Onoranze funebri Simoni
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
articoliIl Punto

Italia schiava del Green Pass, cosìun tecnico evoca discriminazione sine die

La Pressa
Logo LaPressa.it

'Manterrei la premialità associata al Green Pass' - dice Locatelli. Una carota davanti agli occhi per dimenticare il bastone dietro alle spalle


Italia schiava del Green Pass, cosìun tecnico evoca discriminazione sine die

'L’obbligo di vaccino per gli over 50 è fissato oggi fino al 15 giugno, non vedo la ratio di toglierlo.
Allo stesso modo manterrei la premialità associata al Green Pass: ha senso che resti anche oltre giugno'. Con queste parole questa mattina un tecnico, il coordinatore del Cts Franco Locatelli, ha evocato sulle colonne di La Repubblica una rivoluzione copernicana nel concetto stesso di democrazia e di diritti civili. Lo ha fatto con una intervista quasi banale, pronunciando parole di fuoco come fossero ovvietà. L'idea, di fatto, è quella di mantenere il Green Pass per sempre, svincolandolo all'andamento della emergenza sanitaria (che nessuno mette in discussione), alla curva epidemica e renderlo strutturale, precondizione indispensabile per accedere a diritti civili sinora considerati universali, a partire dal lavoro. Indispensabile a un 12enne per salire sul bus, indispensabile a un 50enne per poter lavorare.

Parole pronunciate da un medico 61enne di Bergamo, mai eletto nè votato dai cittadini, probabilmente mai candidatosi neppure come rappresentante dei genitori alle scuole Elementari. Eppure Franco Locatelli, dall'alto del suo ruolo tecnico, si è permesso di scardinare con poche parole i capisaldi del vivere civile, diritti conquistati a costo della vita di tanti cittadini nel nostro Paese, di sovvertire dalle basi l'idea di libertà e democrazia.

Rendere il Green pass obbligatorio oltre ogni scadenza emergenziale (sulla scia del suo prolungamento indeterminato per chi ha fatto tre dosi), giustificando questa scelta con possibili e indimostrabili nuove ondate epidemiche, significa di fatto introdurre in Italia una nuova carta di identità. Per sempre. Chi ha il green pass da una parte e chi non lo ha dall'altra: i primi costretti a dimostrare ogni giorno di essere dalla parte giusta, esibendo il proprio Qr per lavorare, comprare un maglione o prendere un caffè, i secondi esclusi da luoghi di lavoro, momenti di aggregazione e finanche dai mezzi di trasporto pubblici. Di questo stiamo parlando.

Eppure, davanti a questo orrore, nessuno dice nulla. Locatelli ha evocato l'inferno come se fosse normale e la cosa più preoccupante e che davvero nessuno si scandalizza. Una non-reazione frutto di un Paese sconfitto e rassegnato, di una società incapace di guardarsi allo specchio e di reagire davanti all'inaccettabile. Una società fatta di cittadini vinti e disposti a qualsiasi cosa pur di continuare a sopravvivere, pur di aggiungere un altro giorno alla propria vita, uguale a quello precedente e identico a quello successivo. Almeno in apparenza. 'Manterrei la premialità associata al Green Pass' - dice Locatelli. Già, il premio da concedere a chi accetta la nuova società discriminatoria. Una carota davanti agli occhi per dimenticare il bastone dietro alle spalle.
Giuseppe Leonelli



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 

Onoranze funebri Simoni

Il Punto - Articoli Recenti
Dalla Von der Leyen un attacco alla ..
Oggi la democrazia italiana appare per quello che è: un cartonato a due dimensioni che ..
23 Settembre 2022 - 18:55
La propaganda elettorale dal balcone ..
Dalla pagina Facebook da sindaco, invita a partecipare all'evento di chiusura della campagna..
22 Settembre 2022 - 14:01
Il Credo storpiato di Salvini: ..
Di quella energia, pur disillusa, oggi cosa resta? Esattamente quale sarebbe il 'Credo' ..
22 Settembre 2022 - 11:33
Modena, qui partito e istituzioni ..
A 10 giorni dal voto nazionale quello tenutosi ieri sera è stato un incontro utile a ..
14 Settembre 2022 - 11:01
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58