La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Google+ Linkedin Instagram
progettiQuelli di Prima

Bretella Campogalliano Sassuolo, i no e i si del Comitato: 'Il mondo è cambiato, perché riproporre un progetto vecchio di 10 anni?'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Presidio di protesta e di proposta davanti a Palazzo Ducale durante l'intervento del Ministro Delrio


Bretella Campogalliano Sassuolo, i no e i si del Comitato: 'Il mondo è cambiato, perché riproporre un progetto vecchio di 10 anni?'

'In dieci anni la realtà economica e sociale del distretto ed oltre è cambiata radicalmente. Che senso ha riproporre lo stesso progetto di 10 anni evitando a priori e non rifiutando anche solo una proposta di confronto con chi chiede da anni di dimensionare il progetto sulla situazione attuale?'. A chiederlo sono gli esponenti del Comitato 'NO Bretella Campogalliano Sassuolo SI Mobilità sostenibile' che questa questa mattina hanno organizzato un presidio davanti al Palazzo Ducale di Sassuolo, dove si svolgeva la presentazione del progetto definitivo della Bretella di collegamento autostradale Campogalliano Sassuolo alla presenza del Ministro alle infrastrutture Graziano Delrio. 

Si del Comitato al al collegamento tra la dogana di Campogalliano e lo scalo di Marzaglia 

All'arrivo al Ministro il Comitato ha stato consegnato un documento che sintetizza i rilievi e le ragioni del no al progetto, o almeno al tratto da 15 km che collega, lungo l'asta del fiume Secchia, Campogalliano a Sassuolo. Perché è questo che per il Comitato rappresenta le maggiori criticità rispetto all'impatto ambientale. Non solo NO, quindi, ma anche SI alla costruzione del solo collegamento tra il polo della logistica  su gomma di Campogalliano (dogana), e quello ferroviario di Cittanova - Marzaglia (anche per dare un senso ed una funzionalità ai 260 mila metri quadri di infrastruttura ferma da 15 anni dello scalo merci di Marzaglia). Il tutto in un ottica di tutela del paesaggio fluviale, delle acque sotterranee e all'impermeabilizzazione del suolo. 

Le ragioni del NO al progetto sono quelle concentrate nel tratto Campogalliano Sassuolo. Di merito e di metodo. Il comitato lamenta il mancato confronto con le forze sociali interessate, sia in fase di elaborazione del progetto, sia in fase di presentazione. 'Si predica la partecipazione e la trasparenza e poi viene fatto tutto nelle stanze chiuse dei palazzi, con logiche speculative, a favore di pochi portatori di interesse. Se la politica vuole acquistare credibilità, al di là degli slogan, ha bisogno di dare risposte serie e coerenti ai cittadini. 'Nel merito del progetto come può essere considerato seriamente lo slogan 'la bretella serve per il rilancio del distretto ceramico' se non viene poi supportato dal confronto dall'analisi dei flussi di traffico previste nel progetto del 2005, quando ancora non esisteva nemmeno la Modena-Sassuolo urbana rispetto a quelle attuali, o se non viene fatto un confronto dei costi di investimento di un'infrastruttura su ferro rispetto a quella su gomma tenendo in considerazione anche i costi sanitari  connessi a quest'ultima? Come è possibile credere che la finanza di progetto faccia risparmiare soldi ai contribuenti quando il sindaco di Modena chiede che vengono eliminati i caselli? Come può essere accettabile la dichiarazione che giustifica la costruzione della bretella perché l'ex Presidente della Provincia di Modena, e attuale Presidente della società di gestione del progetto Emilio Sabattini, dichiara che il territorio dove sorgerà l'infrastruttura è già ha rovinato dalle escavazioni? Sono domande che il comitato pone da anni, anche ufficialmente, e alle quali non ha mai ricevuto risposta, così come su una VIA (Valutazione di Impatto Ambientale) viziata già in origine origine nella valutazione del rischio idrogeologico non avendo tenuto conto del già programmato ed indiziato nuovo di polo di escavazione 5.1 nel frattempo divenuto il più grande a livello regionale, collocato a monte dei campi acquiferi, fondamentale risorsa idrica.

Le proposte del Comitato

Il comitato ha chiesto formalmente al ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio di recepire dal nuovo Codice Appalti non sono la possibilità di rinnovare senza gara le concessioni autostradali ma di attuare la revisione del progetto e di organizzare dibattiti pubblici nei territori,  la costruzione del solo collegamento tra il polo della logistica su gomma di Campogalliano con quello ferroviario Cittanova Marzaglia, la revisione della tangenziale di Rubiera, lo stop alla realizzazione del tratto autostradale lungo l'asta del Secchia da Campogalliano a Sassuolo, la realizzazione di scelte innovative per il trasporto merci e persone nel distretto ceramico.

'In questi anni abbiamo studiato tutti gli aspetti tecnici ed ambientali per supportare con dati scientifici le nostre ragioni. Che non sono quelle di un'opposizione e di un no pregiudiziale - afferla Alessandra Filippi di Legambiente -  ma quelle di chi ritiene gli aspetti relativi alla tutela dell'ambiente e della salute pubblica meritevoli almeno di un confronto approfondito. Che purtroppo non è mai stato concesso'

 

 



Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
Bretella, Pattuzzi choc consiglia i ribelli: 'Con la strozzatura di ..
Politica
03 Giugno 2017 - 01:07- Visite:11001
Legambiente: 'Pensavamo il concerto di Vasco fosse un evento ..
Che Cultura
20 Giugno 2017 - 17:31- Visite:5106
Da Modena Attiva a Mobastacemento: bluff dell'ambientalismo di Sistema
Il Punto
27 Maggio 2018 - 10:27- Visite:3054
Amcm e palazzina Pucci: ecco gli incarichi della assessore e del ..
Politica
04 Maggio 2018 - 12:40- Visite:2657
Quelli di Prima - Articoli Recenti
... E ci passavi così tanto tempo ..
Per poi ritornare...
03 Gennaio 2014 - 23:39- Visite:11544
Libera, le consulenze di Enza Rando
L’avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36- Visite:14240
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25- Visite:12628
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi «perfettamente integrati» E la Camorra ora «è più presente»
02 Gennaio 2014 - 13:54- Visite:12046


Quelli di Prima - Articoli più letti


AeC, la moglie di Muzzarelli nel ..
L’azienda, coinvolta nell’inchiesta ‘Cubetto’, finanziò la campagna elettorale del ..
01 Gennaio 2014 - 20:45- Visite:18436
Libera, le consulenze di Enza Rando
L’avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36- Visite:14240
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25- Visite:12628
Brindiamo tutti con Casari
Che non manchino mai sorrisi e vittoria
01 Gennaio 2014 - 20:06- Visite:12091