Onoranze funebri Simoni
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
articoliPolitica

'Porta a porta a Sassuolo: scelte impopolari si pagano nelle urne'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Francesco Macchioni: 'È destinata a non dare i risultati sperati neppure a Sassuolo la riforma sulla nuova raccolta dei rifiuti'


'Porta a porta a Sassuolo: scelte impopolari si pagano nelle urne'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Erano già nell’aria, ma dopo che l’Amministrazione ha preferito disertare ancora una volta la richiesta presentata nell’ultimo consiglio comunale a firma di Francesco Macchioni, per uno stop al porta a porta ed un ritorno ai bidoni con raccolta stradale, il capogruppo della lista civica è andato all'attacco puntando il dito sia contro Hera che contro il Comune.

'A Sassuolo il tono delle risposte, in termini di insoddisfazione, è altissimo, con la quasi totalità dei cittadini che confida nello stop di questa raccolta - afferma Macchioni - Tutto questo era già stato previsto mesi fa da parte nostra: siamo stati i promotori di varie iniziative, sia in consiglio comunale che sulla piazza, con una raccolta firme tra i cittadini sassolesi, sicuri del fatto che il Comune avrebbe coronato questo nostro sforzo fatto a favore della comunità.

Dispiace che l’amministrazione abbia preferito ignorare completamente le contestazioni della cittadinanza: sindaco e giunta si assumono le proprie responsabilità, ed è giusto che il loro operato sia sindacato e sottoposto a critiche dai cittadini. Quando c’erano i presupposti abbiamo sempre fatto da sponda a questa Amministrazione, ma su queste scelte rimane invariato il nostro spirito di solidarietà con i cittadini. Hera non è da seguire come una religione: ricordiamo al sindaco, che è proprio sulle scelte impopolari che si perdono consensi ai seggi, e noi su questo non ci stiamo'.

'Al netto del fatto che il sindaco Menani continua ad esternare dubbi sulla raccolta porta a porta, sia lui, che l’Amministrazione comunale, hanno preferito disertare diverse occasioni per far sentire la propria voce su un tema così importante, dove la sola propaganda fa fatica a tenere banco: non era evidentemente d’interesse del sindaco e della giunta incidere politicamente per fermare Hera, come è successo in altri comuni.

Ancora una volta si poteva essere tranquillamente meno generosi con il gestore: di fatto non é stato cambiato nulla, si tira dritto con la linea dettata da loro - continua Macchioni -. Ci sono diversi articoli, sul contratto stipulato con Hera, che l’Amministrazione ha omesso di sfoderare come arma di difesa: non è pensabile che il Comune sia al cospetto di una multiutility su un cambiamento così epocale della raccolta dei rifiuti. Ad oggi non possiamo fare altro che constatare, con profondo rammarico, la sordità dell’Amministrazione alle richieste avanzate da noi, e dai tanti cittadini, di ritornare ad una completa raccolta dei rifiuti stradale'.

Le soluzioni

'Occorre fare una considerazione di carattere generale: siamo rimasti vittima della falsa narrazione; tuttora c’è in atto un tentativo di convincere i cittadini che il nuovo sistema sarà risolutivo per i problemi legati all'ambiente. Bastava semplicemente migliorare la situazione preesistente, e non accettare che Hera facesse le sue regole e le imponesse; in questa logica, sta incrementando solo i suoi profitti - continua il consigliere -. Nell’immaginario collettivo non è difficile pensare che tutto il lavoro lo si è scaricato sulle spalle dei cittadini. Ci dicono che i cambiamenti comportano sacrifici, ma si tratta di uno sforzo a tutto svantaggio della collettività: a fronte di comportamenti sempre più virtuosi, richiesti al cittadino, la tassa sui rifiuti non è mai calata. Per rendere la raccolta differenziata e la tariffa puntuale uno strumento efficace e diffuso, è fondamentale disegnare una pluralità di incentivi, ciascuno in grado di veicolare un segnale con il comportamento sperato. Una forzatura a senso unico di questo tipo è inaccettabile a fronte di una multiutility con bilanci stratosferici, che di certo non farà desistere eventuali incivili. Credo che l'ambizione di Sassuolo non possa essere quella di accontentarsi: dobbiamo avere sia l'obiettivo di aumentare la raccolta differenziata, ma anche quello di avere una città più decorosa e a misura d’uomo'.

'La verità è molto semplice: si sta entrando nella logica di colpevolizzare il cittadino a favore delle imposizioni di Hera. Comune e gestore hanno deciso per un approccio punitivo nei confronti della gente, piuttosto che sensibilizzare e puntare su un sistema di premialità. E’ indubbio che frapponendo ostacoli come giorni, luoghi ed orari tassativi per l’esposizione, si esacerba ancora di più il problema degli abbandoni e conferimenti sbagliati. Non parliamo poi dei nuovi cassonetti informatizzati, spesso inutilizzabili dall’utente per i guasti intrinseci nella complessità della loro meccanica. E’ evidente che in queste condizioni si cerchi di creare un capro espiatorio ai danni del cittadino, per togliersi il problema di un sistema di raccolta fallimentare. L’installazione e la gestione di una decina di foto-trappole per il controllo a rotazione delle isole di conferimento - a margine del fatto che il loro utilizzo per questi scopi è al limite del lecito, per cui assisteremo in futuro a decine di contestazioni - costeranno al Comune, nei prossimi tre anni, 135 mila euro: soldi pubblici spesi per fare da spalla ad Hera nel raggiungere il suo obbiettivo'.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Onoranze funebri Simoni

Acof onoranze funebri
Politica - Articoli Recenti
Paziente devasta psichiatria, Fials ..
Giuseppina Parente, referente provinciale del sindacato attacca Azienda ospedaliera e ..
18 Febbraio 2024 - 01:27
Gaza: in Consiglio passa mozione De ..
La sorpresa e la critica del consigliere di Modena Sociale: 'Di fronte al massacro non ..
18 Febbraio 2024 - 00:41
Movimento 5 stelle: senza accordo col..
Superamento dell'inceneritore, stop alla privatizzazione del welfare, sicurezza partecipata ..
17 Febbraio 2024 - 21:51
Manifestazione contro autonomia ..
'Centinaia di sindaci che stanno qua e che non hanno i soldi per l’ordinaria ..
16 Febbraio 2024 - 18:18
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58