Candidati elezioni Modena, tutto nelle mani di Barcaiuolo e Bonaccini
Società Dolce: fare insieme
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
e-work Spa
articoliIl Punto

Candidati elezioni Modena, tutto nelle mani di Barcaiuolo e Bonaccini

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il futuro amministrativo di Modena, guidata ininterrottamente dalla stessa area politica da 80 anni, è legato alle scelte dei due capicorrente


Candidati elezioni Modena, tutto nelle mani di Barcaiuolo e Bonaccini
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

La differenza tra centrodestra e centrosinistra nella scelta delle candidature in vista del voto a Modena è tutta nella forma: la sostanza non cambia. Da una parte il Pd mette in campo la solita vecchia narrazione del 'percorso condiviso', dell''ascolto del territorio' e della 'partecipazione' con tanto di primarie, ma alla fine è chiaro come il sole che a decidere il candidato sindaco della coalizione di centrosinistra a Modena sarà di fatto Stefano Bonaccini (con qualche timido tentativo di influenza da parte dell'uscente Giancarlo Muzzarelli e del braccio destro della Schlein, Stefano Vaccari). Alla faccia del coinvolgimento degli iscritti

Dall'altra parte parte Fdi, più coerentemente, non ha nemmeno annunciato di aprire un momento di confronto e discussione sulla individuazione del candidato primo cittadino. A decidere sarà il leader stesso di Fdi Michele Barcaiuolo.

Il senatore meloniano prima di tutto sa di non avere una corrente critica interna al suo partito (partito gerachico per sua natura che esclude scalate dell'ultimo minuto), in secondo luogo scommette sul fatto che gli alleati minori, Lega e Forza Italia, si adatteranno senza aprir becco a qualsiasi nome egli sceglierà, in virtù di un accordo nazionale. Come del resto egli si adattò nel 2019 al progetto (rivelatosi fallimentare) guidato da Stefano Prampolini, allora imposto dalla Lega. E pazienza se un tempo era proprio Barcaiuolo, quando rappresentava la minoranza interna al centrodestra, a chiedere le primarie per individuare i candidati migliori.

Insomma, ancora una volta, il futuro amministrativo di Modena, guidata ininterrottamente dalla stessa area politica da 80 anni, è legato alle scelte dei due capicorrente, Stefano e Michele, i cui rapporti personali peraltro - al di là del gioco delle parti - sono tutt'altro che di scontro.



Bonaccini sceglierà partendo innanzitutto dalla analisi del proprio percorso politico individuale. Il governatore emiliano, vista tramontata l'ipotesi di un terzo mandato, proverà la scalata a Bruxelles, sperando di non incappare in un avversario ostico come Luca Zaia. Dovesse sfumare la certezza di un posto in Europa, allora non è esclusa neppure una sua candidatura a Modena, una sorta di passo indietro oggi per poter fare due passi avanti domani. O comunque per non troncare la propria carriera.
Barcaiuolo, dal canto suo, non ha mai fatto mistero di preferire un candidato di partito a un nome civico, sapendo che, sullo sfondo, resta la candidatura di Daniela Dondi, la quale, forte di un consenso che va al di là del recinto meloniano, conferma ancor oggi la disponibilità a vestire la fascia tricolore. Anche a costo di dire addio al seggio alla Camera.
E in questo gioco delle parti la tempistica avrà un ruolo dirimente. Fdi aspetterà che sia il Pd a lanciare il proprio candidato e a quel punto (presumibilmente a metà febbraio) svelerà il proprio nome.
In mezzo stanno i cittadini, soprattutto i tanti che aspettano da sempre una ventata di novità che liberi Modena dalle inevitabili incrostazioni di un eterno monocolore.
Giuseppe Leonelli

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

Il Punto - Articoli Recenti
Modena: il Pd ha stravinto, ma Negrini non meritava di restare solo
A Negrini non avevano detto tutto e ora, all’apparir del vero, il rischio è quello di ..
10 Giugno 2024 - 19:48
Europee a Modena, il valzer preferenze: male Fdi e Cavedagna incassa meno del previsto
A Modena prende solo poco più della metà delle preferenze che Bignami avrebbe chiesto a ..
10 Giugno 2024 - 11:52
Modena, il Pd ostenta sicurezza ma il ballottaggio è possibile
Intanto Luca Negrini non alza il livello dello scontro e non reagisce personalmente alle ..
06 Giugno 2024 - 10:26
Voto a Modena, Mezzetti perde la 'gentilezza': la destra torna ad essere il 'nemico'
Addirittura una destra locale tratteggiata come colpevolmente e consapevolmente ..
04 Giugno 2024 - 07:51
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58