Olympia sgomberato, obiettivo (di tutti) raggiunto
  Villa La Personala
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
VLP Events
articoliIl Punto

Olympia sgomberato, obiettivo (di tutti) raggiunto

La Pressa
Logo LaPressa.it

L'effetto di richiamare l'attenzione sul problema (e sulle potenzialità) degli stabili abbandonati, c'è stato. Senza scontri. Una prova (condivisa) di civiltà.


Olympia sgomberato, obiettivo (di tutti) raggiunto
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

La legalità è stata ristabilità. Senza l'uso della forza. Senza scontri. Senza contestazioni violente. Dopo quasi un mese di occupazione. Quasi. Perché se quel mese di occupazione fosse scattato, gli occupanti, quell'evento, lo avrebbero anche festeggiato. Il 2 dicembre prossimo, sabato. Con conferenze, iniziative, ed una festa, ad invito pubblico. E forse è stato lì, nella volontà di spostare un po' troppo, ostentandolo con un evento celebrativo, quel limite della tolleranza di fronte all'illegalità (che più volte nelle ultime tre settimane era stato spostato), che si è giocata (ribadiam, forse), la scelta di sgomberare. Oggi, prima del fine fine settimana che avrebbe celebrato quel primo mese. Solo un'ipotesi, intendiamoci, ma, crediamo, più che fondata. 
Perché in una società civile (come Modena ha dimostrato ancora una volta di essere), dove nessuno vuole dare (e tantomeno ricevere) smanganellate (come successe in Piazzale Redecocca l'inverno scorso), c'è anche lo spazio di spostare il confine di ciò che è tollerabile, agli occhi della legge, e ciò che non lo è più.

  Ed oggi lo Stato ha deciso di riaffermare il primato dello Stato che ha il diritto dovere di tutelare, e di mediare, gli interessi ed i diritti di tutti i cittadini (che siano proprietari ed occupanti), e, soprattutto, la sicurezza pubblica. Perché a questo uno stato non può e non deve prescindere. Uno Stato che è stato capace, in questo caso, di affermarsi non solo come forza istituzionale ma come entità a tutela dell'interesse pubblico. Dove dentro ci sta tutto, compreso la capacità di mediare, pur nell'illegalità, compreso la tutela della libertà di espressione di chi ha dichiaratamente infranto la legge per richiamare l'attenzione dell'opinione pubblica su un problema che le istituzioni, ed in particolare il Comune, non riesce a risolvere sul piano politico. Da anni.

Quello di una quantità enorme di spazi pubblici (e non solo privati da rimettere in rete), abbandonati al degrado da decenni, non utilizzati e che rappresentano un assurdo se posto a confronto con l'altrettanto grande mancanza di spazi di cui, in questa città, soffrono associazioni e cittadini, soprattutto giovani. Un tema che il Guernica ha voluto rilanciare con uno strumento inaccettabile come lo è qualsiasi forma di violazione della legge, ma che, pur senza giustificazione, ha rappresentato un modo per richiamare l'attenzione sul problema, con quella forza (e quella partecipazione) che decine di articoli di stampa o condivisioni su Facebook, non riescono ad ottenere. E ha continuato a farlo oggi, davanti e dento il Municipio, a confronto con la giunta che ha deciso di riceverli (giustamente), una volta ristabilità la legalità. E in questo senso, oggi, è un pò come se l'obiettvo fosse stato raggiunto da tutti. Da chi, quel messaggio voleva mandarlo, e da chi, giustamente (si può discutere sui tempi comunque sempre vincolati all'intervento su un bene privato), ha riaffermato, con equilibrio e senza conseguenze, il primato della legge, delle istituzioni e dello Stato.

Gianni Galeotti


Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

Il Punto - Articoli Recenti
Modena, Solomita lascia: a lui non mancherà il Pd ma al Pd mancherà lui
Solomita nella sua gestione ha certamente usufruito dell’appoggio di Bonaccini e Baruffi, ..
07 Luglio 2024 - 19:59
Modena, virata a sinistra di Mezzetti: l'opposizione ringrazia
Ma per costruire le basi di qualcosa di nuovo occorre capire cosa si è sbagliato, ..
03 Luglio 2024 - 09:18
‘Mi si nota di più se non vengo?’ La sindrome dell’addio al potere di Muzzarelli
Quanto emerge chiaramente dalla prima uscita pubblica ufficiale di Mezzetti, è la distanza ..
02 Luglio 2024 - 21:47
Modena, porta a porta fallimentare. Così Mezzetti archivia Muzzarelli
Certo, in campagna elettorale lo aveva promesso, ma sentire pronunciare la svolta nella ..
02 Luglio 2024 - 19:18
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58