La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
notiziarioLa Provincia

Castelfranco, isola ecologica chiusa: rifiuti passano dalla rete rotta

La Pressa
Logo LaPressa.it

La denuncia dei consiglieri comunali di Castelfranco Silvia Santunione e Andrea Temellini


Castelfranco, isola ecologica chiusa: rifiuti passano dalla rete rotta

'Ci risiamo. A Castelfranco Emilia ancora un’altra chiusura “a data da destinarsi”, ancora un altro depotenziamento di servizi a discapito dei cittadini. Dopo la chiusura nei fine settimana del Punto di primo intervento del nostro “ospedale” ora è la volta dell’isola ecologica di via Canale. La nostra Lista Civica ha presentato - già alcuni mesi fa - una mozione in merito a questa struttura che pur svolgendo una importante funzione, è sempre stata trascurata in fatto di accessi lasciando che persone non autorizzate potessero entrare nell’area (anche quando questa risultava formalmente chiusa) attraverso un varco nella recinzione utilizzato anche per portare all’esterno dell’area rifiuti che per qualche motivo vengono ritenuti interessanti e dunque per trafugare materiali vari che, disassemblati nei pressi della struttura, hanno generato nel tempo una sorta di seconda discarica non autorizzata (con tutti i problemi connessi)'. A parlare sono i consiglieri comunali di Castelfranco Silvia Santunione e Andrea Temellini della Lista Civica Frazioni e Castelfranco.

'Anche su sollecitazione di cittadini ed associazioni abbiamo quindi chiesto a sindaco e Giunta di intervenire anche presso gli enti deputati (l’area dell’isola ecologica è di proprietà del comune mentre la gestione è di Hera) sia per ripristinare la situazione eliminando il degrado generatosi nel tempo sia per il potenziamento e il miglioramento della stessa nella sua attuale funzione di centro di raccolta differenziata di rifiuti, apprezzata e utilizzata da tanti cittadini. Mentre stiamo aspettando di discutere la mozione in Consiglio Comunale, abbiamo però una risposta nei fatti data da Hera e della quale - ancora una volta - tutti noi (consiglieri e cittadini) ne veniamo a conoscenza con un semplice cartello all’ingresso che informa tutti gli utilizzatori che la struttura è “temporaneamente” chiusa fino a data da destinarsi e che ci si deve rivolgere alla struttura della Graziosa (in Comune di San Cesario Sul Panaro). Dall’introduzione della tariffa puntuale sui rifiuti a Castelfranco Emilia (anno 2018) è sotto gli occhi di tutti il progressivo e importante aumento di abbandoni di rifiuti a fronte di una mancata riduzione effettiva delle tariffe. L’abbiamo già denunciato chiedendo provvedimenti e, come noi, lo denunciano in modo costante tanti cittadini sensibili all’ambiente. L’isola ecologica in questione non è la soluzione, ma certo costituisce un presidio importante nel sistema della raccolta differenziata dei rifiuti e per cercare di contrastare gli abbandoni di rifiuti. Siamo certi, purtroppo, che questa iniziativa di chiusura “a data da destinarsi” non farà altro che accentuare questo degrado. Siamo seriamente preoccupati per quella “data da destinarsi” che, nella migliore delle ipotesi, lascia intravedere tempi lunghi di riapertura se non addirittura la chiusura definitiva. Non abbiamo spiegazioni e non conosciamo le logiche che stanno all’origine di questa chiusura ma è innegabile che avrà importanti impatti sui servizi comunali fruibili dai cittadini di Castelfranco. Questa chiusura elimina infatti l’unica struttura di questo tipo (isola ecologica) sul territorio del nostro comune. Proprio per questo sarebbe stato doveroso almeno una diffusa informazione da parte dell’Amministrazione comunale, informazione che anche in questo caso è mancata'.

'Ma c’è altro! Mentre l’accesso ufficiale all’isola ecologica è stato chiuso a “data da destinarsi” è dunque ne è impedito l’accesso all’utenza che in modo legittimo e corretto vorrebbe conferire rifiuti (utenza oggi obbligata a recarsi nell’isola ecologica della Graziosa - nel comune di San Cesario sul Panaro - con i conseguenti disagi), è invece sempre aperto e costantemente utilizzato da parte di persone non autorizzate l’accesso abusivo tramite il varco nella recinzione che è sempre aperto (come da foto che alleghiamo scattate ieri 21/5/2020). Continua il trafugamento di rifiuti e l’abbandono all’esterno di rifiuti “non interessanti” che alimentano una discarica non autorizzata.  Accesso chiuso per i cittadini onesti e accesso abusivo per non autorizzati sempre aperto! Non può funzionare così e occorrono degli interventi immediati da parte di tutti gli enti competenti per far cessare l’utilizzo abusivo dell’isola ecologica e per ripristinarne (attraverso la immediata riapertura) la legittima e utile funzione di centro di raccolta differenziata di rifiuti'.


Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
La mappa dei contagi nel modenese: a Prignano muore donna di 50 anni
Societa'
28 Marzo 2020 - 18:20- Visite:36502
Case riposo provincia di Modena: i dati che certificano una apocalisse
Societa'
21 Aprile 2020 - 09:04- Visite:25220
La mappa de nuovi contagi: 17 casi a Carpi, 15 a Modena, 7 a Fiorano
La Provincia
19 Marzo 2020 - 18:09- Visite:17371
Coronavirus, la mappa dei contagi: 21 casi a Modena e 9 a Maranello
La Provincia
16 Marzo 2020 - 18:11- Visite:15979
Castelfranco, blitz dei Carabinieri in abitazione: quattro ..
La Nera
16 Settembre 2017 - 12:27- Visite:15801
Coronavirus, la mappa dei nuovi casi: 12 a Modena, 11 a Carpi
Societa'
15 Marzo 2020 - 17:37- Visite:12939
La Provincia - Articoli Recenti
Fiumalbo chiusa per disinnesco ..
Operazioni dalle ore 8,30 alle ore 17. L'ordigno da 226 kg inesploso della seconda guerra ..
14 Settembre 2020 - 00:54- Visite:40
Covid, contagi a Bastiglia, Carpi, ..
Nuovi casi anche a Fiorano, Mirandola e Nonantola. Due contagi a Modena città
13 Settembre 2020 - 16:31- Visite:2335
Carpi, spacciavano Mefedrone: due ..
Un carpigiano di 46anni e un mantovano di 35 avevano allestito in un appartamento a Carpi ..
13 Settembre 2020 - 11:05- Visite:292
Emiliana Rottami, scintille in ..
Zanoli: 'Zuffi non ha dato seguito per ben sette mesi ad un parere urgente e vincolante di ..
12 Settembre 2020 - 18:55- Visite:646


La Provincia - Articoli più letti


Nonantola, sfrattata e con una gamba ..
La drammatica vicenda di Simona. Il sindaco di Nonantola, sollecitato anche da dirigente ..
18 Ottobre 2018 - 10:43- Visite:156076
Vignola, il coronavirus ha ucciso ..
Vignola piange anche Nerino Vezzelli, storico titolare del Bar Italia di via Garibaldi a ..
23 Marzo 2020 - 21:48- Visite:38367
Rintracciata la mamma scomparsa col ..
Ora i carabinieri procederanno come previsto dalla legge per sottrazione di minore, sempre ..
29 Settembre 2019 - 10:57- Visite:34194
Orrore di Bibbiano, onlus coinvolta ..
Trincia: 'Arrestato Claudio Foti, responsabile del Centro Hansel e Gretel, lo stesso da cui ..
27 Giugno 2019 - 15:22- Visite:32803