La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
articoliSocieta'

Fonderie cooperative, slitta a marzo l'accordo per la dismissione

La Pressa
Logo LaPressa.it

La conferma dall'incontro degli assessori Vandelli, Filippi e Bosi con il comitato RespiriaMo Aria Pulita che da ottobre aspettava il documento promesso. E che oggi si è scoperto che non c'era


Fonderie cooperative, slitta a marzo l'accordo per la dismissione

Per conoscere non tanto la data già nota del 2022, bensì il fondamentale percorso attraverso il quale ci si arriverà, (e di fatto le garanzie sul se ci si arriverà), bisognerà attendere la discussione e l'approvazione in Consiglio Comunale, che arriverà entro la fine del mese di marzo. Slitta di fatto alla fine del prossimo mese, sempre che i tempi siano rispettati, la possibilità per i cittadini di conoscere tempi e modi della dismissione dell'impianto delle fonderie cooperative di via Zarlati. Questo è emerso dall'incontro di oggi tra l'assessore all'urbanistica Anna Maria Vandelli, gli assessori all’Ambiente Alessandra Filippi e al Lavoro Andrea Bosi, con i rappresentanti del comitato “RespiriaMo aria pulita'.

'Il protocollo di intesa tra l’azienda e il Comune di Modena sul piano di dismissione dello stabilimento di via Zarlati sta per iniziare il suo percorso istituzionale in Commissione consiliare' - è stato comunicato dagli Assessori.

Un fulmine a ciel sereno per il comitato dei cittadini che già nell'ottobre scorso, in un analogo incontro, aveva ricevuto dalla giunta garanzie (confermate anche da interviste stampa), che il piano di dismissione c'era, era relativo anche agli aspetti occupazionali ed il comune si era impegnato a farne avere 'a breve' copia ai comitati. Passarono tre mesi di silenzio. Non vedendo il documento, il comitato, tornò a bussare alla porta del Comune a,gennaio chiedendo di avere il piano di dismissione. Nulla. Da qui la decisione di andare direttamente in comune a prenderlo. Lunedì. I referenti non sono stati ricevuti. Lo sono stati nell'appuntamento subito fissato per mercoledì 19 febbraio, in cui l'assessore Vandelli avrebbe ammesso che il piano di dismissione definitivo che il comitato si aspettava di vidionare nell'incontro di ottobre, non c'era, o meglio non c'era in una sua versione ufficiale e definitiva in quanto si trattava soltanto di una bozza.

'Ci sentiamo presi in giro e traditi dall'amministrazione comunale. Siamo alle solite. Solo grazie alla tenacia del comitato vengono chieste ed approfondite le questioni e ogni volta emergono nuove criticità e cose che non erano state dette. La fiducia nei confronti di questa amministrazione è compromessa e proprio per questa ora vogliamo vederci chiaro. Entrando nel metodo e nel merito della questione. Nel metodo chiediamo di avere questo piano, o questa bozza. Seguiremo la commissione in cui il documento sarà esaminato e chiederemo garanzie affinché la dismissione di quel sito avvenda, a prescindere, come a paventato il comune, dalla compravendita o meno del sito stesso'

“Quella bozza – ha spiegato Vandelli attraverso una nota stampa – era un primo testo di lavoro che richiedeva modifiche da parte del Comune: avevamo previsto di chiudere entro l’anno ma abbiamo ritardato perché in questi mesi le priorità sono state il Piano urbanistico e il progetto delle Ex Fonderie sul quale abbiamo ricevuto un finanziamento dalla Regione'. Insomma, un rinvio perché c'erano altre proprità, ma su tutto una consapevolezza. Che la definizione del protocollo sarà completata entro il mese di febbraio. E successivamente comincerà il percorso istituzionale di approvazione. Solo in quel momento sarà possibile rendere pubblico il testo e avviare il confronto sui contenuti”.

Ma il nuovo documento, hanno anticipato gli assessori, contiene anche alcune novità tra la quali la previsione di percorsi partecipati con i cittadini, il Quartiere, le associazioni e gli istituti scolastici per la rigenerazione dell’area, dopo la delocalizzazione di Fonderie, come primo passo per la rigenerazione partecipata del quartiere intero. “La dismissione e la delocalizzazione di Fonderie da via Zarlati – hanno sottolineato gli assessori – sono comunque indipendenti dalla vendita del terreno che avverrà successivamente ed è funzionale alla rigenerazione”.

Per quanto riguarda il monitoraggio ambientale della qualità dell’aria, l’assessora Filippi ha annunciato che Arpae ha terminato le analisi dei dati raccolti nel corso della campagna effettuata tra novembre e dicembre e quindi, come richiesto dai consiglieri comunali, nelle prossime settimane sarà programmata una commissione consiliare alla quale parteciperanno i tecnici di Arpae e dell’Usl che spiegheranno gli esiti delle analisi. E sugli odori l’assessora ha chiesto la collaborazione dei componenti del comitato e dei cittadini invitandoli a segnalare ad Arpae quando e dove si avvertono gli odori più forti: “Sarebbe un contributo importante per verificare l’efficacia delle sperimentazioni, soprattutto ora che l’azienda ha esteso l’impianto per l’abbattimento delle emissioni anche sul punto di emissione più impattante”.

Affrontando il tema del mantenimento del livello occupazionale, l’assessore Bosi ha ricordato che “sono stati già avviati incontri in Regione per la tutela dei posti di lavoro nelle nuove Fonderie”.



Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
Puzze ed inquinanti dalle Fonderie cooperative, la ditta ci riprova
Politica
14 Ottobre 2017 - 12:40- Visite:10804
Fonderie cooperative, tutto deciso, entro il 2021 nuovo impianto a ..
Economia
17 Gennaio 2018 - 00:34- Visite:2615
'Non siamo quelli delle fole, anche il Comune ora riconosce che il ..
Politica
15 Ottobre 2017 - 09:35- Visite:1479
Fonderie, nuove rivelazioni shock su benzene e danni da emissioni
Pressa Tube
09 Maggio 2018 - 14:45- Visite:1465
'Eternit rovinato sui tetti delle fonderie. E Arpae dov'è?'
Politica
13 Settembre 2018 - 09:10- Visite:1305
Fonderie cooperative, tutto come previsto, produzione a Padova
Politica
30 Settembre 2018 - 11:31- Visite:1272
Societa' - Articoli Recenti
Modena, estetiste e parrucchieri ..
Una ordinanza consente l’apertura dalle 7 del mattino fino alle 22 sette giorni su sette
29 Maggio 2020 - 13:35- Visite:112
'Centri estivi, protocollo della ..
'Manca obbligo di controllo della temperatura di operatori e utenti, una norma che imponga ..
29 Maggio 2020 - 12:50- Visite:145
Covid, in Ferrari test volontari ..
Con la realizzazione del secondo step del progetto, che coinvolgerà circa 18.000 persone,..
29 Maggio 2020 - 12:12- Visite:181
Vacanze in Trentino: scopri i servizi..
29 Maggio 2020 - 10:20- Visite:52


Societa' - Articoli più letti


Morti nelle Rsa per Covid, in Emilia ..
Lo riporta l'Istituto superiore di sanità nell'ultimo report del 14 aprile sul contagio da ..
19 Aprile 2020 - 18:05- Visite:108684
Modena in zona rossa: cosa prevede la..
Spostamenti bloccati, permessi solo per emergenza. Chiuse palestre, piscine e centri ..
07 Marzo 2020 - 21:45- Visite:65463
La pandemia globale di Coronavirus? ..
E' tutto ancora on line. Il John Hopkins Center for Health Security con il World Economic ..
03 Marzo 2020 - 09:43- Visite:60302
Il Sulpl risponde: Posso accompagnare..
In questo periodo solo il marito si recherà a fare al spesa, avendo al seguito ..
17 Marzo 2020 - 11:24- Visite:49481