Iscriviti al Canale YouTube de La Pressa
Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Iscriviti al Canale YouTube de La Pressa
articoliSocieta'

Nuova ordinanza regionale: ok a vendita prodotti per casa e persona

La Pressa
Logo LaPressa.it

Nei fine settimana, nei centri commerciali. Mantenute tutte le restrizioni vigenti. Il sottosegretario Baruffi: 'Situazione in miglioramento, RT in calo, obiettivo è zona gialla'


Nuova ordinanza regionale: ok a vendita prodotti per casa e persona

Una nuova ordinanza, firmata oggi dal presidente della Regione, conferma le misure introdotte con la precedente del 12 novembre (in vigore dal 14). Il provvedimento entra in vigore già da domani e si limita a ritoccare quello precedente in due aspetti: da un lato integrando l’elenco delle attività di vendita consentite nei prefestivi, quando restano chiuse le medie e grandi strutture di vendita, e nei festivi, quando restano chiuse le attività commerciali in genere; dall’altro modificando il termine di scadenza delle restrizioni ulteriori specificamente previste dalla nostra Regione.

Il provvedimento, tra l’altro, conferma che nei giorni prefestivi gli esercizi commerciali insediati nell’ambito di centri commerciali, di aree commerciali integrate e di poli funzionali restano chiusi al pubblico, salvo che per la vendita di generi alimentari, per le farmacie, parafarmacie, tabaccherie ed edicole.

Anche le medie e grandi strutture di vendita non insediate all’interno di centri commerciali, aree commerciali integrate e poli funzionali, restano chiuse al pubblico, salvo che per la vendita di generi alimentari, di giornali e riviste, farmacie, parafarmacie, tabaccherie. A queste categorie merceologiche consentite, qui la novità, si aggiungono ora i prodotti per la cura e l’igiene della persona e per l’igiene della casa, gli articoli di cartoleria e cancelleria.

Anche nei giorni festivi continua ad essere sospesa ogni tipo di attività di commercio, sia in sede fissa che su area pubblica, fatta eccezione per la vendita di generi alimentari, di giornali e riviste. E continuano a rimanere aperte anche farmacie, parafarmacie, tabaccherie. Anche in questo caso, si aggiunge la possibilità di vendita di prodotti per la cura e l’igiene della persona e per l’igiene della casa, degli articoli di cartoleria e cancelleria. Rimangono comunque chiusi esercizi commerciali che si trovano nell’ambito di centri commerciali, di aree commerciali integrate e di poli funzionali, in questo caso salvo che per la vendita di generi alimentari, farmacie, parafarmacie, tabaccherie e edicole.

Infine, per armonizzare le norme vigenti in Emilia-Romagna con le norme nazionali, la scadenza dell’ordinanza del 12 novembre viene anticipata a venerdì 27 novembre, quando il ministro della Salute sarà chiamato a riesaminare il proprio provvedimento che ha spostato l’Emilia-Romagna in fascia arancione.

“In continuità con l’ordinanza adottata la settimana scorsa, sulla base dell’andamento epidemiologico- afferma il sottosegretario alla Presidenza della Giunta, Davide Baruffi- abbiamo ritenuto di confermare le misure ulteriormente restrittive introdotte anche per la prossima settimana. Se la stabilizzazione dei casi e l’ulteriore flessione dell’indice Rt della nostra regione per la quarta settimana di seguito, ma fino a quando non scenderà sotto l'1 il virus continuerà a circolare pericolosamente, ci fa ben sperare rispetto ai risultati che stiamo ottenendo, è altrettanto vero che permangono numeri alti.
In questi giorni ci giochiamo molto, anche rispetto a come sarà il prossimo mese di dicembre. Per questo ci siamo assunti la responsabilità di non derogare ancora alle limitazioni presenti, fiduciosi che altri sette giorni possano consolidare questa tendenza. Ciò non significa ignorare incongruenze che ci sono state segnalate, né vogliamo complicare inutilmente la vita di cittadini ed esercenti. Abbiamo quindi previsto limitate modifiche all’elenco delle attività di vendita consentite, allargandolo soprattutto a beni di prima necessità come quelli per l’igiene della persona e della casa. Questo senza intaccare la portata dell’ordinanza, che vuole esplicitamente prevenire assembramenti sia nel centro delle città sia nei centri commerciali”.

“Inoltre, abbiamo anticipato la scadenza dell’ordinanza rispetto al termine del 3 dicembre, per poter aggiornare le valutazioni del caso alla luce delle decisioni che il ministro Speranza sarà chiamato ad assumere tra una settimana esatta anche per quanto riguarda la classificazione della nostra regione. Dobbiamo continuare a rispettare le regole di sicurezza- chiude Baruffi- perché il rischio resta alto. Nello stesso tempo, i sacrifici stanno dando risultati. E noi vorremmo accelerare il più possibile il percorso di uscita da restrizioni che penalizzano l’economia e la socialità, mantenendo condizioni di sicurezza”.



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
Email
 

Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
Articoli Correlati
Bologna arancione scuro, situazione grave. Bonaccini: 'E' terzo picco'
Societa'
25 Febbraio 2021 - 18:10- Visite:21969
Emilia Romagna zona arancione: Bonaccini frenava ma era indispensabile
Il Punto
14 Novembre 2020 - 07:01- Visite:9868
Emilia Romagna in zona arancione e si aggiunge ordinanza di Bonaccini
Politica
13 Novembre 2020 - 21:52- Visite:9024
In zona arancione da domenica: per i ristoratori si ripete la beffa
Societa'
19 Febbraio 2021 - 17:05- Visite:7252
Emilia Romagna zona arancione da domenica
Societa'
13 Novembre 2020 - 18:01- Visite:6253
Covid, Emilia Romagna verso la zona arancione
Societa'
13 Novembre 2020 - 16:08- Visite:5572

Societa' - Articoli Recenti
A Modena ricoveri come un anno fa ma ..
Il calcolo dell'Azienda Ospedaliera che segnala come il 34,4% dei ricoverati covid non lo ..
21 Gennaio 2022 - 18:45- Visite:458
Negozi senza Green Pass, il governo ..
Piccola modifica nell'applicazione ormai cervellotica delle nuove restrizioni in vigore dal ..
21 Gennaio 2022 - 18:45- Visite:1603
Rincaro bollette: Hera promette ..
Aumentando la base di 200.000 raggiunta nel 2021, di cui 30.000 ai clienti modenesi,
21 Gennaio 2022 - 17:43- Visite:252
Covid, 3568 contagi in un giorno a ..
In provincia di Modena, su 3568 nuovi positivi, i sintomatici sono 400, gli asintomatici ..
21 Gennaio 2022 - 17:23- Visite:2717
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto ..
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40- Visite:372564
'Altro che Tachipirina, ecco come ..
L'ex primario del Pronto soccorso di Modena: 'Antinfiammatori ai primi sintomi e poi, se il ..
31 Gennaio 2021 - 14:37- Visite:321614
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 ..
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11- Visite:191972
Il sindacato dei carabinieri: ..
‘Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39- Visite:184163