Corteo Modena, non sarà certo una massa di barbari
App
Società Dolce: fare insieme
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
App
articoliParola d'Autore

Corteo Modena, non sarà certo una massa di barbari

La Pressa
Logo LaPressa.it

Una manifestazione ben organizzata e inserita in un piano nazionale per lanciare un messaggio preciso


Corteo Modena, non sarà certo una massa di barbari
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Recentemente ha fatto rumore la notizia che il 28 ottobre un movimento, Smash Repression, compierà una manifestazione Corteo/Street Parade per protestare “contro tutti gli sgomberi”. Si aspettano minimo 10.000 persone, in sostanza un corteo estremamente partecipato, tanto da destare preoccupazione.
A questo punto occorre porsi la domanda: Che cos’è Smash Repression? Apparentemente basterebbero risposte semplici come “degli anarchici” o “tipi dei centri sociali”, ma è davvero solo questo? Sono solo l’ennesimo centro sociale? Partendo da una genesi approssimativa, possiamo dire che Smash Repression - Chi ce tocca s’appiccia nasce in reazione al rave party di Modena e alle azioni prese dal governo. Fin qui è cronaca nota, ma viene fuori un quadro più completo analizzando i loro profili social. Si nota così che la prima manifestazione nasce a Napoli il 17 dicembre 2022, cosa che suona strano quando hai un motto in romanesco.

A parte questo, che potrebbe essere una libertà stilistica, nel primo post su Instagram del 1 dicembre allegano una manifesto completo. Scrivono come “i free party nascano come movimenti di aggregazione e riappropriazione di spazi abbandonati da privati e istituzioni” e basta leggere il comunicato per capire che si tratta di un gruppo anti-capitalistico e anti-patriarcale.
Questo è perfettamente in linea con le aspettative, per ora. Il profilo è, poi, in generale sulla stessa linea e i numeri social paiono rientrare in questa nicchia politica: meno di 3000 su Facebook, circa 2300 su Instagram e circa 4100 like su Tik Tok. Pochi, troppo pochi.

Specie se si profilano dalle 5000 alle 10000 persone presenti a Modena, in linea con i partecipanti a Bologna il 22 aprile dove una manifestazione analoga è stata organizzata sempre da Smash Repression (secondo Rai News e Repubblica), con numeri simili che sono stati registrati a Firenze (“Street Rave Parade, in 5mila per le vie di Firenze”, Corriere Fiorentino, 29 Aprile 2023) con i 1500 di Ancona (“Manifestazione anti Decreto Rave-Party ad Ancona, in centro 1500 presenze”, Corriere Adriatico, 11 giugno 2023) e i 2000 di Milano (“Corteo del primo maggio a Milano: 2000 in strada tra Cobas e centri sociali”, Il Giorno, 1 maggio 2023). A quanto risulta, gli organizzatori riescono a fare rete in maniera molto organizzata ed efficace.

D’altronde già dai primi cortei, Smash Repression aveva 6 date (Torino, Bologna, Firenze, Roma, Napoli, Palermo), più un appello ai centri sociali francesi (scritto perfettamente in lingua), e ciascuno con locandine diversissime tra loro e spesso con il titolo Smash Repression assente o in secondo piano. Il tutto è stato inserito in un calendario fittissimo di 7 eventi in preparazione alle prime date dal 17 dicembre, dal 7 al 15 del mese. La grande qualità delle grafiche e la costanza delle pubblicazioni indicano un team robusto alle spalle, con ampie collaborazioni con artisti esterni come mostrano le locandine. Allo stesso modo i ben 10 camion pieni di casse paiono fin troppe per un gruppo raffazzonato, soprattutto se si considera che li hanno a disposizione dall’inizio (post 15 dicembre su Instagram). Senza considerare che hanno pubblicizzato gli eventi in ben 4 profili su Instagram, uno per la Toscana, uno milanese, uno napoletano e uno generale da cui si collegano podcast e blog.
A discapito di quello che i giornali dicono, il peggio di tali manifestazioni paiono essere il rumore e la gente che urina in giro e fa scritte, altre lamentele paiono episodiche o non credibili, tipo di cocaina sniffata sui cofani delle macchine, questo almeno a Bologna. Il che è stranamente ordinato per una aggregazione libera di persone. Sembra che ci sia un disciplina predisposta o almeno una sorta, specie considerando la media di tali manifestazioni.

Da quello che è possibile notare non siamo di fronte ad una massa di barbari, ma una manifestazione ben organizzata e inserita in un piano nazionale per lanciare un messaggio preciso. Di nuovo, questo contrasta con un’assemblea nazionale che nelle foto non arriva a mostrare 50 persone circa e di età variabile. Ad ogni modo, la loro sembra finora una tattica efficace. Il numero di partecipanti è in aumento dalle “alcune centinaia” di Torino (Ansa, 17 dicembre 2022) che spiega come in un anno il movimento si sia ampliato e riesca a mobilitare bene quel mondo, anche se loro stessi sostengono sempre di essere stati in 10.000 come frequentazione media (post 9 febbraio su Instagram). Ad ogni modo, questi sono numeri importanti per un mondo storicamente poco numeroso almeno dal 2001. Numeri importanti e costanti in più città. È presto per dire se questa manifestazione sia un nuovo capitolo della galassia dei centri sociali, ma di sicuro gli ha dato una scossa. Insomma, se i centri sociali non vanno verso Smash Repression, Smash Repression va verso i centri sociali e di sicuro è sulla buona strada per inglobarli.
Alberto Avallone

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Società Dolce: fare insieme

Feed RSS La Pressa
Parola d'Autore - Articoli Recenti
Regionali, se in casa Fdi è già partito il toto-scommesse...
Capolista, secondo diversi bene informati e già disposti a puntate sicure, almeno a vedere ..
02 Luglio 2024 - 13:55
San Possidonio, da Fdi inutile polemica su timbri e matite davanti a una epocale sconfitta
Il loro candidato Donato Bergamini ha preso 300 voti in meno alle comunali rispetto alle ..
21 Giugno 2024 - 21:00
Siulp: 'Aggressioni e violenze alle Forze dell'Ordine, cresce il disagio'
L'intervento del Segretario provinciale Siulp Roberto Butelli. Dal caso di Ascoli Piceno una..
12 Giugno 2024 - 18:28
'Il futuro di Modena passa per il sostegno alla maternità'
L'intervento di Grazia Ruini e Andrea Mazzi, candidati consiglieri comunali Lista civica ..
06 Giugno 2024 - 15:45
Parola d'Autore - Articoli più letti
Obbligo vaccinale per insegnanti, agenti e medici? Bene, ma allora non si chieda il consenso
'A questo punto consiglio a tutti i bravi cittadini di offrire senza esitazione il braccio ..
25 Novembre 2021 - 19:40
Follia Green pass, i bambini prime vittime di una società disumana
A questo punto davanti a questi adulti privi di cuore e di anima, non ci resta che sperare ..
08 Febbraio 2022 - 12:52
'Il vaccino non rende immuni: questo fa decadere ogni obbligo'
Giovanardi: 'Stupisce e sconforta che gli Ordini Professionali si accaniscano contro ..
29 Dicembre 2021 - 21:23
'Festa Unità: è il vuoto totale, a Modena non esiste centrosinistra'
Il Psi: 'Da Muzzarelli lettera piena di dignità e di passione ma anche di un inascoltato ..
31 Agosto 2018 - 11:38