Telecamere per controllo raccolta rifiuti, garante privacy multa Comune siciliano
Villa  La Personala
Udicon
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
VLP Events
articoliSocieta'

Telecamere per controllo raccolta rifiuti, garante privacy multa Comune siciliano

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il Comune aveva apposto un cartello direttamente sul cassonetto, non facilmente visibile e per di più privo delle informazioni necessarie


Telecamere per controllo raccolta rifiuti, garante privacy multa Comune siciliano
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Una multa di 45 mila euro è stata comminata dal Garante Privacy a un Comune siciliano per aver installato alcune telecamere per il controllo della raccolta differenziata dei rifiuti in violazione della disciplina che tutela i dati personali.
Per contrastare il fenomeno diffuso dell'abbandono dei rifiuti, il Comune aveva incaricato due ditte, sanzionate anch'esse dal Garante, dell'acquisto, installazione e manutenzione di telecamere fisse, e della raccolta e analisi dei filmati relativi alle violazioni.

L'intervento dell'Autorità segue le segnalazioni di un cittadino che lamentava la ricezione di alcune multe per aver conferito i rifiuti indifferenziati in modo errato. Gli accertamenti della violazione sarebbero avvenuti più di un mese dopo la registrazione dei filmati, effettuata senza che i cittadini fossero stati adeguatamente informati della presenza delle telecamere e del trattamento dei dati.
Il Comune aveva apposto un cartello direttamente sul cassonetto, non facilmente visibile e per di più privo delle informazioni necessarie.

 Il Municipio inoltre non aveva individuato i tempi di conservazione dei dati e non aveva nominato, prima dell'inizio del trattamento, le due aziende sopracitate quali responsabili del trattamento dati, come previsto dalla normativa privacy.

Anche le società dunque operavano in modo illecito, ragion per cui entrambe sono state sanzionate anch'esse dal Garante, l'una per 10.000 euro, per non essere mai stata nominata responsabile del trattamento, e l'altra per 5.000 euro, per essere stata nominata responsabile in ritardo. Il trattamento di dati personali mediante sistemi di videosorveglianza da parte di soggetti pubblici è generalmente ammesso se è necessario per adempiere un obbligo legale e la gestione dei rifiuti rientra tra le attività istituzionali affidate agli enti locali.
Anche in presenza di una condizione di liceità il titolare del trattamento, ha ribadito il Garante, è in ogni caso tenuto a rispettare i principi in materia di protezione dei dati, fra i quali quelli di liceità, correttezza e trasparenza.

In particolare, è necessario adottare misure appropriate per fornire all'interessato tutte le informazioni previste dal GDPR in forma concisa, trasparente, intelligibile e facilmente accessibile. Ai fini dell'applicazione delle sanzioni il Garante ha tenuto conto del fatto che il trattamento ha riguardato potenzialmente i dati dei residenti del Comune (circa 53.000 interessati) e dei soggetti non residenti (il cui numero non è quantificabile). Di contro, l'Autorità ha considerato il comportamento non doloso del Municipio e delle aziende, nonché l'assenza di precedenti violazioni a loro carico. 

Nella foto un fotogramma di un conferimento non corretto diffuso nei mesi scorsi dal Comune di Modena. Anche a Modena infatti vengono sanzionati i cittadini che non differenziano correttamente, usando le telecamere. Il Comune siciliano, come detto, è stato multato poichè i cittadini non erano stati adeguatamente informati della presenza delle telecamere e del trattamento dei dati

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Udicon

Whatsapp
Societa' - Articoli Recenti
Mascherine: ora il caos è totale
La giungla di limiti, divieti e raccomandazioni, spesso non applicata, che imperversava ..
09 Luglio 2024 - 19:15
Spaccio e porto d'armi: due arresti, nove denunce e 10 provvedimenti di espulsione
Sono soprattutto stranieri, anche clandestini, i soggetti bloccati dalla Polizia di Stato in..
09 Luglio 2024 - 18:35
Nidi, sistema educativo integrato: eredità pesante per la Venturelli
Tutti lavorano sotto la regia del Comune, ma sullo sfondo c'è il blocco delle assunzioni e ..
09 Luglio 2024 - 18:28
Effetto Cau, luci ed ombre sui dati (parziali) della Regione
Per valutare l'effetto sui PS dopo l'apertura dei Cau, la Regione utilizza un raffronto ..
09 Luglio 2024 - 16:20
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto Astrazeneca, Pfizer, J&J e Moderna
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green pass legge inaccettabile'
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda dose. E ora sono anche positiva'
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24