Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
Onoranze funebri Gibellini
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Iscriviti al Canale YouTube de La Pressa
articoliPolitica

Modena, Pd, sinistra e 5 Stelle divisi nei Comuni al voto

La Pressa
Logo LaPressa.it

Ma il segretario Fava, nonostante lo smacco, afferma che esistono buoni rapporti con la Sinistra e i 5Stelle


Modena, Pd, sinistra e 5 Stelle divisi nei Comuni al voto

Da un lato il segretario provinciale del Pd Davide Fava che si affanna a presentare un quadretto idilliaco e rassicurante di 'casa Pd' avventurandosi ad affermare che esistono buoni rapporti con la Sinistra e i 5Stelle nonostante lo smacco subito dalla sua segreteria che non è riuscita a trovare nessun accordo elettorale con questi partiti per presentare candidature unitarie a sindaco nei sei Comuni dove si voterà, tra cui Pavullo e Finale, ora gestite da giunte di centro destra. Uscendone con una allegorica affermazione secondo la quale “si è divisi sui nomi ma non sui valori”. Ma la sua manifesta incapacità di raggiungere accordi elettorali soprattutto coi 5Stelle, alleati di governo, non sarà certamente piaciuta ai veri 'capi' del partito in Emilia e a Modena, vale a dire Bonaccini e Muzzarelli.


Tanto è vero che Bonaccini ha detto che “il Pd deve tornare in mezzo alla gente e ascoltarla e piantarla con liti e divisioni”, smentendo dunque le affermazioni buoniste di Fava. Aggiungendo una frase che non si presta ad interpretazioni: “sogno un partito che non perda il contatto con la realtà, che smetta di farsi del male e di litigare, che sappia parlare di diritti civili e problemi sociale e che i dirigenti non pensino solo al proprio futuro”, con evidente riferimento ai sindaci, ai deputati, agli assessori e consiglieri regionali. Parole severe che smentiscono le assurde affermazioni ottimistiche del suo segretario provinciale che non sa spiegare le ragioni per le quali il Pd da lui diretto non abbia saputo trovare con la Sinistra e coi 5 Stelle un accordo sui candidati a sindaco.

Naturalmente Fava nelle sue dichiarazioni alla stampa si è 'dimenticato' di parlare dei gravi problemi economici, sociali e di sicurezza del cittadino che gravano sulla città e sulla Provincia che, purtroppo per lui, sono ricordati tutti i giorni dagli stessi cittadini riuniti in Comitati di protesta o dalle Associazioni di categoria. Come ha fatto il responsabile dell'ufficio Legalità e Sicurezza della Cgil di Modena, Franco Zavatti, che ha ricordato a Fava, ma anche a Muzzarelli, che Modena ha il triste primato in Italia del lavoro irregolare (nero) sulla base delle statistiche del Ministero del lavoro, quindi con la necessità di una maggiore prevenzione appunto per arginare il fenomeno a tutela dei lavoratori. “L'inquietante numero di morti sul lavoro delle ultime settimane – ha aggiunto Zavatti – ne è la conferma più drammatica”.

Ma come fanno quasi quotidianamente anche i Comitati di protesta dei cittadini che lamentano l'escalation della malavita e il degrado progressivo della città. A tal punto che ora anche i consiglieri comunali del Pd se ne sono accorti e così il loro consigliere Antonio Carpentieri ha sollecitato il sindaco Muzzarelli ad intervenire sul ministro degli Interni Lamorgese perchè rispetti e mantenga gli impegni presi per il potenziamento delle forze dell'ordine promessi nella sua ultima venuta a Modena, con un aumento del numero dei poliziotti per potere ripristinare, tra le altre cose, il posto fisso di Polizia alla stazione delle autocorriere, uno dei luogi 'caldi' della malavita cittadina insieme agli altri luoghi off limits come il vicino piazzale Novi Sad, la stazione ferroviaria, piazzale Natale Bruni, viale Crispi, via Tabacchi, abituali luoghi di ritrovo di malintenzionati, di spaccio e di prostituzione. Cui si sono aggiunti il fenomeno di party abusivi che si registrano anche a Modena come hanno ricordato nei loro report le forze dell'ordine. E, ultimo arrivato, il degrado di via Finzi all'nterno di una vasta area dove giace dimenticato, abbandonato e degradato da anni un vasto agglomerato urbano divenuto negli anni luogo di ritrovo di senza tetto, sbandati, drogati, prostitute. Nel quale vi sono stati anche di recente casi di incendi dovuti forse a bivacchi notturni di clandestini, fenomeno questo segnalato anche nella vicina area dove sorge lo stabile della ex Pro Latte, anche questa degradata e lasciata in assoluto stato di abbandono, a disposizione della malavita notturna.

Quella del 'rotore' di via Finzi, ma anche della Pro Latte e la situasione sempre pesante per l'ordine pubblico e mai risulta della Via Canaletto e della Sacca, dell'R Nord, di viale Gramsci e della vasta area dell'ex Consorzio Agrario lasciata in stato di abbandono per una decina di anni dal Comune per ragioni 'ideologiche' em politiche, è l'emblema del fallimento del più volte annunciato 'Piano periferie' per il restyling, il rilancio e la riqualificazione di fabbricati o di aree verdi lasciate in stato di abbandono. Il rilancio promesso per anni con tono enfatico in diverse conferenze stampa opportunamente convocate da Muzzarelli, è rimasto insomma lettera porta. Tutto è fermo, come hanno ricordato alcuni consiglieri comunali di minoranza nel civico consesso, nonostante solenni promesse, annunci, lancio di piani faraonici, spesso alla vigilia di elezioni.

Infine il problema della scuola alla vigilia della sua riapertura. Qui i Comitati dei genitori, stanchi ed esasperati delle promesse del Comune e della Provincia, hanno scritto una lettera-denuncia al premier Draghi e per conoscenza al presiden te della Regione Bonaccini lamentando “ritardi e incertezze da parte degli amministratori locali dopo due anni di palese inadeguatezza e mancanza di programmazione” come ha scritto Alberto Rebecchi responsabile del coordinamento degli istituti affermando che “non vogliamo più altri proclami e promesse, ma azioni concrete, in vista della riapertura delle scuole, per quanto riguarda il numero delle aule e degli istituti spesso fatiscenti, il numero dei docenti che ogni anno è insufficiente, dei mezzi di trasporto degli studenti anche questi sempre insufficienti, per scongiurare un nuovo anno scolastico in dad che sarebbe deleterio per i nostri ragazzi”.

Insomma ce n'è abbastanza per non fare dormire sonni tranquilli al segretario provinciale del Pd modenese, sotto tiro non solo dalle minoranze, che fanno il loro mestiere di opposizione, ma adesso anche dal suo stesso partito i cui dirigenti locali e regionali si rendono conto che non è più sufficiente dire che “ tutto va bene” e promettere di fare. La gente è ormai stanca e smaliziata e non crede più nelle promesse o nella retorica di parole come 'vogliamoci bene, stiamo uniti, insieme ce la faremo'. Ma vuole parole chiare, impegni precisi e fatti concreti.

Cesare Pradella



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Cesare Pradella
Cesare Pradella

Giornalista pubblicista, è stato per dieci anni corrispondente da Modena del Giornale diretto da Indro Montanelli, per vent'anni corrispondente da Carpi del Resto del Carlino, per ..   Continua >>


 

Onoranze funebri Gibellini
Articoli Correlati
'Vaccini, ecco il rapporto tra la Lorenzin e le case farmaceutiche'
Politica
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:189170
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda ..
La Provincia
09 Settembre 2021 - 20:11- Visite:183221
Segretario Pd: ‘Votare Lega significa essere idioti’
Politica
04 Agosto 2018 - 11:35- Visite:109573
Ex primario Pronto soccorso Modena: 'Alle persone sane sconsiglio il ..
Politica
19 Giugno 2021 - 16:44- Visite:78379
Il Sulpl risponde: Posso accompagnare mia moglie a fare la spesa?
Societa'
17 Marzo 2020 - 11:24- Visite:71087
No al green pass, lavoratori uniti: 'Diciamo no al lasciapassare'
Pressa Tube
01 Ottobre 2021 - 21:13- Visite:66581

Politica - Articoli Recenti
Modena, Babbo Natale in tutù: ..
Fdi: ‘Viste le sue recenti battaglie e l’odio per le nostre tradizioni forse la sinistra..
27 Novembre 2021 - 16:47- Visite:3593
Il sondaggio: Pd primo partito, Lega ..
Resta giù dal podio il Movimento 5 Stelle con il 15,9% (-0,2%). Forza Italia al 7,7%
27 Novembre 2021 - 14:30- Visite:336
'Variazione Bilancio Modena, così il..
Rossini e Baldini: 'Altri 30mila euro dal Fondo Covid oltre ai 100mila finanziati da ..
26 Novembre 2021 - 12:49- Visite:1258
Variante sudafricana, stop ingresso ..
Speranza: 'I nostri scienziati sono al lavoro per studiare la nuova variante B.1.1.529'
26 Novembre 2021 - 12:16- Visite:682
Politica - Articoli più letti
'Vaccini, ecco il rapporto tra la ..
Esposto del Codacons all'Autorità nazionale anticorruzione
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:189170
Il sindacato dei carabinieri: ..
‘Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39- Visite:180777
Green Pass, nelle grandi aziende ..
Al di là della deroga per le piccole imprese, il lavoratore che non esibisce il Green Pass ..
09 Ottobre 2021 - 15:08- Visite:122635
Miracolo di Ferragosto: anche ..
'Col Green Pass ogni giorno aumenta il rischio di incontrare contagiati-contagiosi muniti di..
15 Agosto 2021 - 07:58- Visite:116917