Iscriviti al Canale YouTube de La Pressa
Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Iscriviti al Canale YouTube de La Pressa
articoliSocieta'

L'Omelia di Natale; 'La grandezza di Dio nella carne di un neonato'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Messa in Duomo celebrata dal Vescovo Erio Castellucci


L'Omelia di Natale; 'La grandezza di Dio nella carne di un neonato'

'È piuttosto distante il linguaggio delle letture di oggi dal clima natalizio del presepe. Ci aspetteremmo il riferimento a una stalla e invece, come abbiamo sentito nella seconda lettura, si parla dell’alto dei cieli; immaginiamo un bimbo avvolto in fasce, mentre il Vangelo di Giovanni si concentra piuttosto sul Verbo eterno di Dio; e al posto del canto dei pastori, che davano un tono umile e terreno alla nascita di Gesù, ci si trasferisce tra gli angeli, per contemplare la gloria di Dio. Dove è finito lo spirito semplice del Natale? Oggi abbiamo sentito parole che lo smarriscono in un mondo lontano dai nostri interessi.
Gli occhi del cuore guardano più in profondità degli occhi del corpo
Eppure, in realtà, queste letture non ci portano fuori o sopra, ma ci guidano dentro il mistero del Natale.
Dentro la stalla, infatti, c’è il Dio altissimo che è sceso nelle pieghe della nostra umanità; in quel bimbo fasciato è presente il Verbo eterno, che si è reso minuscolo, raggiungibile, fragile. Il linguaggio solenne della parola di Dio di oggi, che abbonda di termini come pace, salvezza, gloria, maestà, potenza, luce, non è altro che il linguaggio dell’amore. Chi ama vede l’altro in profondità, lo guarda come un dono prezioso, lo loda con parole esagerate ma vere, ne percepisce la preziosità. Per capire il linguaggio dell’amore, pensiamo a come la mamma e il papà guardano il loro bimbo appena nato. Vedono un essere umano di pochi chilogrammi e ne parlano come di un grande dono. Gli occhi del cuore guardano più in profondità degli occhi del corpo. La vista degli affetti è come i raggi x: entra dentro il visibile e coglie ciò che da fuori non si percepisce.

Sulla mangiatoia di Betlemme è steso un neonato, ma Giuseppe e Maria lo ammirano come il Figlio di Dio; si muove, piange e ride come gli altri bimbi, ma i genitori sanno che in lui c’è la presenza dell’Altissimo. Quando il vangelo di Giovanni vede in quella carne il Verbo eterno del Padre e la lettera agli Ebrei vi contempla la maestà e la gloria di Dio, non fanno altro che adottare lo sguardo di chi ama, di chi vede in profondità, di chi supera la corteccia esteriore e arriva al cuore. Oggi celebriamo il linguaggio dell’amore, che canta la grandezza di Dio nella carne di un neonato. Dio è fatto così: noi siamo impressionati dalle apparenze esteriori, dall’imponenza, dalla potenza; Dio no: lui non guarda l’apparenza, lui guarda il cuore, e preferisce nascondersi nelle cose piccole, nei cuori umili, negli esseri fragili. Questo bimbo nato nella stalla – e non in una reggia e nemmeno in una casa – è lo stesso che da adulto porterà il suo sguardo sui piccoli, i poveri, gli umili, i disprezzati, gli emarginati. Quello che sperimenta fin dalla nascita lui stesso – il Dio altissimo calato nel debole corpo di un essere umano – è quello che propone a noi: continuare a vederlo presente nell’affamato, nell’assetato, nell’ammalato, nel carcerato, nello straniero, nel bisognoso.
La fede cristiana continua a scomodare così tanto, quando la testimoniamo davvero
Gesù è un Dio fatto così: e non è per nulla comodo. Se il Verbo fosse rimasto nei cieli, presso Dio, a regolare di lassù l’andamento della vita sulla terra, sarebbe stato molto più agevole anche per noi. Un Dio regista è più comodo di un Dio protagonista: lo avremmo invocato al bisogno, gli avremmo offerto sacrifici per ottenere i suoi benefici o per scongiurare le sue punizioni, come facevano gli antichi. Sarebbe stato, in altre parole, un Dio “a disposizione”. La sua decisione di farsi carne, invece, scomoda.

Forse per questo la fede cristiana continua a scomodare così tanto, quando la testimoniamo davvero: un Signore che occupa uno spazio e un tempo dà fastidio. Un Signore che stringe relazioni, che continua ad essere presente nel suo corpo, disturba. Ma se il suo corpo fisico, venuto alla luce a Betlemme, ha scelto la via della fragilità per rispondere alle attese di grandezza e di potere degli uomini, anche il suo corpo ecclesiale, che siamo noi, vivendo inoltre nelle proprie membra la fragilità del peccato, può rispondere alle attese umane non cercando di imporsi, ma proponendosi umilmente. Se abbiamo fede nella presenza del Verbo fatto carne, sappiamo che il metodo vincente anche oggi non è quello della grandezza esteriore ma quello della prossimità'

Di seguito, il programma delle celebrazioni presiedute da mons. Erio Castellucci nelle diocesi di Modena-Nonantola e Carpi:

Venerdì 31 dicembre

Alle 17.30, nell’Abbazia di Nonantola: Messa nella solennità di San Silvestro, patrono di Nonantola e compatrono dell’Arcidiocesi di Modena-Nonantola, e canto del Te Deum

Sabato 1 gennaio

Alle 18, in Cattedrale a Carpi, Messa nella solennità di Maria Madre di Dio e 55ª Giornata mondiale della pace (trasmessa in diretta sul canale Youtube “Notizie Settimanale della Diocesi di Carpi”


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
Email
 

Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
Articoli Correlati
Modena, Babbo Natale in tutù: ‘Agghiacciante’
Politica
27 Novembre 2021 - 16:47- Visite:16058
Don Morandi è diventato vescovo: cerimonia in Duomo
Politica
01 Ottobre 2017 - 12:13- Visite:12889
Diocesi di Modena, un valzer di preti
Che Cultura
10 Settembre 2017 - 16:41- Visite:12857
Diocesi, giro di giostra per i parroci
Che Cultura
25 Giugno 2017 - 14:35- Visite:12126
Cristo Pellegrino e Madonna della neve, la messa in vetta col vescovo ..
Che Cultura
06 Agosto 2017 - 14:37- Visite:11369
E a Modena bisogna guardarsi anche da Babbo Natale
Lettere al Direttore
04 Dicembre 2021 - 16:11- Visite:10861

Societa' - Articoli Recenti
Covid, 13671 contagi in Emilia ..
La situazione dei contagi nelle province vede Bologna con 2.256 nuovi casi, seguita da ..
05 Gennaio 2022 - 16:25- Visite:117
Cassano, vaccinato con due dosi, ..
L'ex calciatore 39enne Antonio Cassano è stato trasferito in ospedale a causa delle ..
05 Gennaio 2022 - 15:37- Visite:538
Segretario Confcommercio Modena: 'Io ..
Alberto Crepaldi ha la forza di guardare in faccia la realtà e di avanzare una durissima, ..
05 Gennaio 2022 - 14:00- Visite:2520
'Omicron sfugge ai tamponi rapidi, 1 ..
A spiegarlo è Guido Rasi, consulente del commissario per l’emergenza Covid, Francesco ..
05 Gennaio 2022 - 12:48- Visite:821
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto ..
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40- Visite:370510
'Altro che Tachipirina, ecco come ..
L'ex primario del Pronto soccorso di Modena: 'Antinfiammatori ai primi sintomi e poi, se il ..
31 Gennaio 2021 - 14:37- Visite:310762
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 ..
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11- Visite:187645
Il sindacato dei carabinieri: ..
‘Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39- Visite:182552