Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Mivebo
articoliChe Cultura

Venti anni senza Giorgio Gaber: l’ironia che smascherava il potere

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il primo gennaio 2003 moriva a 63 anni il Signor G. La sua lezione resta


Venti anni senza Giorgio Gaber: l’ironia che smascherava il potere

Sono passati 20 anni dalla morte di Giorgio Gaber. Il primo gennaio 2003 moriva il Signor G, ma la sua lezione resta immortale. Una non lezione in realtà quella di Gaber, fatta di una ironia dissacrante capace di svelare l'ipocrisia del potere sempre e comunque descritto come autoreferenziale, moralista e condannato a deludere le aspirazioni di cittadini illusi e fiduciosi. Il potere dei più buoni, di chi abbraccia le piante e pensa al benessere delle specie in via d'estinzione, ma che, al di là delle apparenze, tradisce chi lo ha votato. 

Resta l'orgoglio di una razza in estinzione e di una intera generazione sconfitta ma che comunque ci ha provato e resta la nostalgia per le grandi ideologie frettolosamente archiviate. Resta una idea di comunismo romantica e disillusa fondata su quella libertà partecipata nella quale col tempo nemmeno Gaber credeva più.


E poi la leggerezza, il gusto del sorriso e del gioco che scardina totem apparentemente intoccabili (come il rito delle elezioni e della cosiddetta 'democrazia') e spalanca le finestre delle stanze imbiancate dal politicamente corretto.

Gaber e Luporini hanno regalato uno spaccato d'Italia libero e ripulito da ogni dover essere. E adesso? Adesso davvero ci si sente come in due, da una parte l'uomo inserito che attraversa ossequiosamente lo squallore della propria sopravvivenza quotidiana e dall'altra il gabbiano senza più neanche l'intenzione del volo. Perché il sogno ormai si è rattrappito. Adesso è esattamente così. Con l'aggravante che non c'è più Giorgio Gaber a ricordarlo.



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 


Che Cultura - Articoli Recenti
Carnevale di Cento, gli occhi ..
Sorrisi che si intrecciano con le emozioni, come quando il grande cuore del dolce ..
05 Febbraio 2023 - 17:14
Serata in musica in ricordo di Gigi ..
Sabato 4 febbraio alla Tenda l’iniziativa alla presenza degli amici del batterista ..
03 Febbraio 2023 - 11:57
Torna il Carnevale di Cento targato ..
Cento si prepara ad un mese di grande festa, che si svolgerà nel periodo 5-12-19-26 ..
03 Febbraio 2023 - 01:26
Brand di design: i più famosi
Ecco i brand di design che hanno saputo creare un'estetica unica e distintiva. Da Kartell a ..
01 Febbraio 2023 - 17:36
Che Cultura - Articoli più letti
Gli italiani scoprirono che Muccioli ..
Intervista a Paolo Severi, uno dei protagonisti di SanPa, il documentario di Netflix. ..
17 Gennaio 2021 - 18:17
Se la locomotiva di Guccini si ..
Guccini si scaglia contro l'opposizione brandendo l'arma più subdola, la bandiera di ..
27 Aprile 2020 - 10:59
Agamben: 'Dopo questi 2 anni metto in..
'Se non si ripensa da capo che cosa è progressivamente diventata la medicina non si potrà ..
04 Dicembre 2022 - 15:22
18 settembre 1977: al parco Ferrari ..
Il precedente al quale si aggrappa Muzzarelli per sperare che il primo luglio vada tutto ..
19 Giugno 2017 - 17:10