La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
articoliSocieta'

Via a verde e alberi sani, spazio agli orti in tangenziale

La Pressa
Logo LaPressa.it

Un altra grossa pianta sradicata in mattina nel cantiere per la realizzazione dei nuovi orti in viale del Mercato. Dubbi su coltivazioni circondate dal traffico


Via a verde e alberi sani, spazio agli orti in tangenziale
Un altro rigoglioso albero, già alto diversi metri, che costeggiava la pista ciclopedonale che collega l'estremità nord di viale del Mercato e viale Gramsci, è stato strappato dalla terra da una ruspa. Questa mattina. Uno spettacolo triste per le persone che con bambini passeggiavano in zona e che ci hanno segnalato il caso. L'ultima di diverse grosse piante che fino a qualche mese fa rendevano quel fazzoletto di terra verde ancora incolto, che confina con il parchetto giochi di viale Gramsci, un angolo di natura piacevole da vivere e, la cosa non guasta, anche da vedere. Se non fosse per l'essere circondato per la metà dalla tangenziale. Perché con il cantiere per la realizzazione di un sito destinato ad orti per anziani voluto lì dal Comune, di quel verde e di quegli alberi è rimasto solo il ricordo. Un brutto ricordo visto che l'ultima immagine che molti avranno è quella che pubblichiamo di quel bell'albero strappato dalla sua terra a furia di colpi di benna per spezzarne le grosse radici. E per fare spazio, nel caso di quella segnalata stamattina, non si sa bene a che cosa. Se altre piante estirpate e cancellate erano nate e cresciute nell'area ora occupata da marciapiedi in cemento che conducono alle casseforme degli orti, quella sradicata questa mattina costeggiava la ciclopedonale facente parte di quelle che costituivano di fatto una cintura verde all'area. Una cintura verde che tra l'altro sarebbe auspicabile mantenere o realizzare come previsto in molti cantieri urbani in aree inquinate, per fare da barriera all'inquinamento da traffico. Ma che invece di essere mantenuta od eretta ex novo, è stata smantellata.


Ed è così che al posto di alberi e prato, anche se nell'ottica di uno sviluppo sostenibile, ambientale e sociale, legato alla creazione di orti da destinare a privati ed anziani, sta prendendo forma un'area desolata, senza alberi, con tanto cemento e senza ombra, interrotto dalle strutture di orti urbani la cui collocazione genera non pochi dubbi. Perché se da un lato è stata evidentemente colta la raccomandazione, che ormai emerge anche in diversi studi internazionali, di non creare orti urbani utilizzando la terra già presente, anche se incolta, per il rischio che questa, situata in un area fortemente inquinata dal traffico ed altre emissioni sia contaminata dal deposito delle stesse (raccomandazione colta attraverso la creazione di casseforme con terra di riporto), è altrettanto evidente il rischio legato a coltivazioni confinanti su due lati senza barriere, con la tangenziale, a 20 metri da un deposito di logistica dal quale vanno e vengono centinaia di veicoli commerciali al giorno e, ciliegina sulla torta, a nemmeno un chilometro in linea d'aria dall'inceneritore, attorno al quale il deposito di polveri ed inquinanti è da anni confermato. Ed avere a disposizione un orto in una delle aree urbane più soggetta ad emissioni inquinanti non sappiamo quanto possa essere positivo ed il piacere di avere uno spazio verde da coltivare tutto per sé. L'auspicio è che in onore del principio di precauzione che dovrebbe trionfare quando si parla di salute pubblica, siano svolte, nell'area, tutte le verifiche prelimnari per stabilire la concentrazione di inquinanti nell'area e l'impatto che sulle coltivazioni all'aperto di verdure ed ortaggi queste possano avere.

Gi.Ga.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
Anita si sta sfaldando, dopo Pigliacelli dice addio anche Spinelli
Trasporti e dintorni
29 Ottobre 2017 - 23:30- Visite:14052
Bimbo non accettato al corso di pallavolo perchè troppo vivace
Lettere al Direttore
28 Ottobre 2017 - 00:40- Visite:12413
Fallimenti pilotati, cinque arresti da parte della Finanza
La Nera
26 Ottobre 2017 - 17:38- Visite:12133
'Anita non lavora per le ditte italiane': Pigliacelli sbatte la porta
Trasporti e dintorni
27 Ottobre 2017 - 00:52- Visite:12024
Viale Gramsci, le piante e la riqualificazione mancata
Lettere al Direttore
27 Ottobre 2017 - 13:35- Visite:11983
Motorizzazione Modena, è di almeno 3 mesi il tempo d’attesa per le ..
Economia
01 Maggio 2017 - 10:26- Visite:11752
Societa' - Articoli Recenti
Lunedì riaprono negozi, bar e ..
In questi giorni termineranno i lavori dei tavoli tecnici chiamati a definire i protocolli..
12 Maggio 2020 - 12:43- Visite:506
Martedì, la giornata ..
L'emergenza coronavirus ha rappresentato per loro un impegno straordinario. Un momento per ..
11 Maggio 2020 - 22:29- Visite:577
Bar, ristoranti e parrucchieri aperti..
Via libera del governo, ma saranno le Regioni a scegliere in autonomia. Giovedì linee guida..
11 Maggio 2020 - 20:49- Visite:2710


Societa' - Articoli più letti


Morti nelle Rsa per Covid, in Emilia ..
Lo riporta l'Istituto superiore di sanità nell'ultimo report del 14 aprile sul contagio da ..
19 Aprile 2020 - 18:05- Visite:97948
Modena in zona rossa: cosa prevede la..
Spostamenti bloccati, permessi solo per emergenza. Chiuse palestre, piscine e centri ..
07 Marzo 2020 - 21:45- Visite:64942
La pandemia globale di Coronavirus? ..
E' tutto ancora on line. Il John Hopkins Center for Health Security con il World Economic ..
03 Marzo 2020 - 09:43- Visite:58314
Coronavirus, scuole tutte chiuse in ..
Il contagio in queste tre Regioni ha un'evoluzione veloce e l'Organizzazione mondiale della ..
29 Febbraio 2020 - 08:00- Visite:46703