La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
articoliEconomia

Fase 2, Lapam: Governo bocciato, non conosce il tessuto economico'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Lapidario il segretario provinciale dell'associazione Rossi: 'Siamo alla presa in giro, per molti è una sentenza capitale'


Fase 2, Lapam: Governo bocciato, non conosce il tessuto economico'

La Fase 2, come prospettata dal premier Conte, per quanto ci riguarda è bocciata. Aspettiamo una revisione profonda delle misure prospettate. Qui siamo in Emilia, nel cuore del sistema manifatturiero non solo italiano ma europeo, e a Roma dimostrano di non avere idea di come salvare il tessuto economico del nostro territorio. L’unica speranza è che in Regione capiscano che, con queste misure, si ammazzano le imprese sane e si fanno proliferare abusivi e usurai”. E’ durissimo il commento del segretario generale Lapam Confartigianato Carlo Alberto Rossi.

“Non si capisce perché le imprese, manifatturiere, artigiane o commerciali, che hanno la possibilità di garantire la sicurezza e il distanziamento previsto dai protocolli non possano riaprire tutte. Dire ad alcune attività che devono rimanere chiuse ancora per settimane, quando non per oltre un mese (come bar, ristoranti e comparto benessere), senza per altro spiegare come potranno ripartire, non è più solo una presa in giro agli imprenditori di questi comparti, ma diventa una vera e propria sentenza capitale. Forse non si capisce che a giugno tanti non riapriranno, non a causa delle decisioni del Governo, ma perché avranno chiuso per sempre. Questi interventi, queste misure, vanno contro i protocolli che sono stati minuziosamente studiati e messi a punto nelle settimane scorse e continuano a far percepire l’idea che gli imprenditori sono degli irresponsabili che vogliono mettere a repentaglio la salute di collaboratori, clienti e fornitori. Questo modo paternalistico di trattare gli imprenditori è inaccettabile”.

Rossi conclude il ragionamento sulla stessa lunghezza d’onda e fa alcune domande: “Sì ai grandi centri commerciali e no ai piccoli negozi: perché? Sì all’edilizia pubblica e no a quella privata: perché? Sì all’asporto e no alla possibilità di prendere un caffè a due metri di distanza l’uno dall’altro: perché? E, soprattutto, di fatto si dice sì all’abusivismo (quanti vanno casa per casa per fare i capelli in questo periodo?) e no a riaprire in piena sicurezza parrucchieri e centri estetici: ancora una volta perché? E, infine, sì a rimanere chiusi per decreto e sì a creare masse di disoccupati e di futuri percettori di reddito di cittadinanza… questo è chiaro a chi ci governa?

Poi, come sempre in Italia, ci si rifugia dietro a eventuali correttivi da mettere in corsa, creando ancora più confusione. E’ ora che la politica smetta di nascondersi dietro a tecnicismi e assuma scelte chiare e tempestive. Modena, l’Emilia, il Paese non possono più attendere”.

 

Acconciatori: Decreto incomprensibile ed inaccettabile


Incomprensibile e inaccettabile”. Così il presidente Lapam Confartigianato Benessere, Giancarlo Santunione, definisce la decisione del Governo di rinviare al primo giugno la riapertura di acconciatori e centri estetici.
“Con senso di responsabilità – sostiene Santunione – abbiamo elaborato e presentato proposte dettagliate su come tornare a svolgere queste attività osservando scrupolosamente le indicazioni delle autorità sanitarie su distanziamento, dispositivi di protezione individuale pulizia, sanificazione. Proposte che penalizzano fortemente le nostre possibilità di ricavo, ma che abbiamo formulato perché siamo consapevoli al momento della loro necessità. Non abbiamo ricevuto alcuna risposta. E ora non accettiamo che le attenzioni del Governo siano rivolte ad altri settori e si limitino ad una incomprensibile dilazione per le nostre attività, mentre assistiamo al proliferare di una illegalità diffusa a scapito di chi rispetta le norme (fiscali, igieniche e di sicurezza): ricordiamo che non è consentita attività a domicilio di parrucchieri ed estetisti.
Del resto, al primo giugno cosa potremo fare di più rispetto ad oggi in termini di sicurezza? Si può far stare fermi, con costi continui e ricavi azzerati per gli interi mesi di marzo, aprile, maggio? No, non ci stiamo. Finora siamo stati alle regole, ma la prospettiva di un altro mese e più di fermo obbligato non l’accettiamo. In questo modo – conclude amaramente il presidente di Lapam Benessere – le uniche attività che resteranno aperte saranno quelle abusive”.

Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
Lapam, per il post-Munari Luppi ha la meglio sulla Manicardi
Economia
30 Ottobre 2017 - 19:03- Visite:11399
Lapam, finisce l'era di Munari
Economia
30 Ottobre 2017 - 17:28- Visite:11107
Energia elettrica, le aziende italiane pagano il 29% in più della ..
Economia
21 Agosto 2017 - 14:14- Visite:10581
Coronavirus, Regione detta regole per la riapertura dei parrucchieri
Politica
30 Aprile 2020 - 12:04- Visite:5876
Il dissesto di Cna è il fallimento del sistema associativo
Il Punto
12 Novembre 2017 - 17:09- Visite:3781
Bar, ristoranti e parrucchieri aperti dal 18: c'è l'accordo
Societa'
11 Maggio 2020 - 20:49- Visite:3697
Economia - Articoli Recenti
Tnt-Fedex Modena, l'allarme della ..
'Disorganizzazione e una mala gestione unita ad una non capacità di controllo della filiera..
03 Agosto 2020 - 14:11- Visite:163
Sos Coldiretti Modena: 'Dopo il ..
In particolare nel carpigiano, tra Campogalliano, Soliera e Limidi, e nelle zona tra ..
03 Agosto 2020 - 14:05- Visite:117
Anche Ferrari piegata dal Covid: -42%..
L’utile netto per il periodo è stato pari a 9 milioni, rispetto a 184 milioni nel secondo..
03 Agosto 2020 - 13:51- Visite:148
Unico, la farmacia dei farmacisti: da..
La gestione del debito attraverso il reverse factoring potrà consentire di impiegare le ..
03 Agosto 2020 - 12:35- Visite:159


Economia - Articoli più letti


Coop Alleanza 3.0 aggrappata alla ..
La Coop utilizza l’intero patrimonio dei soci più una parte del debito per investire in ..
15 Agosto 2018 - 10:36- Visite:61227
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi ..
I conti in rosso e il dispetto rappresentato dal via libera ad Esselunga, Trc potrebbe non ..
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:54414
Voragine nei conti Coop Alleanza 3.0:..
'Serve una risposta inequivocabile sulla sicurezza dei 3,6 miliardi dei 400.000 soci ..
01 Maggio 2019 - 08:38- Visite:31359
Bper, correntisti ex dipendenti ..
'Se Bper non manifestasse un reale interesse a mantenere le migliaia di correntisti tra ..
03 Dicembre 2019 - 17:52- Visite:31245