La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
articoliIl Punto

Decreto antivirus demolito in 12 ore: dallo shock all'acqua fresca

La Pressa
Logo LaPressa.it

Nessun limite agli spostamenti, treni regolari in ingresso e uscita, deroga dopo le 18 per i ristoranti con asporto e mercati aperti


Decreto antivirus demolito in 12 ore: dallo shock all'acqua fresca

Doveva essere il decreto estremo, quello dell'impatto deciso all'epidemia, dell'attacco virulento al virus, quello che doveva arrivare dove l'irresponsabilità o la mancata consapevolezza dei rischi di contagio per la collettività dimostrata da molti cittadini negli ultimi giorni, non era arrivata. Quello fatto per arginare l'escalation del contagio, per evitare a tutti i costi l'emergenza ed il collasso delle strutture sanitarie già sotto stress. Ed in effetti, subito, sembrava così. Al punto da porsi, ieri sera, come un provvedimento shock, capace davvero di bloccare tutto. Da oggi e per almeno tre settimane. Trasformando anche metà dell'Emilia-Romagna, provincia di Modena compresa, in una grande 'zona rossa' (quale è ancora quella del lodigiano, anche se la dicitura 'zona rossa' è stata cancellata dal vocabolario del decreto'). Un decreto che doveva limitare fortemente spostamenti, trasporti, vita di comunità. Chiudendoci in una sorta di grande quarantena. Dura ma accettabile, se nell'interesse collettivo messo sotto attacco dal nemico invisibile.

Una sensazione, quella di un decreto duro ma efficace, che però è andata via via sfumando con il trascorrere della mattinata. Nell'immagine dei supermercati aperti ed affollati, nelle cerimonie religiose ortodosse con grandi assembramenti, dentro e fuori la chiesa, nei treni regolari in entrata ed in uscita da Modena, dalla provincia, e dalla stessa regione. Con gli operatori di Trenitalia che allo sportello affermanvano che per loro, non essendo ancora in gazzetta ufficiale, il decreto non esisteva. E, nel pomeriggio, dalle immagini di gelaterie affollate, non solo all'esterno, ma anche all'interno. Come se nulla fosse. 

Mentre a livello istituzionale, Comune, Provincia e Regione provavano a chiarire, interrogando e proponengo al governo, i tanti dubbi di un decreto poco chiaro a tutti, per certi tratti difficile, se non impossibile, da comprendere. Nella sua traduzione pratica. Centinaia i quesiti giunti alle redazioni: 'Trasporto merci, posso spostarmi fuori provincia? Ho una pizzeria da asporto, devo chiudere?' Domande, chiare, alle quali il decreto non dava risposte altrettanto chiare. Da qui un pomeriggio di contatti tra le forze istituzionali, unite in video-conferenza con Roma, col governo. Dal quale a suon di concessioni, deroghe, interpretazioni che diventavano sempre più blande con il passare delle ore e delle discussioni, è scaturito un decreto nella sua applicazione, snaturato, ridotto, praticamente demolito nella forma, ma soprattutto nella sostanza. Quella sostanza che doveva porre le condizioni per limitare i contagi, per non mandare in tilt ciò che di più prezioso abbiamo oggi, la sanità pubblica, per imporre alle persone comportamenti che le stesse persone, da sole, nonostante gli indirizzi e le raccomandazioni dei precedenti decreti, non erano state in grado o non avevano voluto rispettare. Incrementano di fatto il numero dei contagi e, purtroppo, dei morti. Trasformando la provincia di Modena in un'area meritevole di quarantena. 

Un decreto che doveva essere duro ma tale perché necessario, ma che in poche ore si è trasformato nella sua caricatura peggiore. La mancata chiarezza del decreto ha offerto agli enti locali lo strumento per demolirlo, facendo breccia nelle sue crepe già evidenti. Rendendolo probabilmente, e vorremmo tanto sbagliarci, non adeguato a garantire quella terapia d'urto ad una epidemia che anche oggi ha seminato altri morti, portando anche in Emilia-Romagna verso la saturazione dei posti in terapia intensiva. Mettendo nuovamente alla prova il lavoro dei sanitari e della sanità.

Perché domani la vita per molti, anche di coloro che fino ad ora se ne sono fregati, continuerà uguale a ieri. Perché anche le limitazioni agli spostamenti da e verso la provincia, sarà blanda, se non nulla. Con uffici pubblici e fabbriche e perfino mercati aperti, con spostamenti per lavoro garantiti prima con la giustificazione del datore di lavoro e poi nemmeno con quella. Della serie fate quello che vi pare. E se vi fermano, dite che andate e tornate dal lavoro. Tanto, mica militarizziamo gli accessi come in veneto. Qui, a Modena, zona che doveva essere off-limits, nemica degli assembramento avremo anche i mercati. Dal lunedì al venerdì. Come se il virus si diffondesse solo nel fine settimana. Avremo anche i ristoranti, formalmente chiusi dalle ore 18,  che potranno tenere aperto se con l'asporto. Con i treni dalla stazione di Modena si potrà partire ed arrivare, per qualunque destinazione. La tabella di Trenitalia per il 9 marzo cancella solo le fermate nel basso lodigiano. E avanti di questo passo. Alla fine la grande terapia d'urto al virus è passata in poche ore da un blocco totale al sacrificio del rinunciare poco più che ad un apericena. Con la stessa velocità con cui la dirigenza sanitaria regionale, che un mese fa dichiarava nulla la preoccupazione per il coronavirus rispetto al virus dell'influenza, è stata smentita nei fatti. Fatto che preoccupa, in parte, più del virus stesso. Altro che influenza.

Speriamo, perché a questo punto non rimane che la speranza, che i dati di domani non confermino quei drammatici aumenti nei contagi e nei morti registrati oggi. Perché a quel punto non sarebbero solo i cittadini che non rispettano le regole (comprese quelle non scritte del buon senso), a doversi fare un esame di coscienza, ma lo sarebbero anche e soprattutto i decisori politici, che per non chiudere tutto rischiano davvero di fare chiudere, tante realtà, per sempre. 

Gianni Galeotti  



Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
Modena in zona rossa: cosa prevede la bozza del decreto
Societa'
07 Marzo 2020 - 21:45- Visite:61307
Coronavirus, scuole tutte chiuse in Emilia Romagna per altri 8 giorni
Societa'
29 Febbraio 2020 - 08:00- Visite:44582
Coronavirus, Venturi: basta cazzeggio o state a casa o vi fermiamo noi
Societa'
16 Marzo 2020 - 18:32- Visite:38985
Coronavirus, il Governo chiude anche la provincia di Modena
Societa'
07 Marzo 2020 - 20:36- Visite:34674
Covid a Modena, 13 sanitari contagiati al Policlinico e a Baggiovara
Societa'
13 Marzo 2020 - 22:16- Visite:33952
Coronavirus, da domani tutte le scuole chiuse in Emilia Romagna
Societa'
23 Febbraio 2020 - 16:53- Visite:30763
Il Punto - Articoli Recenti
Coronavirus, gli slogan e i lenzuoli ..
Servono posti letto. Tanti amministratori nel corso degli anni hanno continuato a ..
14 Marzo 2020 - 13:33- Visite:1076
Modena, regolamento di conti Pd che ..
Se qualcuno può dire di non avere mai fatto una battuta sessista o ironizzato sull'aspetto ..
12 Marzo 2020 - 11:37- Visite:2900
Coronavirus, amministratori in ..
Una commozione che non profuma affatto di resa, ma restituisce una umanità che nella ..
11 Marzo 2020 - 10:54- Visite:868
Stiamo in casa e raccontiamo su La ..
Tanti giovani cronisti che possano offrire a tutti i lettori 'adulti' una visione diversa di..
10 Marzo 2020 - 11:04- Visite:1434

Onoranze funebri Gibellini

Il Punto - Articoli più letti


Coop Alleanza 3.0 aggrappata alla ..
La Coop utilizza l’intero patrimonio dei soci più una parte del debito per investire in ..
15 Agosto 2018 - 10:36- Visite:59289
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi ..
I conti in rosso e il dispetto rappresentato dal via libera ad Esselunga, Trc potrebbe non ..
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:48377
Voragine nei conti Coop Alleanza 3.0:..
'Serve una risposta inequivocabile sulla sicurezza dei 3,6 miliardi dei 400.000 soci ..
01 Maggio 2019 - 08:38- Visite:29958