Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
Onoranze funebri Gibellini
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Iscriviti al Canale YouTube de La Pressa
articoliPolitica

Solo il 7% dei richiedenti asilo ne ha diritto, a Modena 126 su 1.800

La Pressa
Logo LaPressa.it

Nel 2018 il dato nazionale diffuso ieri conferma un 93% di nuovi irregolari. A Modena gli irregolari sarebbero 1.674. Nel 2017 rappresentavano l'87% del totale


Solo il 7% dei richiedenti asilo ne ha diritto, a Modena 126 su 1.800

A Modena, i dati diffusi dalla Prefettura nel 2017 confermavano che la media dei migranti che al termine del percorso di accoglienza (della durata media di più di un anno), vedeva riconosciuto il diritto all'asilo richiesto rappresentava il 13% per cento del totale dei soggetti accolti. Di fatto sui 1.847 soggetti inseriti nei percorsi di accoglienza, 1.640 risultavano privi dei requisiti per vedersi riconosciuto il diritto di asilo richiesto. E, salvo ricorso con esito positivo o il riconoscimento si altre forme 'meno strutturate' di protezione) di fatto nuovi irregolari sul territorio. Ieri il Viminale ha diffuso i nuovi dati sulle domande accolte e respinte, relativi ai primi mesi del 2018, aggiornati al 15 giugno e che dicono come soltanto 3.000, ovvero il 7% delle 44.233 domande di asilo presentate hanno avuto esito positivo e hanno visto riconosciuto lo status di rifugiato.


Il 4% dei richiedenti asilo, ha ricevuto la protezione sussidiaria e il 28% il permesso straordinario per 'motivi umanitari'.

Una formula, quello del permesso di soggiorno umanitario che viene di fatto concesso solo dall'Italia. Uno strumento che sulla carta permette di ridurre solo formalmente il numero 'irregolari', che nella maggior parte degli altri paesi rimarrebbero tali. 

Calato su Modena, il dato sul riconoscimento dello status di rifugiato, indicherebbe che sui 1.800 richiedenti asilo oggi inseriti nel percorso di accoglienza, (al netto del turn-over in ingresso ed in uscita che se considerato sul totale assoluto annuale dei soggetti accolti, sarebbe molto più alto), quelli che otterrebbero il riconoscimento dello status richiesto, equivarrebbero a 126 soggetti. Di fatto, se il dato nazionale delle domande respinte riflettesse anche quello modenese, significherebbe che più di 1600 richiedenti asilo risulterebbero senza requisiti, al termine del percorso di accoglienza.

Quando questo succede, alcuni soggetti si rendono irreperibili, altri fanno ricorso, trovandosi nella istituzionalmente paradossale condizione di potere e dovere continuare, in attesa della sentenza del giudice e del riesame della richiesta, ad usufruire ancora della totale assistenza pubblica necessaria per la permanenza sul territorio, dove però a causa della propria condizione di irregolare, non è possibile accedere ad un lavoro né provare a raggiungere per vie legali paesi oltre confine. 

Una situazione che nei numeri e nella portata è stata segnalata recentemente dall'Assessore al Welfare del Comune di Modena, preoccupata per gli effetti sul sistema di welfare del comune di Modena e dei comuni della provincia. Il tutto all'interno di un quadro normativo dove potrebbero incidere nuove disposizioni del governo, che insieme alla riduzione degli sbarchi ha promesso una stretta sul sistema dell'accoglienza ed sul rimpatrio di coloro che al termine del percorso risulterebbero senza i requisiti necessari per potere rimanere regolarmente sul territorio


Nella foto, richiedenti asilo sfilano davanti alla Prefettura di Modena per contestare i tempi lunghi nell'esame delle richieste da parte della commissione territoriale

Approfondimento

Ciascun Paese può scegliere, caso per caso, di concedere al richiedente asilo lo status di rifugiato definito dalla Convenzione di Ginevra o altre forme complementari di protezione, come quella sussidiaria e il permesso per motivi umanitari.

La prima forma di protezione (rifugiato), richiede, per essere concessa, requisiti più stringenti poiché si basa sul concetto di persecuzione individuale. Questa tipologia di status garantisce una protezione di tipo permanente, dato che il permesso di soggiorno è rinnovabile anche se non dovessero più sussistere i motivi della persecuzione individuale nel paese di origine.

Al contrario, per la concessione della protezione sussidiaria e per il permesso per motivi umanitari è sufficiente l’appartenenza ad alcune tipologie di gruppi a rischio nel paese di origine, anche in assenza di una minaccia specifica a livello individuale. Esiste tuttavia una differenza fondamentale tra la protezione sussidiaria e il permesso concesso per motivi umanitari: la prima si basa su requisiti internazionalmente riconosciuti, mentre i criteri della concessione del secondo sono stabiliti dal singolo paese ospitante. In entrambi i casi, queste due tipologie di protezione non garantiscono una forma permanente di asilo, poiché il loro rinnovo è soggetto alla verifica della sussistenza delle ragioni alla base della persecuzione.



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
Email
 

Onoranze funebri Gibellini
Articoli Correlati
Migranti...
Le Vignette di Paride
04 Luglio 2017 - 15:44- Visite:14945
Migranti, spese sanitarie: rissa tra Pd e Lega Nord
Politica
29 Ottobre 2017 - 12:51- Visite:12031
'Via delle Costellazioni, situazione fuori controllo'
Politica
15 Ottobre 2017 - 11:02- Visite:11994
A casa loro
Le Vignette di Paride
08 Luglio 2017 - 06:51- Visite:11974
La DC Emilia Romagna: ius soli, non ci riconosciamo nella parole di ..
Politica
22 Agosto 2017 - 14:34- Visite:11810
Boldrini, stanno toccando il fondo. Chi mi minaccia su Fb ha chiari ..
Politica
29 Agosto 2017 - 21:34- Visite:11745

Politica - Articoli Recenti
'Variazione Bilancio Modena, così il..
Rossini e Baldini: 'Altri 30mila euro dal Fondo Covid oltre ai 100mila finanziati da ..
26 Novembre 2021 - 12:49- Visite:440
Variante sudafricana, stop ingresso ..
Speranza: 'I nostri scienziati sono al lavoro per studiare la nuova variante B.1.1.529'
26 Novembre 2021 - 12:16- Visite:507
Malato di cuore e senza lavoro: ..
'Sono stanco, vorrei solo poter aver la possibilità di ricominciare, e sono certo sarò in ..
26 Novembre 2021 - 10:55- Visite:695
Contrordine: la Cunial non potrà ..
Il Consiglio, composto anche dalla modenese M5S Stefania Ascari, ritiene che non vi siano ..
25 Novembre 2021 - 19:12- Visite:652
Politica - Articoli più letti
'Vaccini, ecco il rapporto tra la ..
Esposto del Codacons all'Autorità nazionale anticorruzione
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:189121
Il sindacato dei carabinieri: ..
‘Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39- Visite:180718
Green Pass, nelle grandi aziende ..
Al di là della deroga per le piccole imprese, il lavoratore che non esibisce il Green Pass ..
09 Ottobre 2021 - 15:08- Visite:122611
Miracolo di Ferragosto: anche ..
'Col Green Pass ogni giorno aumenta il rischio di incontrare contagiati-contagiosi muniti di..
15 Agosto 2021 - 07:58- Visite:116886