La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
articoliSocieta'

Modena in silenzio: è morto Luciano Landi. L'ultima dolce profezia

La Pressa
Logo LaPressa.it

... Ho visto negli occhi di Giuseppe che Gesù mi stava guardando mostrandomi tutte le mie miserie con quell’amore che solo Dio sa regalare


Modena in silenzio: è morto Luciano Landi. L'ultima dolce profezia

Tragedia nel mondo dello sport di Modena. E' morto ieri sera, colpito improvvisamente da un infarto mentre era fuori a cena nel reggiano, Luciano Landi allenatore e direttore sportivo della Associazione Amici del Nuoto dei Vigili del Fuoco di Modena. Luciano aveva 55 anni ed era in perfetta forma fisica: un atleta vero che faceva allenamenti quotidiani in vasca e sulla sua bicicletta. All'interno della piscina del Comando vigili del fuoco di Modena, ha cresciuto tanti giovani atleti che sotto la sua guida hanno raggiunto risultati sia a livello nazionale che internazionale: su tutti Lorenzo Mora, Caterina Brighi e Mattia Dall'Aglio. Proprio l'improvvisa scomparsa per arresto cardiaco del 24enne Mattia Dall'Aglio ad agosto 2017 aveva segnato profondamente Luciano. Un destino che a tre anni di distanza lo ha tragicamente legato al suo atleta. Lascia la compagna Maurizia e due figli. Modena perde un allenatore di livello, ma soprattutto un uomo buono e sensibile. Alle ultime elezioni amministrative si era candidato nella lista civica di Modena Ora, collaborava saltuariamente con il nostro quotidiano...

La verità è che ho perso un amico. Amava la musica classica, i vinili, i libri, le pipe in radica, la birra artiginale... Sapeva parlare e ascoltare per ore, non giudicava mai e si offendeva solo se si gettava per terra una cartaccia. Perchè la natura non lo merita. Per questo era vegetariano, perchè gli animali non possono essere mangiati. Tanto meno i pesci. Avete mai visto un pesce nuotare? Come è possibile mangiarlo... Diceva. Un uomo capace di abissi profondi, capace di scherzare e di ridere di gusto, col suo ossessivo bisogno di 'andare a tempo'. Indulgente coi deboli e sferzante coi forti. Ha cercato Dio ogni giorno della sua vita, con la certezza inscalfibile, sempre, in ogni caso anche nei giorni più bui, che non fosse una ricerca vana. La morte di Mattia Dall'Aglio lo aveva sconvolto negli ultimi tre anni ma non aveva smarrito la Fede. La mia verità su Luciano è questa.
Domenica scorsa, nove giorni fa, ha inviato al mio cellulare l'ultima riflessione, non un vero e proprio articolo, ma una poesia. Non la pubblicammo come avrebbe voluto, magari con pseudonimo, pensai fosse troppo difficile da inquadrare in un pezzo di giornale. E' ancora lì quella poesia. Una dolcissima e straziante profezia che pubblichiamo ora. In punta di piedi.
Dopo questa poesia, pochi giorni fa, un messaggio per scherzare sul dicktat delle mascherine. Non risposi. Non potrò più rispondergli.
Giuseppe Leonelli

Ho appena incontrato Gesù! Per tutto il giro di oggi sono stato come perseguitato dai quei macchinini elettrici a manubrio e due ruote che solitamente usano le persone con disabilità. Le ho incontrate lungo il mio giro e attraverso questo caldo di un pomeriggio di una domenica d’agosto. Nel rientrare a casa e cercando di seminare questa calura padana, alle porte di Spilamberto provenendo da Magazzino, sulla rotatoria che ti obbliga all’arsura del ponte sul Panaro, un altro di questi veicoli stava rallentando e imboccando la strada contromano, quando già alcune auto nel rallentare lo avevano circondato come una madre coi cuccioli per impedir loro di mettersi nei guai. Faccio  per uscire dalla rotatoria ma un bisogno primordiale di aggiungermi a quel manipolo di soccorritori mi porta a curvare a u rapidamente e affrontare questo veicolo che si stava spegnendo a singhiozzi nei pressi dell’unica eroica pianta rimasta a ricordare tra tanto asfalto la campagna che fu. Era Giuseppe, in chiaro affanno da Parkinson, che si era avventurato oltre l’autonomia del suo trabiccolo e della sua infausta compagna di vita. Riesco a chiamare un parente grazie all’aiuto di una ragazza che aveva frugato sul cellulare d’epoca di Giuseppe, e mi accingo ad aspettare che vengano in suo soccorso. E così mi accorgo delle diverse persone che fermandosi avevano bloccato la rotatoria, come in una liturgia improvvisata a ricordare il bisogno di ognuno di noi di non smarrire mai la via di casa e della speranza che mai le forze possano abbandonarci nel farci ritorno. Pian piano tutti salutano e mi lasciano con Giuseppe e il suo Parkinson. Ha lavorato come vivaista e aveva affrontato questo caldo per andare al cimitero di Bazzano a trovare la nonna. L’insolenza della sua malattia non era solo nelle parole spezzate con le quali cercava di comunicarmi, lo era soprattutto nelle macchie sulla maglia che mostravano con quanta fatica ogni giorno Giuseppe debba affrontare la via della bocca per bere e mangiare, e ancor più in quella barba fatta a scalini quasi a ma ideato del procedere di tanta insolenza sulla sua dignità. Non ho potuto fare a meno di pensare alla madre di Giuseppe, a chi lo ha amato e a chi Giuseppe possa aver amato e desiderato. Facevano un dagherrotipo con quella pianta ancora protesa a difenderci dal sole in questo nostro breve dialogo. E ho visto negli occhi di Giuseppe che Gesù mi stava guardando mostrandomi tutte le mie miserie con quell’amore che solo Dio sa regalare. Arrivati i suoi parenti a recuperarlo ho avuto il bisogno di stringere la mano di Giuseppe (pur sapendo che era un gesto no Covid-19) e di raccomandarlo per i suoi prossimi giri al fresco del mattino. Nel risalire sulla mia bicicletta mi sono accorto che uno dei parenti aveva una tinta “testa di moro” che non vedevo dagli anni ‘70 della mia infanzia. E ho riso! E so che a ridere, da qualche parte, c’era anche Giuseppe con Gesù negli occhi.


Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
'Vaccini, ecco il rapporto tra la Lorenzin e le case farmaceutiche'
Politica
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:144879
Segretario Pd: ‘Votare Lega significa essere idioti’
Politica
04 Agosto 2018 - 11:35- Visite:103231
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi del Sistema. E Muzzarelli trema
Il Punto
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:55587
Il Sulpl risponde: Posso accompagnare mia moglie a fare la spesa?
Societa'
17 Marzo 2020 - 11:24- Visite:51224
'Festa Unità: è il vuoto totale, a Modena non esiste centrosinistra'
Parola d'Autore
31 Agosto 2018 - 11:38- Visite:43926
'Lo Ius Soli sarà per noi il primo punto nella nuova legislatura'
Pressa Tube
01 Febbraio 2018 - 01:00- Visite:43289
Societa' - Articoli Recenti
'Addio a Mussini, imprenditore ..
I parlamentari Lega Stefano Corti e Benedetta Fiorini, il consigliere regionale Bargi e il ..
16 Settembre 2020 - 18:46- Visite:91
Covid, contagi a Carpi, Prignano, ..
Sei casi sono legati a un focolaio familiare già noto, 3 sono contatti di casi conosciuti, ..
16 Settembre 2020 - 17:29- Visite:2165
Covid, 106 nuovi contagi in Emilia ..
I pazienti in terapia intensiva sono 19 (2 in più rispetto a ieri), mentre i ricoverati..
16 Settembre 2020 - 17:14- Visite:866
Presentata oggi la nuova Ferrari ..
E' la prima Ferrari a essere presentata dopo il periodo di chiusura aziendale dovuto alla ..
16 Settembre 2020 - 15:05- Visite:298


Societa' - Articoli più letti


Morti nelle Rsa per Covid, in Emilia ..
Lo riporta l'Istituto superiore di sanità nell'ultimo report del 14 aprile sul contagio da ..
19 Aprile 2020 - 18:05- Visite:122325
Modena in zona rossa: cosa prevede la..
Spostamenti bloccati, permessi solo per emergenza. Chiuse palestre, piscine e centri ..
07 Marzo 2020 - 21:45- Visite:67795
La pandemia globale di Coronavirus? ..
E' tutto ancora on line. Il John Hopkins Center for Health Security con il World Economic ..
03 Marzo 2020 - 09:43- Visite:67258
Il Sulpl risponde: Posso accompagnare..
In questo periodo solo il marito si recherà a fare al spesa, avendo al seguito ..
17 Marzo 2020 - 11:24- Visite:51224