Spesa sanitaria al 7,5% del PIL e blocco spesa di personale: Donini ora lancia la petizione popolare
La Personala
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
VLP Events
articoliPolitica

Spesa sanitaria al 7,5% del PIL e blocco spesa di personale: Donini ora lancia la petizione popolare

La Pressa
Logo LaPressa.it

A sostegno del Proposta di legge della giunta da inviare al parlamento. In risposta a La Pressa afferma: 'Obiettivo 4 miliardi in più condiviso dal Ministro'


Spesa sanitaria al 7,5% del PIL e blocco spesa di personale: Donini ora lancia la petizione popolare
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Dopo la presentazione, da parte della giunta, il 31 luglio scorso, della Proposta di legge per garantire spesa sanitaria al 7,5% del PIL e superamento dei vincoli per la spesa di personale, la giunta, stando alle parole dell'Assessore regionale alla sanità Donini, aveva due strade. Seguire l'iter classico istituzionale con atti di fatto che sarebbero stati limitati all'assemblea legislativa o tavoli con le organizzazioni sindadali, o dare un taglio popolare, nella logica della mobilitazione, a sostegno dell'iter della proposta di legge. La scelta è ricaduta su quest'ultima opzione. Da qui il lancio di 'una raccolta di firme, anche attraverso una piattaforma digitale, ordini del giorno da discutere nei Consigli comunali ed un evento a ottobre per fare fronte comune con sindaci di ogni orientamento politico, professionisti sanitari, sindacati, associazioni e consulte nell’iter di approvazione della legge'.

In conferenza stampa, presso la sede della Regione, con giornalisti in presenza e tanti collegati on-line chiediamo all'Assessore il perché scegliere una proposta regionale da inviare al parlamento nel momento in cui come partito politico la stessa proposta poteva essere lanciata direttamente a livello parlamentare. 'Abbiamo soltanto catalizzato dall'Emilia-Romagna un obiettivo comune, anche con il ministro Schillaci, già evidenziato anche in conferenza Stato-Regioni, legato al fabbisogno di 4 miliardi al fondo sanitario nazionale per garantire adeguato finanziamento al sistema e superare le attuali criticità'. Del resto la richiesta di giungere al 7,5% del PIL per la spesa sanitaria, ovvero ad un livello mai raggiunto negli ultimi 10 anni, né dai governi di centro destra che di centro sinistra dovrebbe comunque registrare una convergenza anche della maggioranza di governo.

Posto che l'obiettivo sia veramente quello di fare passare la proposta o creare un elemento sul cui dividersi ulterioremente e politicamente su un si o un no in parlamento. Da utilizzare poi in chiave elettorale. Sicuramente la via della raccolta firme e della petizione, in questo senso, aiuta tanto. Anzché rimanere nei tavoli chiusi della Regione la proposta di fatto a marchio PD girerà pubblicamente in tutti i tavoli, compresi quelli della festa dell'Unità (riferimento fatto dallo stesso Donini), oltre che on-line 

“Il Paese - prosegue Donini – ha bisogno di più sanità pubblica. Le risorse stanziate dal Governo dal 2023 al 2025 sono insufficienti per affrontare le nuove sfide cui è chiamata la sanità pubblica. Il sottofinanziamento della sanità è ormai diventato strutturale e questo rischia di garantire sempre meno ai cittadini l’accesso ai servizi sanitari e sociosanitari, come previsto dalla Costituzione”.

Secondo l’assessore, infatti, negli ultimi diciotto mesi tutte le Regioni d’Italia nell’ambito della Commissione Salute e della Conferenza delle Regioni hanno chiesto il finanziamento dei fondi per le spese Covid ed energetiche, circa 4 miliardi di euro, e l’adeguamento del fondo sanitario nazionale in modo strutturale. La proposta di legge di iniziativa della Giunta chiede risorse stabili su ambito pluriennale perché non solo il fondo oggi è inadeguato finanziariamente, ma è difficile – da anni -  fare programmazione.

“È un paradosso tutto italiano – sottolinea ancora Donini-, la stessa richiesta arriva dal Ministero della Salute e per certi aspetti anche dalla Corte dei conti. In assenza di questo stanziamento le Regioni continueranno ad essere chiamate dal ministero del Tesoro a riallineare la spesa. Questo vuol dire depotenziare la produzione sanitaria dei nostri sistemi”.

“Abbiamo bisogno di una mobilitazione, istituzionale e popolare, perché vogliamo che questo nostro progetto di legge possa essere di esempio per altre iniziative analoghe. E’ una battaglia che riguarda tutti e non possiamo accettare che il sistema sanitario nazionale sia a rischio”.

L’Emilia-Romagna è la prima Regione che tenta di elevare una richiesta reiterata a proposta di legge, ma Donini ha buone ragioni di ritenere che non sarà l’unica perché in altre Regioni è in corso un dibattito simile. “Più saremo e più sarà forte lo stimolo al Parlamento per mettere al centro il tema della sostenibilità finanziaria per la salute”.

L’incontro di oggi - conclude l’assessore – che ha visto una partecipazione ampia e trasversale, con oltre 400 presenti e una cinquantina di interventi a voce e nella chat dell'evento, è stato un primo momento per trovare modalità e tempi per sostenere e promuovere l'iniziativa di legge.

La maggior parte dei partecipanti ha manifestato di condividere gli obiettivi dell’iniziativa. Inoltre, l’assessore Donini ha annunciato che, durante la discussione della proposta di legge in Commissione Salute, saranno auditi tutti i parlamentari eletti in Emilia-Romagna.

Per sostenere il progetto di legge la regione ha creato un link al quale collegarsi: https://salute.regione.emilia-romagna.it/pdl.

Il finanziamento della sanità pubblica in relazione al PIL negli ultimi anni
Nel 2021 il finanziamento ordinario del Sistema sanitario nazionale in rapporto al Pil è stato pari al 6,9% (fonte ministero dell’Economia e delle Finanze, Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato). Nel 2019 era addirittura sceso al 6,4%, a fronte di Paesi come la Germania, che destina il 9,9% del Pil al finanziamento della spesa sanitaria pubblica; la Francia il 9,3%; il Regno Unito l’8% (dati Ocse). Inoltre, nella Nota di Aggiornamento al DEF del 4 novembre 2022 si prevede un livello di spesa sanitaria che nel 2025 scende al 6% del Pil.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


Onoranze funebri Gibellini
Politica - Articoli Recenti
Disagi alla Cra Gorrieri, l'assessore Maletti incontra il presidente
'L’assessore ha avuto dal presidente di Domus ampie rassicurazioni sul fatto che le ..
09 Luglio 2024 - 17:18
I minori stranieri non accompagnati sono davvero minori? Il caso in Regione
Pelloni (Rete Civica): 'Occorre istituire un registro regionale per la procedura di ..
09 Luglio 2024 - 17:15
Pd in Regione, al posto della Maletti entra l'ex grillino Rebecchi
Considerata l'indisponibilità, vista la brevità del mandato, di chi l'ha preceduto per ..
09 Luglio 2024 - 12:17
Regionali ER, Forza Italia: non solo Platis, il partito vorrebbe candidare Giacobazzi
Giacobazzi, forte del record di preferenze ottenute alle Comunali a Modena, al di là del ..
09 Luglio 2024 - 11:26
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58