolteremo Franca Valeri interpretare la signorina snob e la sora Cecioni.

Tutti gli eventi sono a ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria, fino ad esaurimento posti. L’accesso agli incontri sarà consentito esibendo una Certificazione Verde Covid-19 (Green pass). Prenotazioni online sul sito www.memoriafestival.it.


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
Email
 


Che Cultura - Articoli Recenti
Squid game, così vita e morte ..
La vita e la morte perdono la loro sacralità e ogni azione è governata dall’unico vero ..
25 Ottobre 2021 - 09:56- Visite:368
Modest Mussorgskij, il titano
Il compositore nasce a Karevo il 21 marzo del 1839 e la sua carriera non doveva essere ..
24 Ottobre 2021 - 19:04- Visite:372
Fourth Blood Moon, il free rock torna..
Con Eric Mingus, il figlio più giovane del grande Charles Mingus, e la forza dirompente ..
23 Ottobre 2021 - 23:01- Visite:292
Guitar solo: Eyal Maoz in concerto, ..
Al Teatro San Leonardo il compositore e chitarrista americano Eyal Maoz, in prima italiana
20 Ottobre 2021 - 21:02- Visite:543
Che Cultura - Articoli più letti
Gli italiani scoprirono che Muccioli ..
Intervista a Paolo Severi, uno dei protagonisti di SanPa, il documentario di Netflix. ..
17 Gennaio 2021 - 18:17- Visite:29255
Se la locomotiva di Guccini si ..
Guccini si scaglia contro l'opposizione brandendo l'arma più subdola, la bandiera di ..
27 Aprile 2020 - 10:59- Visite:21770
18 settembre 1977: al parco Ferrari ..
Il precedente al quale si aggrappa Muzzarelli per sperare che il primo luglio vada tutto ..
19 Giugno 2017 - 17:10- Visite:17413
La massoneria in Emilia e a Modena
Anche a Modena esiste una presenza Massonica organizzata tramite la Loggia 106 intitolata a ..
25 Giugno 2017 - 22:08- Visite:15378