Il 65% degli emiliano-romagnoli ritiene la propria città poco sicura
App
Udicon
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Udicon
articoliSocieta'

Il 65% degli emiliano-romagnoli ritiene la propria città poco sicura

La Pressa
Logo LaPressa.it

Indagine Udicon Emilia-Romagna. Promossi i servizi della pubblica amministrazione, male su tempi di attesa in sanità


Il 65% degli emiliano-romagnoli ritiene la propria città poco sicura
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Promossi la qualità della pubblica amministrazione, il servizio raccolta rifiuti e il trasporto pubblico locale. Più problematica la percezione di legalità nelle città e la sicurezza stradale, così come i tempi di attesa per mettersi in contatto col medico curante o per fare una visita.

E' un quadro tra luci e ombre e con dati divergenti nel confronto tra province, quello che emerge dall'indagine sulla qualità della vita realizzata da Udicon Emilia-Romagna a fine 2022. La rilevazione è stata fatta nel novembre scorso attraverso la somministrazione di 1.000 questionari in ciascuno dei nove comuni capoluogo con l'aggiunta di Cesena (10.000 questionari analizzati per tutta l'Emilia-Romagna).

I dati su Bologna riflettono appieno i risultati aggregati a livello regionale, tranne alcuni scostamenti. A livello regionale oltre il 77% dei cittadini hanno confidato la loro soddisfazione (dall'abbastanza al molto soddisfatto) per la qualità dei servizi proposti.

La percentuale è ancora più alta sotto le due Torri, con l'83% delle persone che esprime complessivamente la propria soddisfazione. Più negativo il giudizio sui tempi di attesa all'interno degli uffici pubblici: a livello regionale l'insoddisfazione è del 34%, un cittadino su tre, a Bologna questo dato è più basso, ma comunque si attesta al 24% (i per niente soddisfatti sono il 10%, mentre i poco soddisfatti il 14%).

A livello regionale il 65,11% degli intervistati ritengono la propria città non sicura, un dato estremamente alto. A Bologna il tono delle risposte (in termini di insoddisfazione) è più basso rispetto alla media regionale, con il 58% dei cittadini che confida comunque una percezione di insicurezza. Tra le cause, il 27% dei cittadini indica la presenza nei quartieri di forme di microcriminalità giovanile, il 24% richiama episodi di scippi, furti e rapine.

Sul fronte dei servizi sanitari, non sono ancora disponibili i dati disaggregati sulla città di Bologna, ma dall'elaborazione in corso emerge che i risultati sono in linea con la media regionale. L'indagine ha chiesto ai cittadini, tra le altre cose, la spesa annuale per le visite in libera professione o in strutture private. In linea generale quasi tutte le persone coinvolte dall'indagine hanno fatto ricorso almeno una volta nell'ultimo anno a una visita in regime privato o comunque a pagamento.

Il 34% ha speso meno di 150 euro, il 36,3% tra i 150 e i 500 euro, il 16,5% tra i 500 e i 1000 euro, il 12% oltre i 1000 euro. Poco soddisfacente il giudizio sui tempi di attesa, sia per mettersi in contatto col proprio medico curante che per effettuare una visita. A livello regionale il 44% degli intervistati attente tra gli 11 e i 20 minuti prima di parlare col proprio medico, il 34% oltre i 21 minuti.

Per quanto riguarda i tempi di attesa tra la prenotazione e l'effettiva visita: il 37% attende tra i 30 e i 60 giorni, il 25% tra i 60 e i 90 giorni, l'11% tra i 90 e i 120 giorni; il 9% oltre i 120 giorni. Solo il 16% dei cittadini attende meno di 30 giorni dalla prenotazione alla visita. In merito al servizio della raccolta dei rifiuti, il giudizio complessivo regionale è positivo ed è pari quasi al 91% (oltre il 40% sufficiente, oltre 34% buono e oltre 16% ottimo). Solo 8,35% degli intervistati fornisce una valutazione insufficiente. A Bologna il risultato è addirittura superiore, con il 95%. Il 57,05 % degli intervistati percepisce problemi di sicurezza stradale nelle proprie città. Tra le cause, il 15,8% indica un volume di traffico troppo elevato, insostenibile in alcune fasce orarie. I giudizi positivi sul trasporto pubblico sono il 66,73%, con punte del 72% a Bologna.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Udicon

Whatsapp
Societa' - Articoli Recenti
Guida senza patente, fermato per la seconda volta, presenta documento falso
Già sanzionato in marzo per 5.100 euro, dalla Polizia locale, dopo un controllo, a distanza..
15 Giugno 2024 - 16:33
Cantiere Pedemontana, apre in anticipo di 15 giorni via Gualinga
Da Martedì 17 giugno transito ripristinato a Castelnuovo Rangone dove si sta realizzando un..
14 Giugno 2024 - 19:38
Radioterapia Oncologica: Inaugurato il Nuovo Acceleratore Lineare
Acquistato con fondi PNRR garantisce un grande avanzamento nei trattamenti e anche un ..
14 Giugno 2024 - 19:36
Mozarc Medical - ex Bellco, tavolo regionale il 26 giugno, ministeriale il 9 luglio
Il tavolo regionale riunirà rappresentanti dell’azienda, Confindustria Emilia Centro, ..
14 Giugno 2024 - 17:27
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto Astrazeneca, Pfizer, J&J e Moderna
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green pass legge inaccettabile'
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda dose. E ora sono anche positiva'
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24