Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
Società Dolce: fare insieme
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
notiziarioLettere al Direttore

Piano riorganizzazione ospedali: 'I nodi vengono al pettine'

La Pressa
Logo LaPressa.it

L'intervento del Consigliere provinciale e Capogruppo FI Area Nord Platis: 'Il doppione Baggiovara-Policlinico ha portato all'impoverimento degli ospedali della provincia'


Piano riorganizzazione ospedali: 'I nodi vengono al pettine'

'Dietro alla propagandata opera di riorganizzazione degli ospedali modenesi prevista dal Piano Provinciale approvato, si nasconde in realtà una continua opera di riduzione dei servizi territoriali.
Così come dietro il paravento della razionalizzazione, si nasconde il grande spreco perpetrato da anni che ha avuto nel doppione ospedale di Baggiovara e Policlinico il suo simbolo più evidente.
Il Piano presentato ed approvato a livello provinciale è la cartina al tornasole di tutto ciò che in questi anni è stato sbagliato ed è stato sprecato. Da anni denunciamo lo spreco generato dalla duplicazione di due realtà così grandi e così vicine una all'altra, una duplicazione che ha generato anni e anni di spreco confermato oggi dal fatto che lo stesso direttore del Policlinico che dal 1 gennaio ha assunto le direzione unica delle due realtà, ha parlato proprio ieri dell'importanza di evitare in futuro la duplicazione.



Come dire che nel passato questa duplicazione c'è stata, eccome.
Per questo, oggi, prima di parlare di spese ed investimenti sulle nuova strutture e sulla nuova organizzazione bisognerebbe essere trasparenti con i cittadini e dire quanto la mancata razionalizzazione è costata in più alla collettività. Questa duplicazione e la mancata integrazione tra i due mega-ospedali ha drenato risorse e portato alla graduale riduzione delle rete sanitaria provinciale.
E' successo a Finale Emilia, è successo a Castelfranco e adesso si sta combattendo perché non succeda in altri ospedali definiti minori solo sulle carte della politica del PD. Stiamo parlando di realtà centrali, come quelle di Mirandola e Pavullo, al servizio di territori vasti e con condizioni di viabilità difficili. Questo tema va affrontato con attenzione e serietà. Abbiamo già visto la nostra Regione, calcolatrice alla mano, chiudere di punto in bianco il reparto di ostetricia nell’Appennino bolognese, a Porretta, senza costruire un percorso per tutte quelle donne.

Non possono ripetersi gli stessi errori, ma vanno creati i giusti percorsi.
La realizzazione di Baggiovara ha inoltre sbilanciato verso sud il baricentro della sanità, sguarnendo e impoverendo tutto il versante nord. A ciò si aggiunge che Mirandola, con la scusa del terremoto, si è vista scippata di circa 70 posti letto e Carpi, entro pochi anni, dovrà fare i conti con la necessità di cospicui investimenti per riammodernare la struttura sempre più obsoleta.
Questo processo di smantellamento dei presidi della provincia, già iniziato con la scomparsa dei servizi medici legali e ambulatoriali in appennino, la chiusura di importanti Pronto Soccorso della provincia come quello di Castelfranco, la trasformazione in Casa della Salute dello scomparso ospedale di Finale Emilia, il crollo in ‘periferia’ del rapporto posti letto\abitanti, trova oggi nel nuovo Piano approvato la sua conferma.
È veramente un passo in avanti ed un segno di civiltà?
Al centro, temiamo, non ci siano i bisogni dei cittadini, ma l’esigenza di fare cassa e fermare l’emorragia di risorse che il doppione Policlino-Baggiovara ha portato in tutti questi anni'


Antonio Platis
Consigliere Provinciale
Capogruppo FI Area Nord



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 

Società Dolce: fare insieme

Lettere al Direttore - Articoli Recenti
Modena, la teorica mobilità ..
Inviterei gli assessori, i geometri, gli ingegneri, i tecnici comunali che si occupano di ..
24 Novembre 2022 - 21:47
'Campagna vaccinale, così la scienza..
Giovanardi: 'Nessuna riposta dalle istituzioni sanitarie modenesi sulla richiesta di ..
22 Novembre 2022 - 22:31
Green pass, io non so se potrò mai ..
Non credo ci sia nulla che possa risarcire tutto quello che hanno subito le persone che non ..
02 Novembre 2022 - 17:01
Vaccini, ecco perchè condivido in ..
Nella mia vita ho visto diverse epidemie, allora non si usava il termine pandemia perché ..
27 Ottobre 2022 - 22:03
Lettere al Direttore - Articoli più letti
Io, vittima del green pass: qualcuno ..
Resistere per poter raccontare alle future generazioni che anche nelle avversità, se pure ..
16 Febbraio 2022 - 21:48
Follia green pass, a 760mila ragazzi ..
Vietato ad esempio andare a mangiare una pizza con gli amici, andare al cinema, andare al ..
25 Gennaio 2022 - 14:45
Sono a rischio trombosi: nessuna ..
L'Aulss di competenza mi ha comunicato che il medico di base mi ha cancellato dalla lista ..
14 Febbraio 2022 - 14:46
Ex primario Ps Modena: 'Covid, ecco ..
Daniele Giovanardi entra nel dettaglio dei farmaci da adottare. Clorochina (Plaquenil) al ..
06 Novembre 2020 - 20:51