Mafia e fondi PNRR: 'Il sistema giudiziario e dei controlli è debole'
Riccardo Zaccarelli Azione Mirandola
Udicon
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Riccardo Zaccarelli Azione Mirandola
articoliSocieta'

Mafia e fondi PNRR: 'Il sistema giudiziario e dei controlli è debole'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il Procuratore Nazionale Antimafia Melillo in collegamento con Modena al Festival Giustizia Penale: 'L' organizzazione giudiziaria è indietro, tribunali e corti rispondono più a logiche corporative che di garanzia. I protocolli locali operazioni di cosmesi'


Mafia e fondi PNRR: 'Il sistema giudiziario e dei controlli è debole'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

'Nel settembre scorso durante una visita nel mio ufficio, il Presidente Draghi disse che non si riflette abbastanza su cosa accadrebbe per la credibilità dell'Italia se semplicemente si diffondesse in Europa la percezione che una parte significativa delle risorse messe in campo derivanti dalle tasse pagate da cittadini e imprese e altri Stati dell'Unione, finisca nelle mani del crimine organizzato'. Giovanni Melillo, da un anno Procuratore Nazionale Antimafia e antiterrorismo riporta le parole dell'ex presidente del Consiglio al termine del suo intervento in collegamento con il Festival Giustizia Penale in corso a Modena.

Parole a testimonianza di una preoccupazione che lo stesso procuratore esprime dall'inizio alla fine del suo intervento di una ventina di minuti. Parole che - dice - 'pongono interrogativi politici e morali'. Oltre che preoccupazioni legate al fatto che è riduttivo parlare di emergenza criminale nel sistema degli appalti in quanto la criminalità organizzata e le infiltrazioni mafiose fanno parte del sistema.

'Il crimine organizzato è una componente strutturale non soltanto del tessuto economico. Parliamo di autentiche costellazioni di imprese legate ad organizzazioni mafiose che producono servizi e agiscono per esempio con il meccanismo delle false fatturazioni e delle frodi fiscali. Un sistema abbastanza decifrato che determina un impatto e un condizionamento criminale anche nei confronti di comportamenti di imprese che mafiose non sono ma che ricorrono ai servizi illegali delle imprese mafiose. Di fronte a questo ci stiamo muovendo in varie direzioni. Stiamo collaborando con diverse soggetti per l'elaborazione di specifiche tecniche mirate ai finanziamenti PNRR, per esempio per la generazione di segnalazioni di operazioni finanziarie sospette, e così stiamo lavorando insieme al procuratore europeo perché perchè una partita di questo genere si svolge sotto gli occhi dell'Unione Europea e di organi  giurisdizionali di carattere europeo, e da questo punto di vista assistiamo a profonde trasformazioni della macchina giudiziaria'.

Profonde trasformazioni che il procuratore Melillo non vede, o vede insufficienti, nel sistema giudiziario italiano. 'Una debolezza che va evidenziata con grande forza - dice - una debolezza non soltanto in termini di risorse e di ritardi ma è anche una debolezza in termini di mancata modernità dell'organizzazione giudiziario. Credo che nessun tribunale, nessun ufficio, nessuna Corte, stia considerando ad esempio come priorità la sfida derivante da procedimenti legati al PNRR. E se la giustizia amministrativa è un po' più avanti, la giustizia ordinaria è molto indietro. La stessa organizzazione dei Tribunali e delle Corti risponde più a logiche corporative e micro-corporative che, piuttosto, ad obiettivi di garanzia di trasparenza ed efficienza del sistema giudiziario. Inoltre, componente non secondaria, la questione dell'intollerabile durata dei procedimenti e quindi dell'incidenza che l'incertezza della sorte dei diritti ha sui comportamenti del mercato'.

'A destare molta preoccupazione . prosegue il procuratore nazionale  - è il sistema dei controlli preventiva e in generale il sistema dei controlli pubblici. Da questo punto di vista la situazione estremamente allarmante. Il sistema di controlli ha una sua consistenza e una sua storia consoldata essenzialmente nella materia degli appalti di concessione di opere e servizi pubblici. Occorre però ricorare che stiamo parlando un sesto delle risorse del PNRR. Le altre decine di miliardi sono destinati ai progetti della transizione ecologica o della digitalizzazione che destinate a svolgersi in settori dove i controlli preventivi sono sono deboli o inesistenti'. E in questo campo anche le proposte di modifica sembrano scontrarsi con una realtà impantanata e senza sbocchi. Il procuratore fa l'esempio dei conti dedicati per aziende titolari degli appalti. 'Una possibilità ancora teorica. Il sistema bancario non coopera e nemmeno le imprese lo fanno. Vi è una proposta in campo della Banca di Italia che prevede di legge l'ingresso di un soggetto pubblico con funzione di estrazione dei dati rimuovendo tutti gli ostacoli. Ma è una proposta della quale non si conosce la sorte'.

Altro elemento di grande preoccupazione evidenziato dal procuratore è quello rappresentato dalla 'polverizzazione delle stazioni appaltanti e dall'osservatorio della Procura Nazionale Antimafia e Antiterrorismo il dato assume un particolare significato perché in alcuni contesti territoriali il condizionamento mafioso è talmente evidente da determinare uno scioglimento di organi elettivi amministrativi'. Il Procuratore, anche su domanda specifica, non fa riferimento ad alcun comune specifico ma ribadisce che il problema c'è e dovrebbe rappresentare una priorità. Insieme ad altre a livello di pubblica amministrazione locale. 'Pensiamo che sull'Amministrazione graverebbe l'obbligo di procedere alle segnalazioni finanziarie sospette, a a tutt'oggi mancano indicazioni precise su come orientare questa responsabilità della pubblica amministrazione. Un intervento del MEF in questo senso non sarebbe soltanto necessario ma assolutamente urgente' - propone il Procuratore.

Deficit nel sistema dei controlli che si registra nel settore delle grandi opere pubbliche: 'In Italia abbiamo un organismo specifico, Comitato di Coordinamento per l’Alta Sorveglianza delle Infrastrutture e degli Insediamenti Prioritari (CCASIIP), al quale partecipa anche il mio ufficio con due magistrati e che ha elaborato uno strumento molto più sosfisticato rispetto ai vari protocolli stipulati a livello locale che sembrano rispondere più operazioni di cosmesi che di reale efficacia preventiva. La proposta è di estendere a tutte le opere infrastrutturali strategiche le attività del Comitato, ma anche in questo caso di tratta di una proposta senza risposta'.

Gi.Ga.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Udicon

Giacobazzi
Societa' - Articoli Recenti
Modena pride, 56 quintali di rifiuti raccolti da Hera
Di questi 12 di indifferenziata, 14 quintali di carta, 9 di plastica e 21 quintali di vetro
26 Maggio 2024 - 14:40
Iva Zanicchi abbraccia Mirandola, tripudio al Memoria Festival, oggi chiude Morgan
Con lei appuntamento del sabato. Oggi ultimo giorno del festival in un mix tra cultura e ..
26 Maggio 2024 - 09:28
Carcere Modena: detenuto recidivo aggredisce agente di Polizia
La condanna del Sappe: 'Sovraffollamento e carenza di organici aumentano le difficoltà per ..
25 Maggio 2024 - 01:24
Memoria Festival Mirandola: sabato anche con Vessicchio e Recalcati
Decine di appuntamenti negli spazi allestiti nelle piazze del centro storico. Tutto il ..
25 Maggio 2024 - 01:05
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto Astrazeneca, Pfizer, J&J e Moderna
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green pass legge inaccettabile'
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda dose. E ora sono anche positiva'
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24