'Modena, su Hera le minoranze in consiglio ridotte al silenzio'
CAFFE' L'ANTICO DANTE CAGLIARI
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
CAFFE' L'ANTICO DANTE CAGLIARI
articoliPolitica

'Modena, su Hera le minoranze in consiglio ridotte al silenzio'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Dai capigruppo di opposizione una nota congiunta di critica al presidente del consiglio comunale Poggi


'Modena, su Hera le minoranze in consiglio ridotte al silenzio'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

“Notiamo come a noi consiglieri di minoranza sia stato precluso di presentare in Consiglio Comunale una mozione collegata al bilancio consuntivo, mentre in questi giorni scorrono notizie di nomine ai vertici della multiutility, di nobili propositi di Hera che afferma di impegnarsi a “mettere al centro persone, bisogni e valorizzazione dei territori”, e di decisioni della giunta che annuncia finalmente l’avvio della procedura per indire la gara dopo avere speso soldi pubblici per resistere in giudizio contro sentenze che - con riferimento alla proroga della concessione ad Hera Luce del servizio di illuminazione pubblica -, con estrema chiarezza rilevavano la violazione di norme imperative, poste a tutela dell’ordine pubblico economico”. Così i consiglieri Bertoldi (Lega Modena), Giacobazzi (Forza Italia), Rossini (Fratelli d’Italia), Baldini (Gruppo Indipendente per Modena), Bosi (Alternativa Popolare) e De Maio (Modena Sociale-Indipendenza!).

“La nostra mozione riguardava i pagamenti relativi al servizio di elettricità emessi a favore di Hera Luce che trovano riscontro nel rendiconto di bilancio. In particolare per il servizio di illuminazione pubblica si parla di euro 3.079.306,73 e per la gestione dei servizi semaforici di pagamento in conto competenza. La nostra mozione, evidentemente collegata al bilancio consuntivo, chiedeva, proprio alla luce della vicenda giudiziaria che ha visto il Comune soccombente, di monitorare lo stato dei pagamenti dell’amministrazione comunale verso Hera Luce tenuto conto delle somme già impegnate, contabilizzate e convalidate nel rendiconto di gestione. Ricordiamo che il rendiconto è stato approvato dal Consiglio Comunale il 29 aprile scorso dopo la nostra uscita dall’aula per esprimere dissenso nei confronti della decisione del Presidente del Consiglio Comunale di non mettere in trattazione la nostra mozione, decisione che ha trovato, durante la capigruppo che ha preceduto il Consiglio comunale, il pieno sostegno del Consigliere Antonio Carpentieri”, continuano i consiglieri.

“A proposito della posizione espressa dal Presidente del Consiglio Fabio Poggi che in un comunicato afferma “in campagna elettorale il Consiglio comunale non può discutere di atti politici, ma solo di provvedimenti improrogabili e indifferibili”, precisiamo che la delibera del bilancio consuntivo è stata ritenuta, evidentemente, un provvedimento improrogabile e indifferibile e che tutto ciò che alla stessa è collegato assume, a nostro parere, tale caratteristica. Il Presidente del Consiglio ha espresso un giudizio personale e di merito sulla nostra mozione ritenendo che non fosse collegata al bilancio consuntivo. Ma questo è, appunto, un giudizio personale che non ha nulla di oggettivo e che non ci trova d’accordo. Si pensi per altro che, durante il dibattito tenutosi il 29 aprile per il bilancio consuntivo, dai banchi della maggioranza e senza che il Presidente del Consiglio comunale intervenisse per ricondurre il dibattito al tema del bilancio consuntivo, abbiamo assistito a critiche ai provvedimenti del governo nazionale sui temi del salario minimo e della sanità che hanno palese carattere politico e che nulla avevano a che vedere con la delibera di cui si stava discutendo. Quindi: la maggioranza ha potuto introdurre nel dibattito argomenti prettamente politici, alle minoranze invece è stato precluso di discutere una mozione collegata al bilancio consuntivo. In questo risiede la palese disparità di trattamento tra maggioranza ed opposizione”, affermano i consiglieri.

“Sarebbe infine interessante sapere cosa pensa il Presidente del Consiglio, così ligio alle regole verso le minoranze, dell’atteggiamento del Sindaco uscente che, nella bulimia delle nomine di fine mandato, ha unilateralmente deciso di non avvalersi della facoltà di chiedere ai candidati di partecipare alla commissione consiliare per presentarsi ai consiglieri commissari, saltando un passaggio istituzionale che ha finito per chiudere questa consiliatura nel peggiore dei modi”, concludono i consiglieri.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


e-work Spa
Politica - Articoli Recenti
San Felice: Michele Goldoni confermato sindaco
Ottiene il 54,37% dei voti, battendo così il diretto ed unico avversario di centro-sinistra..
10 Giugno 2024 - 16:29
San Cesario: Francesco Zuffi rieletto sindaco
Con la lista di centro.sinistra Insieme per San Cesario ha concentrato il 68,8% dei voti
10 Giugno 2024 - 16:19
A Ravarino vince centrosinistra: Maurizia Rebecchi si conferma sindaco
La candidata del centrosinistra ha vinto le elezioni amministrative col 76,5%
10 Giugno 2024 - 16:01
A Lama Mocogno vince il centrodestra di Arnaldo Ricchi
Ricchi si è imposto col 54,32% superando Pasini 823 voti contro 692
10 Giugno 2024 - 15:21
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58