Il papà di Giulia: 'Insegniamo ai figli l’amore libero dal possesso'
App
Udicon
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Udicon
articoliSocieta'

Il papà di Giulia: 'Insegniamo ai figli l’amore libero dal possesso'

La Pressa
Logo LaPressa.it

'Saluta la mamma. Ti penso abbracciata a lei e ho la speranza che strette insieme il vostro amore sia così forte da aiutare Elena, Davide e anche me'


Il papà di Giulia: 'Insegniamo ai figli l’amore libero dal possesso'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

'Ci ha travolto un tempesta terribile e anche adesso questa pioggia di dolore sembra non finire mai, ci siamo bagnati e infreddoliti, ma ringrazio chi ci ha scaldato con il suo abbraccio, grazie per il vostro sostegno'. Gino Cecchettin legge il suo discorso nel giorno del funerale di sua figlia Giulia, uccisa dal suo ex, ora in carcere. La Basilica di San Giustina a Padova è gremita di persone che hanno voluto dare l’ultimo saluto a Giulia, fuori migliaia le persone.

Il papà ringrazia la Curia, le forze dell’ordine e le istituzioni e dice: 'Giulia era una giovane donna straordinaria, così come l’avete conosciuta, allegra e vivace mai sazia di imparare. Oltre alla laurea che si è meritata, Giulia si è guadagnata ‘ad honorem’ anche il titolo di mamma dopo la prematura scomparsa della sua: nonostante la sua giovane età era una oplita, come amava definirsi, tenace nei momenti di difficoltà, come i soldati greci il suo spirito indomito ci ha ispirato tutti'.

Prosegue papà Gino, mentre Elena e il fratello si stringono in un forte abbraccio nel ricordo della sorella: 'Il femminicidio svaluta la vita delle donne, vessate e costrette a periodi di abusi, proprio da chi doveva amarle. Costrette a perdere la libertà prima di perdere la vita. Come è potuto accedere tutto questo? Ci sono tante responsabilità, ma la responsabilità educativa ci coinvolge tutti: noi uomini dovremmo essere agenti di cambiamento, parliamo agli altri uomini, ascoltiamo le donne e non giriamoci dall’altra parte quando vediamo segni di violenza, anche piccola'.
Gino Cecchettin si rivolge anche a tutti i genitori: 'Insegniamo ai nostri figli il valore del sacrificio e ad accettare le sconfitte, e promuoviamo il dialogo, insegniamo “l’amore libero dal possesso, quello vero che cerca solo il bene dell’altro'.

'Viviamo in un’epoca in cui la tecnologia ci connette in modi straordinari, ma spesso purtroppo ci isola, ci priva del contatto umano reale.

È essenziale che i giovani imparino a comunicare autenticamente, a guardare negli occhi degli altri, ad aprirsi all’esperienza di chi è più anziano di loro. La mancanza di connessione umana autentica può portare incomprensioni e decisioni tragiche. Abbiamo bisogno di trovare la capacità di ascoltare, di essere ascoltati, di comunicare realmente con empatia e rispetto. La scuola ha un ruolo fondamentale nella formazione dei nostri figli. Dobbiamo investire in programmi educativi che ci insegnano il rispetto reciproco, l’importanza delle relazioni sane e la capacità di gestire i conflitti in modo costruttivo. Per imparare ad affrontare le difficoltà senza ricorrere alla violenza. La prevenzione della violenza di genere inizia nelle famiglie, ma continua nelle aule scolastiche e dobbiamo assicurarci che le scuole siano luoghi sicuri e inclusivi per tutti', prosegue.

'Anche i media giocano un ruolo cruciale da svolgere in modo responsabile. La diffusione di notizie distorce, distorte e sensazionalistiche e non solo alimenta una sfera morbosa dando spazio a sciacalli complottisti, ma può anche contribuire a perpetuare comportamenti violenti. Chiamarsi fuori, cercare giustificazioni, difendere il patriarcato quando qualcuno ha la forza e la disperazione per chiamarlo col suo nome, trasformare le in bersagli solo perché dicono qualcosa con cui magari non siamo d’accordo, non aiuta ad abbattere le barriere. Perché da questo tipo di violenza, che è solo apparentemente personale e insensata, si esce soltanto sentendoci tutti coinvolti, anche quando sarebbe facile sentirsi assolti'.

Alle istituzioni politiche 'chiedo di mettere da parte le differenze ideologiche per affrontare unitariamente il flagello della violenza di genere. Abbiamo bisogno di leggi e programmi educativi mirati a prevenire la violenza, a proteggere le vittime, le vittime e a garantire che i colpevoli siano chiamati a rispondere delle loro azioni. Le forze dell’ordine devono essere dotate delle risorse necessarie per combattere attivamente questa piaga e degli strumenti per riconoscere il pericolo. Ma in questo momento di dolore e tristezza dobbiamo trovare la forza di reagire e trasformare questa tragedia in una spinta per il cambiamento. La vita di Giulia, la mia Giulia, ci è stata sottratta in modo crudele, ma la sua morte può, anzi deve essere il punto di svolta per porre fine alla terribile piaga della violenza sulle donne'.

'Grazie a tutti per essere qui oggi che la memoria di Giulia ci spinge a lavorare insieme per creare un mondo in cui nessuno debba mai temere per la propria vita. Vi voglio leggere la poesia di Gibran che credo possa dare una reale rappresentazione di come bisognerebbe imparare a vivere. Il vero amore non è né fisico né romantico. Il vero amore è l’accettazione di tutto ciò che è stato, sarà e non sarà. Le persone più felici non sono necessariamente coloro che hanno il meglio di tutto, ma coloro che traggono il meglio da ciò che hanno. La vita non è una questione di come sopravvivere alla tempesta, ma di come danzare nella pioggia'.

'Cara Giulia, è giunto il momento di lasciarti andare. Saluta la mamma. Ti penso abbracciata a lei e ho la speranza che strette insieme il vostro amore sia così forte da aiutare Elena, Davide e anche me non solo sopravvivere a questa tempesta di dolore che ci ha travolto, ma anche di imparare a danzare sotto la pioggia. Sì, noi che siamo rimasti vi promettiamo che un po' alla volta impareremo. Impareremo a muovere i passi di danza sotto questa pioggia. Cara Giulia, grazie per questi 22 anni che abbiamo vissuto insieme e per l’immensa tenerezza che ci hai donato. Anch’io ti amo tanto. E anche Elena e Davide ti adorano. Io non so pregare, ma solo sperare. Ecco, voglio sperare insieme a te dalla mamma. Voglio sperare insieme ad Elena e Davide e voglio sperare insieme a tutti voi qui presenti. Voglio sperare che tutta questa pioggia di dolore fecondi il terreno delle nostre vite. E voglio sperare che un giorno possa germogliare e voglio sperare che produca il suo frutto di amore, di perdono e di pace. Addio Giulia, amore mio'.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Udicon
Articoli Correlati
Santa Giulia Billiart e la guarigione miracolosa
Il Santo del giorno
08 Aprile 2024 - 06:02
Santa Giuliana che spaventò il Demonio
Il Santo del giorno
16 Febbraio 2024 - 06:18

Whatsapp
Societa' - Articoli Recenti
Al via gli esami di Terza Media anche nel modenese
Si comincia oggi con la prova di italiano. Tre le tipologie di tracce, precedentemente ..
10 Giugno 2024 - 08:38
Modena, gita in barca a vela per sei ragazzi guariti dal cancro al Policlinico
Nell’ambito del progetto di Sea Therapy è stato possibile far partecipare un gruppo di ex..
09 Giugno 2024 - 12:58
Modena, sindacato in lutto: è morto Adelmo Bastoni
Storico dirigente sindacale, 94 anni, originario di Castelfranco Emilia, dove ha continuato ..
09 Giugno 2024 - 12:46
Tanta acqua e ancora tanta neve: risorsa idrica garantita in tutto il bacino del Po
Grandi Laghi e corsi d'acqua sopra il 100% di disponibilità: Il Po ha registrato a marzo la..
09 Giugno 2024 - 00:28
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto Astrazeneca, Pfizer, J&J e Moderna
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green pass legge inaccettabile'
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda dose. E ora sono anche positiva'
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24