Assurdo esaltare i costumi dell'impero romano per difendere l'estremismo Lgbtq
App
Società Dolce: fare insieme
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
App
articoliParola d'Autore

Assurdo esaltare i costumi dell'impero romano per difendere l'estremismo Lgbtq

La Pressa
Logo LaPressa.it

C'è da rimanere a dir poco sconcertati a sentirsi dire che la nostra società sarebbe retrograda rispetto alla vita comune del secondo secolo dopo Cristo


Assurdo esaltare i costumi dell'impero romano per difendere l'estremismo Lgbtq
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

In queste settimane di Gay Pride in corso in tante città italiane, ne abbiamo sentite di tutti i colori in difesa dei presunti diritti rivendicati dal mondo Lgbtq (utero in affitto, adozione dei bambini...). 
Credo però che Concita De Gregorio nella sua trasmissione In Onda, trasmessa dalla 7, abbia superato ogni limite per tentare di colpire quelli che considera omofobi solo perchè non si allineano con la parte più estremista del mondo omosessuale.
La De Gregorio ci ha informato infatti che in Italia 'siamo retrogradi rispetto alla vita comune del secondo secolo Dc' e 'alla cultura dell'antica Roma' in tema di diritti, invitando tutti a visitare a Roma la Mostra Vita Dulcis di Francesco Vezzali, dove sono esposti i busti dell'Imperatore Adriano e del suo amante Antinoo.

Ora, come è noto, se c'era un Istituto sacro per i Romani era proprio quello del matrimonio, il cui presupposto fondamentale era che fosse stipulato tra un uomo ed una donna.

Poi c'era davvero una grande libertà sessuale in quanto il cittadino romano, mantenendo esclusivamente un ruolo attivo, poteva avere liberamente rapporti con schiavi, liberti o prostituti, ma non con cittadini romani.
Le cronache raccontano di due controversi episodi di Imperatori che farebbero eccezione alla regola, uno riguardante Nerone, che invaghito di un liberto, lo avrebbe fatto castrare per avere rapporti con lui, e l'altro Eliogabalo, che oltre a cinque mogli avrebbe avuto un rapporto con lo schiavo Zotico, che definiva suo marito.

Nella Roma antica, sino al tardo periodo imperiale, convissero poi accanto a monumenti insuperabili di sapienza come il diritto civile, riti crudeli come i ludi gladiatori, dove esseri umani trovavano una morte orribile per soddisfare negli Anfiteatri la morbosa e perversa attenzione del pubblico. Una sorte questa purtroppo toccata anche a tanti Cristiani, pubblicamente impalati, bruciati viti o dati in pasto alle belve.

Questo accadeva all'interno di una, per altri aspetti, raffinata civiltà la cui economia però per secoli ha funzionato tramite lo sfruttamento di milioni di schiavi, uomini e donne privati di ogni diritto e sui quali il padrone poteva esercitare un dominio pieno ed assoluto, sino alla condanna a morte se lo riteneva necessario.

C'è pertanto da rimanere a dir poco sconcertati a sentirsi dire che la nostra società sarebbe retrograda rispetto alla vita comune del secondo secolo dopo Cristo. Se vogliamo essere seri dobbiamo riconoscere che nel mondo romano se qualcuno avesse proposto il matrimonio tra due uomini sarebbe stato linciato ma si andava ben al di là dell'utero in affitto nel momento che le schiave e i figli delle schiave erano considerati delle cose di cui i Padroni potevano disporre a piacimento, compreso venderli al migliore offerente. Teniamoci pertanto quello che c'è di buono nella tradizione del diritto romano ed evitiamo di esaltarne gli aspetti più squallidi e ripugnanti, che solo la diffusione del Cristianesimo è riuscita a correggere.
On. Carlo Giovanardi - Popolo e Libertà

Nella foto i busti di Adriano e Antinoo, uno accanto all'altro

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Società Dolce: fare insieme

Feed RSS La Pressa
Parola d'Autore - Articoli Recenti
Regionali, se in casa Fdi è già partito il toto-scommesse...
Capolista, secondo diversi bene informati e già disposti a puntate sicure, almeno a vedere ..
02 Luglio 2024 - 13:55
San Possidonio, da Fdi inutile polemica su timbri e matite davanti a una epocale sconfitta
Il loro candidato Donato Bergamini ha preso 300 voti in meno alle comunali rispetto alle ..
21 Giugno 2024 - 21:00
Siulp: 'Aggressioni e violenze alle Forze dell'Ordine, cresce il disagio'
L'intervento del Segretario provinciale Siulp Roberto Butelli. Dal caso di Ascoli Piceno una..
12 Giugno 2024 - 18:28
'Il futuro di Modena passa per il sostegno alla maternità'
L'intervento di Grazia Ruini e Andrea Mazzi, candidati consiglieri comunali Lista civica ..
06 Giugno 2024 - 15:45
Parola d'Autore - Articoli più letti
Obbligo vaccinale per insegnanti, agenti e medici? Bene, ma allora non si chieda il consenso
'A questo punto consiglio a tutti i bravi cittadini di offrire senza esitazione il braccio ..
25 Novembre 2021 - 19:40
Follia Green pass, i bambini prime vittime di una società disumana
A questo punto davanti a questi adulti privi di cuore e di anima, non ci resta che sperare ..
08 Febbraio 2022 - 12:52
'Il vaccino non rende immuni: questo fa decadere ogni obbligo'
Giovanardi: 'Stupisce e sconforta che gli Ordini Professionali si accaniscano contro ..
29 Dicembre 2021 - 21:23
'Festa Unità: è il vuoto totale, a Modena non esiste centrosinistra'
Il Psi: 'Da Muzzarelli lettera piena di dignità e di passione ma anche di un inascoltato ..
31 Agosto 2018 - 11:38