Punti Incrociati
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Punti Incrociati
articoliPolitica

Caso Jolanda, il Gip di Ferrara archivia Bonaccini

La Pressa
Logo LaPressa.it

Per il Gip si è trattato solo di 'una scomposta reazione (sicuramente evitabile) ad una notizia assai sgradita'


Caso Jolanda, il Gip di Ferrara archivia Bonaccini

Si chiude con l'archiviazione da parte del gip di Ferrara Danilo Russo, come chiesto dalla Procura, l'indagine a carico del presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, che era finito indagato per abuso d'ufficio e tentata concussione a seguito di un esposto presentato dal sindaco di Jolanda di Savoia, nel ferrarese, Paolo Pezzolato. La vicenda era emersa pochi giorni prima delle elezioni regionali del 2020, e riguardava fatti avvenuti proprio durante la campagna elettorale che vedeva opposti Bonaccini e la leghista Lucia Borgonzoni. Il presidente della Regione, in sostanza, era accusato di aver fatto pressioni affinché la vicesindaca del Comune ferrarese, Elisa Trombin, ritirasse la propria candidatura con il centrodestra, e di aver ordinato per 'ritorsione' la revoca di tre dipendenti di altri Comuni assegnati all'amministrazione di Jolanda.
Secondo la Procura, però, queste accuse non erano suffragate da prove che potessero renderle sostenibili in giudizio, e per questo era stata richiesta l'archiviazione, disposta oggi dal gip a tre mesi di distanza dall'udienza. Tuttavia, pur riconoscendo che i comportamenti di Bonaccini non configurano reati, nella sua ordinanza il gip scrive che le parole rivolte dal presidente della Regione a Trombin ('se vinco io tu e il tuo Comune siete finiti'), si possono considerare 'una scomposta reazione (sicuramente evitabile, da parte di chi ricopre determinate cariche pubbliche, per quanto umana, a fronte di quello che è stato ritenuto un vero e proprio voltafaccia) ad una notizia assai sgradita'. Reazione che però, chiosa il giudice, 'non lascia trasparire, nemmeno in controluce, la presenza di pressioni volte ad indurre Trombin, anche per mezzo di Pezzolato, a 'rivedere' la decisione di candidarsi con lo schieramento politico avversario'.
Contemporaneamente, il gip ha archiviato la querela per diffamazione presentata contro Pezzolato da Andrea Zamboni, sindaco di Riva del Po e presidente dell'Unione Terre e Fiumi. In sintesi, Zamboni contestava 'il contenuto di alcune dichiarazioni rilasciate da Pezzolato e riportate da organi della stampa locale' circa 'il contenuto delle conversazioni telefoniche intrattenute sia con il presidente della Regione, sia con Zamboni, prima e dopo l'emissione dei provvedimenti amministrativi relativi ai dipendenti comunali'. Il sindaco di Jolanda aveva registrato quelle conversazioni, e per il gip 'l'addebito formulato a carico di Pezzolato si risolve nell'aver riportato ai media le parole di Zamboni in maniera distorta, cercando di fatto di avallare la propria tesi complottista'. Per il giudice, comunque, la notizia di reato è infondata, e da qui la decisione di archiviare. Commentando la decisione del gip su Bonaccini, il legale di Pezzolato, Gabriele Bordoni, sottolinea che 'il giudice ha riconosciuto che i modi utilizzati dal governatore non si addicevano alla sua funzione e che le revoche delle applicazioni del personale intervenute dopo quella telefonata che questi aveva fatto a Pezzolato, con la quale faceva intendere che lui ed il suo Comune avrebbero subito le conseguenze della scelta della Trombin di candidarsi con la Lega, avevano avuto tempi sospetti. Non ha visto, tuttavia, quella connessione fra i due episodi che a nostro avviso ne rendeva chiara ed univoca la lettura. Ne prendiamo atto, come devono fare le persone che, come Pezzolato, si battono per la legalità e la correttezza'.



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

Politica - Articoli Recenti
Follia delle armi: Russia lancia ..
La Russia ha lanciato con successo un missile da crociera ipersonico Zircon dal Mare di ..
28 Maggio 2022 - 13:53
Anpi Modena: 'Assassinio di Don ..
'Se anche fosse risultato colpevole un ex partigiano, non alla lotta partigiana e alla ..
28 Maggio 2022 - 13:17
Stadio Braglia: si va verso il ..
Questo l'obiettivo dell'Ordine del giorno presentato dal Consigliere PD Franchini ed ..
28 Maggio 2022 - 01:19
Esternalizzazione servizi ..
Il caso Mirandola accende il dibattito e la protesta. Sabato alle 11 sit-in davanti ..
27 Maggio 2022 - 18:30
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58