Illuminazione pubblica, nuovo ricorso al Tar. Baldini: 'Grave pasticcio'
CAFFE' L'ANTICO DANTE CAGLIARI
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
CAFFE' L'ANTICO DANTE CAGLIARI
articoliPolitica

Illuminazione pubblica, nuovo ricorso al Tar. Baldini: 'Grave pasticcio'

La Pressa
Logo LaPressa.it

'Inaccettabile che a causa della melina dell’amministrazione comunale si sia arrivati a una tale situazione'


Illuminazione pubblica, nuovo ricorso al Tar. Baldini: 'Grave pasticcio'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Una interrogazione presentata dal gruppo consiliare Indipendente per Modena per fotografare la vicenda che vede protagonisti il Comune di Modena ed Hera Luce srl, società del gruppo Hera. A depositare l'atto è stato il consigliere comunale Antonio Baldini. 'A seguito di una delibera del Consiglio comunale di Modena, approvata senza il voto favorevole della minoranza di centro-destra, Hera Luce aveva ottenuto nell’aprile del 2022 la proroga sino al 2027 della gestione della rete di illuminazione pubblica per la città di Modena, che comprendeva anche la sua riqualificazione energetica tramite la tecnologia led - ricorda Baldini -. Un impegno da oltre sei milioni di euro annui che non poteva non attirare le mire di altri colossi dello stesso settore tra cui una società del gruppo Edison, azienda leader nel mercato energetico.

Il Consiglio di Stato nel luglio del 2023 ha, come noto, confermato la sentenza di annullamento della delibera comunale da parte del TAR Emilia-Romagna per violazione delle norme sulla concorrenza dell’affidamento diretto e il Comune di Modena nel novembre 2023 si era premurato di rendere noto in un comunicato stampa che i tempi della gara sarebbero stati… “lunghi”: pertanto con una delibera della Giunta comunale la gestione della rete di illuminazione è stata affidata in via “provvisoria” sempre ad Hera Luce per un corrispettivo di oltre cinque milioni e mezzo annui'.

'E’ grave che un consigliere di minoranza solo a seguito di un accesso agli atti (che lo si rammenta è un atto ispettivo) abbia recentemente appreso che anche tale delibera è stata impugnata davanti al TAR Emilia-Romagna e che la società del gruppo Edison ha chiesto nel “giudizio di ottemperanza”, la cui udienza è fissata il 29 febbraio, che il giudice amministrativo nomini un “commissario ad acta”, ovvero un pubblico funzionario che si sostituisca al Comune inadempiente al fine di giungere finalmente a una pubblica gara - continua Baldini -. Oltretutto solo a seguito della notifica del ricorso e per di più nell’imminenza dell’udienza il Comune di Modena, con un ritardo di oltre un anno (la sentenza di annullamento del TAR Emilia-Romagna, mai oggetto di sospensiva, era stata pubblicata nel gennaio 2023) ha dato incarico a Nomisma spa, società di consulenza con sede a Bologna fondata negli anni 80’ da Romano Prodi, di effettuare – a fronte del ragguardevole compenso di oltre 170.000 euro - la stima della rete di illuminazione, individuando i criteri di valutazione per l’assegnazione del servizio'.

'Ulteriore aspetto “anomalo” della vicenda è costituito dalla circostanza che in base a una legge nazionale il Comune di Modena avrebbe potuto (e dovuto) già entro il giugno 2021 riscattare d’autorità la rete di illuminazione e che invece nel corso degli anni, come lamentato dalla società ricorrente, avrebbe riconosciuto a Hera Luce ulteriori corrispettivi per deperimento del capitale investito nella manutenzione straordinaria degli impianti di illuminazione. Insomma, un vero “pasticcio amministrativo” di cui pagherà il prezzo la collettività modenese, con oltre 60.000 euro di spese legali a carico delle casse comunali (tra somme anticipate agli avvocati incaricati dall’amministrazione comunale e le condanne al pagamento delle spese per i due gradi di giudizio) e un’altra batosta che rischia di arrivare. La nomina di quello che tecnicamente è un “commissario” per dare esecuzione a una sentenza dello Stato italiano al posto di un Comune, quale quello di Modena, che da sempre si fa pubblicamente vanto di difendere i valori della legalità, avrebbe del resto gravi conseguenze sul piano della credibilità istituzionale, a tacere del resto. Ma al di là di quella che sarà la decisione del giudice amministrativo è inaccettabile che a causa della “melina” dell’amministrazione comunale si sia arrivati a una tale situazione: il problema, come noto e come è emerso anche nella carente gestione dei rifiuti urbani, sta a monte e cioè nell’evidente conflitto di interessi del Comune, che è socio di Hera spa (società come Hera Luce srl del gruppo Hera) e percepisce ogni anno dividendi per milioni di euro'.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


e-work Spa
Politica - Articoli Recenti
La piazza di Massimo
Dopo la prima festa alla sede elettorale il neo sindaco Mezzetti saluta e ringrazia gli ..
11 Giugno 2024 - 02:39
Modena, ecco i nomi del nuovo Consiglio comunale
Il nuovo consiglio comunale di Modena è formato da 22 consiglieri di maggioranza, 8 ..
10 Giugno 2024 - 23:06
Voto a Modena: Mezzetti al 63%. Negrini si ferma al 28%
Segue la Modena al 3,16%, Mvp all'1,6%, Daniele Giovanardi all'1,4%, Chiara Costetti ..
10 Giugno 2024 - 21:11
I sindaci eletti in provincia di Modena
L'elenco dei 31 comuni della provincia di Modena al voto con i rispettivi sindaci eletti e ..
10 Giugno 2024 - 21:00
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58