Acof onoranze funebri
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Punti Incrociati
articoliSocieta'

Volontari modenesi al confine della Turchia, tra gli sfollati siriani

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il racconto da Kilis di Andrea Galli, partito con la missione Time4Life: 'Una marea di bambini che sorride e ringrazia per ciò che consegniamo loro'


Volontari modenesi al confine della Turchia, tra gli sfollati siriani

C'è una fetta di Modena in questi giorni tra le decine di migliaia di sfollati al confine tra la Turchia e la Siria. Insieme alla Fondazione Time4Life, presieduta da Elisa Fangareggi, otto volontari italiani, tra cui il modenese Andrea Galli, sono proprio in queste ore nella città turca di Kilis per portare ai siriani fuggiti dalle loro case alimenti, vestiario pesante, stufe e sacchi a pelo.



Kilis è a 8 chilometri dal confine siriano, ad appena 35 chilometri dai sobborghi di Aleppo e a poco più di 100 chilometri dalla città di Idlib, la roccaforte Isis dove due settimane fa è stato ucciso Al Baghdadi. A Kilis arrivano i profughi in fuga dalla guerra interna che dal 2011 dilania la Siria. Questa città turca di 90mila abitanti ha triplicato la propria popolazione in pochi anni, accogliendo profughi in ogni spazio garage, cantine, tende, edifici abbandonati, in condizioni spesso terribili.
Solo gli sfollati ufficiali sono 130mila, accolti in due grandi campi profughi.
Tra i volontari italiani partiti ieri e impegnati per 5 giorni nella consegna del materiale c'è, come detto, anche il consigliere regionale Andrea Galli che ci ha inviato qualche foto dal posto.



Qual è il vostro compito in questa settimana di volontariato?
'Siamo qui per consegnare alle famiglie di sfollati il materiale portato dall'Italia in vista dell'inverno alle porte e i viveri acquistati sul posto coi fondi raccolti sempre in Italia. Al momento a Kilis si vive una fragile tregua dopo l'offensiva voluta da Erdogan: ogni cosa in questa città rende vivo il dramma di questa popolazione. Sui muri delle abitazioni sono visibili i segni dei colpi di mortaio e dei missili lanciati dall'Isis'.

Come venite accolti dalla popolazione? Avete un interprete?
'Sì, è una zona di confine, molti parlano sia arabo che turco, abbiamo un interprete che conosce entrambe le lingue. Le condizioni in cui si trovano le famiglie di sfollati siriani sono terribili. Genitori con cinque, sei anche nove figli, che vivono da anni in garage senz'acqua con a dispozione nulla. Una marea di bambini che sorride al nostro arrivo e ringrazia per ciò che consegniamo loro: molti sono fuggiti semplicemente con i vestiti che avevano in quel momento. E' una accoglienza straziante che lascia un segno indelebile'.

La sua delegazione è composta da 8 italiani, alcuni degli sfollati che visitate vi chiedono aiuto per raggiungere il nostro Paese?
'No, il loro unico desiderio è ritornare in patria, in Siria. Alcuni hanno lasciato la casa da oltre 5 anni. Hanno un abbigliamento dignitoso, nessuno ha il telefono cellulare nè tantomento gioielli. Una differenza abissale rispetto a coloro che sbarcano sulle nostre coste e che, una volta giunti nel nostro Paese, si abbandonano alla delinquenza. Questi profughi vorrebbero solo tornare a casa'.



Perchè ha voluto far parte di questa delegazione?
'Conoscevo la Fondazione Time4Life, organizzano missioni in diverse parti del mondo e una volta al mese sono qui a Kilis. Per me è una occasione per aiutare, anche se per pochi giorni, chi aiuta, chi si mette a disposizione della popolazione siriana. Spesso parliamo dei profughi sbarcati in Italia e volevo vedere in prima persona quale è la condizione degli sfollati. Queste persone vivono la dignità di chi vuole fare ritorno nella propria terra e sostenerle è un dovere'.



Giuseppe Leonelli



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

Societa' - Articoli Recenti
Covid, 2485 contagi e un decesso in ..
I pazienti ricoverati nei reparti Covid, sono 690 (+18 rispetto a ieri), età media 75,3 ..
19 Giugno 2022 - 15:17
Vaiolo delle scimmie, il tiktoker ..
'I metodi di contagio sono molteplici, attenzione ai rapporti intimi perchè anche se ..
19 Giugno 2022 - 12:53
Immigrazione: venti anni di leggi ..
La relazione del segretario provinciale Siulp Roberto Buttelli demolisce, ed evidenzia i ..
19 Giugno 2022 - 10:18
Giovani nei guai per spaccio: un ..
Controlli di strada dei Carabinieri. I ragazzi fermati al parco Novi Sad e al Parco della ..
18 Giugno 2022 - 19:33
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto ..
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
'Altro che Tachipirina, ecco come ..
L'ex primario del Pronto soccorso di Modena: 'Antinfiammatori ai primi sintomi e poi, se il ..
31 Gennaio 2021 - 14:37
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 ..
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green ..
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39