La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
articoliPolitica

'Basta con l'antimafia del circo mediatico, serva di altri poteri'

La Pressa
Logo LaPressa.it

A 28 anni dalla strage di Capaci. Noviello (100x100inmovimento): 'Eppure abbassare la testa non è obbligatorio, per ribellarsi non si deve sempre delegare'


'Basta con l'antimafia del circo mediatico, serva di altri poteri'
Il 23 maggio 1992 a Capaci veniva ucciso dalla mafia il giudice Giovanni Falcone insieme alla moglie Francesca Morvillo e ai tre uomini della scorta: Antonio Montinaro, Rocco Dicillo e Vito Schifani.
In occasione del 28esimo anniversario delle stragi di Capaci e Via D'Amelio e della morte della giovane testimone di giustizia Rita Atria, 100x100inmovimento-APS rilancia, per l'ottavo anno consecutivo, l'iniziativa 'Lenzuola bianche a balconi e finestre', che si svolge da domani appunto al 26 luglio (giorno del suicidio di Rita Atria).
In questo contesto pubblichiamo oggi un intervento della presidente della associazione. Una denuncia chiara al mondo patinato dell'antimafia che si traduce in un impegno dal basso nel diffondere cultura antimafiosa.

Diffondere cultura antimafiosa, che sveli corruzioni e collusioni attraverso i ragionamenti che i cittadini possono fare da soli, se forniti di strumenti corretti, è il nostro modus operandi da sempre.

Subito dopo l’arresto di Giuseppe Caruso, per fare un esempio, abbiamo tenuto numerosi  incontri pubblici con cittadini, amministratori locali e testimoni che la ‘ndrangheta l’hanno denunciata, cittadini che vivono sulla propria pelle tutti i giorni la presenza della ‘ndrangheta e delle mafie, pagandone le conseguenze ed essendo lasciati soli. Tanti incontri pubblici, con tanti cittadini, dibattiti, proiezioni di film e di inchieste, presentazione di libri, in diversi luoghi di Piacenza e Provincia.  

Dal 2013 ad oggi, tra l’altro, non solo in occasione di eventi eclatanti accaduti “in casa nostra”. Abbiamo cercato di spiegare, raccontare, illustrare, come le mafie, in particolare la ‘ndrangheta, sono riuscite ad infettare il nostro tessuto economico proprio qui, nel Nord che si riteneva (ed ancora con arroganza si ritiene) immune, perché “noi abbiamo gli anticorpi”.

Bene, questi “anticorpi” difettosi, geneticamente privi di efficacia, sono stati un alibi per chi aveva il dovere di vigilare, opporsi, rifiutare i compromessi ed ha, al contrario, lasciato che ci colonizzassero, portando l’Emilia ad essere definita “terra di mafia”. 

Arroganza, superficialità, interessi privati, antimafia a tempo, sono ciò che abbiamo visto e vissuto.  Nell’assenza pressocchè totale di un reale ed incisivo giornalismo d’inchiesta.

Ma non abbiamo mai taciuto e mai lo faremo. I nostri associati sono spesso cittadini che denunciano ed è in primis a loro che dobbiamo rispetto e coerenza, non certo ad un’opinione pubblica generalmente male informata o informata superficialmente sulle dinamiche dei fenomeni mafiosi. Un’opinione pubblica che stenta a prendersi la responsabilità dei propri comportamenti e preferisce delegare alle “associazioni antimafia”. Il tempo di delegare ad altri è finito da molto, soprattutto da quando è ormai lampante la necessità di un’antimafia sociale che sia volontariato e che si autofinanzi, di quanto sia scandaloso che girino milioni di euro in quello che è diventato un business, un circo mediatico, che schiaccia l’occhiolino ai partiti di ogni colore, che non ha più libertà di parola, che tace su collusi importanti, su padrini dell’antimafia.

Un’antimafia sociale che non prende posizione se non conviene, non serve, o meglio si fa serva di altri poteri, decisamente poco visibili.

Mentre le responsabilità morali si possono aggirare, alle mafie non si sfugge. Il 25 giugno 2019 Piacenza scopre che (secondo le accuse formulate) la ‘ndrangheta non solo esiste ma siede addirittura su uno dei più alti scranni dell’amministrazione comunale. Arrestano il presidente del consiglio comunale Giuseppe Caruso e suo fratello Albino.

E Piacenza si ritrova “accomunata” al primo comune emiliano commissariato per mafia, Brescello, provincia di Reggio Emilia, dove arrestano, in contemporanea, Salvatore, Francesco e Paolo Grande Aracri.

Chiamano l’operazione “Grimilde”, come la regina della favola di Biancaneve, che non vede la propria bruttezza specchiandosi. Si ritiene la più bella del reame…. E questi sono fatti. Come sono fatti la totale assenza in tutti i dibattiti con i cittadini di chi ha preso risarcimenti economici per essersi costituito parte civile nel processo Aemilia.

A Piacenza come a Brescello, dove abbiamo tentato di spezzare i silenzi con la nostra presenza in banchetti informativi ed eventi. Banchetti ed eventi snobbati anche dalla stessa amministrazione comunale, che ci dava i permessi ma evitava di farsi vedere. Mai visti, nemmeno uno. Così come non abbiamo mai visto l’antimafia sociale locale.

Ma dove c’è il male il bene non può mai mancare. Ed abbiamo scoperto un gruppo di cittadini fuori dai silenti cori, il “gruppo di discontinuità“, che dimostra, ancora una volta, che abbassare la testa non è obbligatorio, che per ribellarsi non si deve sempre delegare ad altri. L’abbiamo fatto, e ancora lo faremo, ascoltando la sofferenza, la disillusione, di chi in quel paesello ha subito umiliazioni, isolamento, diffamazioni. Come, per citare due esempi, Catia Silva (che ha denunciato e fatto condannare appartenenti alla ‘ndrangheta nel processo Aemilia) e Cinzia Franchini (che ha denunciato il radicamento mafioso da parte di clan affiliati a Cosa nostra ed alla ‘ndrangheta all’interno di società operanti nella Cna-Fita che lei stessa presiedeva; la prima presidente nazionale Fita a costituirsi parte civile). Testimonianze forti, ascoltate anche a Piacenza, in più occasioni, da rappresentanti dell’amministrazione locale. Donne che l’antimafia sociale potente e ricca ha lasciato sole, perché “non allineate”, non disponibili a tacere su altro, quell’altro appartenente ad una “zona grigia” fatta di parole sussurrate, pronunciate sottovoce perché un po’ di vergogna, chissà, qualcuno di loro  in fondo se la sente sulla pelle.


Ma si va avanti, sulla stessa strada, perché  come soleva dire il dottor Giovanni Falcone “che le cose siano così, non vuol dire che debbano andare così'.

Noi ci siamo e ci saremo sempre, ma a condizione di non tradire mai chi la lotta alle mafie l'ha fatta, la fa e la farà sempre senza sconti a chicchessia. In caso contrario vale il vecchio proverbio 'meglio soli che male accompagnati'.

Rossella Noviello, presidente di 100x100inmovimento-APS


Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
'Vaccini, ecco il rapporto tra la Lorenzin e le case farmaceutiche'
Politica
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:144749
Segretario Pd: ‘Votare Lega significa essere idioti’
Politica
04 Agosto 2018 - 11:35- Visite:103179
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi del Sistema. E Muzzarelli trema
Il Punto
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:55505
Il Sulpl risponde: Posso accompagnare mia moglie a fare la spesa?
Societa'
17 Marzo 2020 - 11:24- Visite:51159
'Festa Unità: è il vuoto totale, a Modena non esiste centrosinistra'
Parola d'Autore
31 Agosto 2018 - 11:38- Visite:43841
'Lo Ius Soli sarà per noi il primo punto nella nuova legislatura'
Pressa Tube
01 Febbraio 2018 - 01:00- Visite:43264
Politica - Articoli Recenti
Barozzi, confermata protesta lunedì ..
I genitori, gli studenti e i docenti del Barozzi di Modena confermano le due giornate di ..
12 Settembre 2020 - 16:35- Visite:230
Seta, sciopero Usb in attesa della ..
'A fine giugno Seta ha presentato una bozza di accordo di secondo livello per i nuovi ..
12 Settembre 2020 - 12:41- Visite:257
'Ligabue inaugura a Reggio Emilia ..
'Tante promesse, ma come sempre nessun fatto. Reggio Emilia (Pd) pronta ad organizzare ..
11 Settembre 2020 - 22:19- Visite:5148
Bonaccini ai 5stelle: 'Senza alleanze..
Il presidente della Regione alla Festa dell'Unità: 'Ma con un PD al 20% l'attuale ..
11 Settembre 2020 - 20:29- Visite:621


Politica - Articoli più letti


'Vaccini, ecco il rapporto tra la ..
Esposto del Codacons all'Autorità nazionale anticorruzione
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:144749
Segretario Pd: ‘Votare Lega ..
Gianluca Fanti, segretario Pd Madonnina si lancia in ardite affermazioni
04 Agosto 2018 - 11:35- Visite:103179
'Commissione Bibbiano, M5S inizia ..
Il capogruppo di Forza Italia in Regione Andrea Galli critica la richiesta di soggetti da ..
07 Agosto 2019 - 14:23- Visite:76522
Autostrade, la concessione resta: la ..
La neo ministro De Micheli, è stata una delle principali animatrici del laboratorio di ..
08 Settembre 2019 - 11:50- Visite:71258