Suicidi e autolesionismo, aumento del 27% tra i ragazzi dopo il Covid
Villa  La Personala
Udicon
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
VLP Events
articoliSocieta'

Suicidi e autolesionismo, aumento del 27% tra i ragazzi dopo il Covid

La Pressa
Logo LaPressa.it

Gli esperti della Società italiana di neuropsichiatria: 'Si tratta di un problema drammaticamente rilevante'


Suicidi e autolesionismo, aumento del 27% tra i ragazzi dopo il Covid
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Tagli, ferite, bruciature di sigarette sul corpo. Segni di autolesionismo sempre più frequenti fra gli adolescenti italiani, dai 13 anni 17 anni ma anche più piccoli, insieme a veri e propri comportamenti suicidari: pensare di togliersi la vita o provare a farlo. Lanciano l'allarme gli esperti della Sinpia, la Società italiana di neuropsichiatria dell'infanzia e dell'adolescenza: 'Rispetto al periodo pre-Covid sono circa il 27% in più i ragazzi e le ragazze che 'si tagliano', presentano pensieri inerenti il suicidio o mettono in atto tentativi di suicidio. Si tratta di un problema drammaticamente rilevante', avvertono gli specialisti in vista della Giornata mondiale per la prevenzione del suicidio che si celebra il 10 settembre. Nonostante l'Italia sia uno dei Paesi con un tasso più basso al mondo, il suicidio - ricorda la Sinpia - secondo l'Istituto superiore della sanità è la seconda causa di morte nel nostro Paese nei giovani tra 15 e 24 anni, preceduta solo dagli incidenti stradali.



L'autolesionismo riguarda in Europa circa un adolescente su 51 e, in generale, l'ideazione suicidaria o il tentato suicidio sono oggi tra le cause più frequenti di accesso in urgenza ai sevizi Npia, di Neuropsichiatria infanzia e adolescenza. 'Comprendere le cause di questo fenomeno risulta complesso', afferma Elisa Fazzi, presidente Sinpia e direttore Unità operativa Npia Asst Spedali Civili e università di Brescia. 'I comportamenti autolesivi nel loro insieme - spiega infatti l'esperta - vedono concorrere nella loro manifestazione aspetti legati alla predisposizione individuale cui si associano importanti componenti legate al contesto e all'ambiente familiare e sociale, con una forte comorbidità con i disturbi dell'umore, in particolare la depressione, e i disturbi d'ansia che sono tra le patologie psichiatriche maggiormente correlate ad atti autolesivi, ideazioni e atti suicidari'.

Tuttavia - precisa la Sinpia - come indicato anche dall'Organizzazione mondiale della sanità promotrice del World Suicide Prevention Day di domenica, la malattia psichiatrica non è l'unico fattore di rischio e la pandemia di Covid-19 ha acuito e accelerato un trend che era già in aumento negli anni precedenti, venendo meno alcuni dei fattori protettivi come il supporto della comunità e le relazioni sociali tra pari. Inoltre, recenti studi evidenziano nuovi scenari epidemiologici quali l'emergenza di una correlazione tra suicidalità e bullismo/cyberbullismo, in particolare per le categorie maggiormente a rischio di discriminazione.

In Italia - riporta la Sinpia - i disturbi neuropsichici dell'età evolutiva colpiscono quasi 2 milioni di bambini e ragazzi, tra il 10% e il 20% della popolazione infantile e adolescenziale nella fascia d'età 0-17 anni, con manifestazioni molto diverse per tipologia, decorso e prognosi. La loro incidenza è in ascesa: in meno di 10 anni è raddoppiato il numero di bimbi e adolescenti seguiti nei servizi Npia. La prevenzione del suicidio è stata individuata come obiettivo prioritario dai maggiori organismi internazionali, tra cui l'Oms. 'E' infatti possibile e necessario fare prevenzione del suicidio - sottolinea Rosamaria Siracusano, responsabile sezione Psichiatria della Sinpia e dirigente medico dell'Uo di Neuropsichiatria Infantile dell'Azienda ospedaliera Federico II di Napoli - e questa si deve realizzare attraverso più metodi con solide basi scientifiche, a più livelli. Certamente a livello del singolo individuo e della sua famiglia, ma ancor più della comunità, della società e, a livello più ampio, delle nazioni. E' indispensabile pertanto mettere in atto politiche di prevenzione a livello nazionale con un approccio che tenga conto dei potenziali fattori di rischio a livello sociale, economico e relazionale. In Italia una politica di tale tipo non esiste, tuttavia sono diversi i progetti che sul territorio nazionale stanno nascendo come quelli promossi dalla Neuropsichiatria infantile dell'università di Torino: uno rivolto a una collaborazione e formazione dei giornalisti per una informazione responsabile sulle notizie di suicidio, un altro finalizzato a una formazione per gli insegnanti perché possano riconoscere segnali di allarme precoce nei loro studenti'.

Foto archivio

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Udicon
Articoli Correlati
Eppure è successo
Le Vignette di Paride
14 Maggio 2024 - 10:21
Modena, il film 'La morte negata' alla sala Ulivi
Societa'
08 Marzo 2024 - 14:45

Whatsapp
Societa' - Articoli Recenti
Letti di ultima generazione in Oncoematologia Pediatrica
Grazie ad Aseop, una gara di solidarietà in tutta la provincia
10 Luglio 2024 - 18:11
Così ho salvato un uomo in arresto cardiaco, ma possono farlo tutti
L'intervento di Milena Bassoli, infermiera, è stato fondamentale per un uomo colto da ..
10 Luglio 2024 - 08:04
Mascherine: ora il caos è totale
La giungla di limiti, divieti e raccomandazioni, spesso non applicata, che imperversava ..
09 Luglio 2024 - 19:15
Spaccio e porto d'armi: due arresti, nove denunce e 10 provvedimenti di espulsione
Sono soprattutto stranieri, anche clandestini, i soggetti bloccati dalla Polizia di Stato in..
09 Luglio 2024 - 18:35
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto Astrazeneca, Pfizer, J&J e Moderna
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green pass legge inaccettabile'
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda dose. E ora sono anche positiva'
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24