La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
articoliParola d'Autore

Ristoratori, o li facciamo lavorare o chiuderanno tutti

La Pressa
Logo LaPressa.it

Molti non hanno aderito alla iniziativa 'Ioapro', ma tutti hanno posto il medesimo interrogativo al Governo


Ristoratori, o li facciamo lavorare o chiuderanno tutti

'Fateci lavorare o dovremo chiudere tutti'. Questo il grido d'allarme che risuona forte e angoscioso in tutti i locali pubblici di Modena e provincia contro le restrizioni degli orari di chiusura dei locali pubblici imposte dal Governo Conte.

E a lanciarlo sono personaggi importanti della storia della ristorazione tradizionale modenese come Giovanna Guidetti della 'Fefa' di Finale Emilia “il governo sta tirando troppo la corda, forse pensavano che avremmo accettato di tutto”, Gianfranco Zinani dell''Incontro' di Carpi, Vinicio dell'omonimo ristorante di Modena e altri. Ma nelle settimane precedenti erano anche intervenuti i 'numeri uno' della gastronomia modenese come Luca Marchini dell''Erba del Re' e Massimo Bottura della 'Francescana'. Quest'ultimo si era rivolto direttamente all''amico' presidente della Regione Bonaccini perchè perorasse la loro causa nei confronti del Governo, ma con risultati che si sono dimostrati deludenti. E sulla falsariga delle proteste della Guidetti e degli altri colleghi, si sono mossi i gestori della città, di Carpi. Sassuolo, Mirandola, Vignola, Castelfranco, eccetera...
Molti di loro non hanno aderito alla iniziativa 'Ioapro', ma tutti hanno posto il medesimo interrogativo al Governo: 'Perchè bar e ristoranti che tanto hanno speso per adeguare i loro locali alle misure di sicurezza devono restare chiusi quando nei centri commerciali vi un ammasso di persone che fanno la spesa?'

In loro aiuto e sostegno, ma anche in segno di solidarietà, sono intervenuti una serie di avvocati costituiti in pool legali pronti a fornire loro assistenza gratuita.

E che i ristoranti siano 'al tappeto' con le nuove chiusure imposte ma in conseguenza anche della limitatezza dei ristori del Governo, definiti dagli interessati “miserie” e che per giunta arrivano in ritardo, lo hanno confermato le associazioni di categoria come il presidente della Fipe nazionale e vice presidente di Confcommercio Stammati: “Sono assurdi e punitivi questi provvedimenti ai danni di una categoria che ha fatto tutto il possibile per mettersi in regola con le norme anti Covid e i nostri locali sono sicuri molto più di altri”.

Anche Confesercenti e Confcommercio di Modena non sono state da meno e, per bocca dei loro presidente provinciali, Mauro Rossi e Tommaso Leone, hanno ricordato “le difficoltà dei gestori a comprendere il senso delle decisioni governative, così come i tempi di adozione dei provvedimenti che non lasciano la possibilità di organizzare e programmare le attività”. Concludendo con un accorato appello: “Gli imprenditori sono lasciati soli, dimenticati da chi ci governa nel mlomento in cui devono fare i conti con un calo del fatturato annuo di oltre l'80 per cento rispetto allo scorso anno. Il commercio modenese ha perso 800 milioni di ricavi nel 2020 e la sola ristorazione altri 750 milioni. L'esasperazione dei gestori è al limite sia per le preoccupazioni di potere resistere che per il pagamento dei dipendenti, visto che non vi sono più entrate da nove mesi a qauesta parte. E anche perchè l'andamento dei contagi dimostra che non vi è una diretta correlazione tra questi e la frequentazione dei locali pubblici. E' necessario che il Governo cambi registro – è la richiesta pressante delle associazioni a nome delle migliaia di gestori di locali – se vogliamo salvaguardare un pezzo di imprenditoria storica che contriobuisce a tenere vivi e frequentati i nostri centri storici altrimenti destinati alla desertificazione, al silenzio e al buio”.

Infine Daniele Casolari, segretario della Licom provinciale che se l'è presa con “i continui Dpcm che cambiano le norme dalla sera alla mattina, senza comunicazione, senza condivisione, né comunicazioni immediate agli interessati e senza una valutazione seria e ragionata di chi può tenere aperto e chi no”.

Ce n'è insomma abbastanza per concludere che il Governo sia riusciti a scontentare in poco tempo una intera categoria produttiva e commerciale, importante per l'economia generale del Paese. Milioni di persone, insomma, tra gestori, titolari e personale dipendente, che non avrebbero mai immaginato di dovere mettere un giorno il loro avvenire nelle mani del trio Conte-Boccia-Speranza.

Cesare Pradella


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Cesare Pradella
Cesare Pradella

Giornalista pubblicista, è stato per dieci anni corrispondente da Modena del Giornale diretto da Indro Montanelli, per vent'anni corrispondente da Carpi del Resto del Carlino, per ..   Continua >>


 

Articoli Correlati
Anche se ci fosse ok Governo, in Emilia bar e ristoranti non apriranno
Societa'
17 Aprile 2020 - 11:41- Visite:30938
Lunedì riapre l'Emilia Romagna: ecco le linee guida
Economia
13 Maggio 2020 - 18:44- Visite:17108
Nuova ordinanza Bonaccini: ecco cosa riapre domani in Emilia Romagna
Politica
17 Maggio 2020 - 18:03- Visite:5028
'Modena, domani riapriamo nostra palestra: questo è diritto al ..
Societa'
14 Gennaio 2021 - 14:06- Visite:4180
In Emilia-Romagna 30 pagine di regole per riaprire un bar
Economia
17 Maggio 2020 - 10:28- Visite:4070
La serata del senatore e la pizzata dell'avvocato: #ioapro a Modena ..
Societa'
16 Gennaio 2021 - 08:44- Visite:3976
Parola d'Autore - Articoli Recenti
Consulta Ambiente: 'Carpi, cemento e ..
L'ingegner Frascarolo è il presidente della Consulta per l'ambiente del Comune di Carpi: ..
02 Marzo 2021 - 07:27- Visite:841
Nel Pd tutti contro tutti: ..
In questo quadro desolante di tutti contro tutti e di lotte correntizie gli aderenti al Pd ..
28 Febbraio 2021 - 06:45- Visite:992
E la gente rimase in casa... la ..
Non è vero che tutto sarà come prima, non è vero che è andato tutto bene perché invece ..
26 Febbraio 2021 - 22:37- Visite:428
Modena, parco dei Torrazzi: ..
Ci sono filari doppi e tripli di querce: circa 400. Proprio in questi giorni, esse sono ..
26 Febbraio 2021 - 13:58- Visite:4215

Contattaci

Parola d'Autore - Articoli più letti


'Altro che Tachipirina, ecco come ..
L'ex primario del Pronto soccorso di Modena: 'Antinfiammatori ai primi sintomi e poi, se il ..
31 Gennaio 2021 - 14:37- Visite:114551
'Festa Unità: è il vuoto totale, a ..
Il Psi: 'Da Muzzarelli lettera piena di dignità e di passione ma anche di un inascoltato ..
31 Agosto 2018 - 11:38- Visite:46028
E dopo il Modena calcio toccherà al ..
In difesa di Stoytchev. Ngapeth non è un bell’esempio per i giovani della pallavolo che ..
18 Aprile 2018 - 14:41- Visite:26687
Crisi Coop Alleanza 3.0, ex leader ..
Vezzelli: 'Ricordiamo che Alleanza 3.0 ha la proprietà della più grande rete televisiva ..
13 Gennaio 2019 - 18:31- Visite:23812