Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Mivebo
articoliPolitica

La 'teoria dell'impazzimento' di Putin ora vacilla

La Pressa
Logo LaPressa.it

Da quello che risulta, il Presidente della Federazione Russa non pare così acciaccato ed è stupefacente...


La 'teoria dell'impazzimento' di Putin ora vacilla

'Le grandi crisi internazionali, dalla pandemia all’aggressione all’Ucraina da parte della Federazione Russa, stanno drammaticamente riducendo, se non azzerando, risorse destinabili ad affrontare le grandi questioni dalla cui soluzione dipende la sopravvivenza dell’umanità. L’azione per gli obiettivi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite ne esce indebolita. Si riaprono scenari che apparivano definitivamente superati o in via di superamento. La guerra genera effetti gravissimi: si acuiscono le tensioni, si obbligano – a parte le vittime - milioni di donne e minori ad abbandonare le loro abitazioni per cercare rifugio altrove, si rende più difficile la collaborazione internazionale in materia climatica e ambientale, si creano squilibri insostenibili nei prezzi di alcune fondamentali derrate alimentari con conseguenze destabilizzanti per intere regioni del mondo, anche a noi prossime, come l’area del Mediterraneo e il continente africano. Si accentua la crisi della gestione del debito estero per molti Paesi.
È questo l’amaro frutto di un conflitto, scatenato da Mosca per anacronistiche velleità di potenza, che richiede una risposta netta, unitaria e solidale, al fine di giungere al ripristino di condizioni di pace'.
Questo un frammento del discorso tenuto ieri, 23 giugno, dal Presidente Mattarella alla Conferenza sulla Cooperazione e Sviluppo. La frase che colpisce è la spiegazione del conflitto in Ucraina: anacronistiche velleità di potenza da parte di Mosca. Quindi Vladimir Putin, considerato da tutti un leader mondiale fino a sei mesi fa, tant’è vero che da destra a sinistra i nostri segretari di partito e presidenti del Consiglio sono andati al Cremlino a baciargli l’anello, improvvisamente è salito sulla macchina del tempo per recarsi in anacronistiche ere. Una mattina, il 23 febbraio del 2022, si è svegliato di buon mattino e, guardandosi allo specchio, s’è detto: “Sono Pietro il Grande e ho la missione di ricostruire la Grande e Santa Madre Russia. Invadiamo la pacifica e democratica Ucraina, tanto per cominciare!” Un folle, sostanzialmente.

La strategia di un impazzimento imprevisto è stata preparata dall’Occidente e proposta in primis dall’MI6 inglese, che ogni tanto dovrebbe uscire dai film di James Bond e controllare meglio le informazioni, per evitare d’essere paragonato a quei “magazine” settimanali scandalistici. Putin è gravemente malato, è già stato operato inutilmente, ha metastasi ovunque che hanno raggiunto anche il cervello, infatti sta perdendo la vista, e la sua aspettativa di vita non supera i tre mesi. Ricordate?
Da quello che risulta, il Presidente della Federazione Russa non pare così acciaccato ed è stupefacente che Mattarella spieghi l’invasione dell’Ucraina come una “anacronistica velleità di potenza”. Ne consegue che due colpi di Stato (la Rivoluzione Arancione 1 e 2), 15 mila morti nel DonBass, due province che si autoproclamano repubbliche indipendenti per proteggersi dalle granate di Kiev e la formale richiesta d’aiuto alla Russia, che ha dovuto riconoscerle per poter rispondere affermativamente, sono tutte cose mai esistite. La chiave di lettura è “Sono Pietro il Grande e ho la missione di ricostruire la Grande e Santa Russia!”.

Allora anche le province di Lugansk e Donetsk sono state invase e non si spiega perché i loro eserciti siano al fianco dell’Armata Russa contro quelle di Kiev. Anzi, sono proprio queste truppe che ora stanno combattendo nel Donbass, casa per casa, con l’appoggio dell’artiglieria russa a chilometri di distanza. Il racconto della Storia è sempre affascinante, soprattutto quando è di pura invenzione. Qui non si sa ancora chi vincerà e avrà l’incarico di tramandare i fatti seconda la propria interpretazione, ma l’Occidente tutto (Mattarella non è l’unico a proporre questa tesi) ha già deciso di rilasciare ai posteri la sua versione per sempiterna memoria. Anacronistica velleità di potenza...

E ancora. Quando il nostro Presidente fa un intervento pubblico, non rappresenta se stesso ma un Paese intero: l’Italia. Supponiamo che fra qualche mese Ucraina e Russia firmino la pace tanto agognata da tutti. A parole. Le sanzioni proseguono per il Cremlino? Pare di sì, sicuramente per anni: così hanno dichiarato i vertici della Casa Bianca e della NATO. Ma prima o poi si dovranno riallacciare rapporti di scambio e di collaborazione con Mosca. Il muro contro muro genera altre guerre e questo dovrebbero saperlo anche al Pentagono. In un prossimo incontro tra l’Italia e la Russia cosa succede? Stringendo la mano a Putin, il nostro Presidente si scuserà dicendo di non aver mai sinceramente pensato che fosse un folle con anacronistiche velleità di potenza?

E noi come si reagisce a tutto questo? Scendiamo in piazza a urlare che siamo stanchi d’essere trattati da incapaci d’intendere? “No, le manifestazioni di dissenso sono state una prerogativa delle “Sardine” e sodali, per impedire i pericolosissimi comizi di Salvini. Gridiamo sotto i Palazzi del Governo che non vogliamo ubbidire a un signore americano che ci sta spingendo verso una guerra totale e che si fa scrivere dal suo staff “Entri nella sala Roosevelt e dici Hello ai partecipanti”…? Per carità! Non sia mai detto!

Comunque, mai avrei immaginato che un Laureato in Giurisprudenza all'Università “La Sapienza” di Roma con il massimo dei voti e la lode, si ponesse al livello del nostro capo della diplomazia che dà dell’animale da bastonare ad un altro capo di Stato, per giunta Presidente di una superpotenza nucleare. Ma il mondo in cui si vive è questo, quello dei Di Maio e del suo “uno vale l’altro”, dell’osannato Draghi descritto da Cossiga come un “vile affarista” ed oggi nostro Presidente del Consiglio da ringraziare perché esiste, dei Commanders in Chief della più grande democrazia al mondo prelevati dal gerontocomio, del postulato, secondo Repubblica, per il quale esistono anche i nazisti buoni, delle sanzioni che puniscono chi le fa, dei post comunisti che supportano quelli con le svastiche stilizzate, delle armi che fermeranno la guerra e siamo già al quarto mese… e via dicendo. Fatemi scendere!

Massimo Carpegna



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Massimo Carpegna
Massimo Carpegna

Visiting Professor London Performing Academy of Music di Londra. Docente di Formazione Corale e del master in Musica e Cinema presso Istituto Superiore di Studi Musicali Vecchi Tonelli..   Continua >>



Politica - Articoli Recenti
Di Maio in seggio emiliano blindato ..
Il video di allora: 'Io col partito che in Emilia Romagna toglieva i bambini alle famiglie ..
30 Luglio 2022 - 20:24
Pd regala collegio sicuro in Emilia a..
'Credo che Luigi Di Maio sia stata la persona che più ha compreso potenzialità e gli ..
30 Luglio 2022 - 19:51
Voto, Pd Modena fa la rosa dei ..
Fanno parte della lista l’ex direttrice sanitaria Ausl, appena andata in pensione, Silvana..
30 Luglio 2022 - 16:23
Dai 5 Stelle ad Articolo 1: la nuova ..
Porte aperte in Articolo 1 per Max Bugani e Marco Piazza, i due storici esponenti del ..
30 Luglio 2022 - 14:40
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58