Studio Aurora - Cerca la casa dei tuoi sogni
Italpizza
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Studio Aurora - Cerca la casa dei tuoi sogni
articoliPolitica

'M5S, Bugani è divorato dall'invidia e dal timore di perdere'

La Pressa
Logo LaPressa.it

'Nonostante sia consigliere da 10 anni ha sempre ottenuto percentuali ridicole. In qualsiasi azienda verrebbe messo a fare le fotocopie'


'M5S, Bugani è divorato dall'invidia e dal timore di perdere'

'Buon proseguimento, io rimango vero'. Così si apre e si chiude il messaggio di addio al Movimento 5 Stelle da parte di Piero Vandini, ex capogruppo pentastellato in Consiglio comunale a Ravenna. Un messaggio che è, di fatto, un'invettiva contro il dirigente bolognese Massimo Bugani, storico braccio destro prima di Grillo e ora di Di Maio e volto forte del M5S in Regione e anche a Modena.

E infatti Vandini, che è stato anche candidato sindaco del Movimento a Ravenna nel 2011, lascia perchè 'finalmente dopo anni gli artefici di tutti i disastri organizzativi del nostro territorio ci hanno messo la faccia pubblicamente. Ho raggiunto il mio ultimo obiettivo, io mi fermo qui'. Vandini insomma punta il dito contro Bugani: 'Catapultato a dirigente del primo partito nazionale per luce divina, dal suo trono di cartone a Bologna ha deciso che a Ravenna il Movimento deve essere portato avanti da chi ha la capacità di aggregare per distruggere piuttosto che quella di aggregare per governare'.



Con 'tanti saluti al salto di qualità'. Insomma, chiarisce Vandini, 'da un lato si provava a crescere, dall'altro l'unico obiettivo è l'attacco o la denuncia di quello che non va per poi fermarsi li. Dire alla gente quello che vuole sentirsi dire dimenticando che limitarsi a questo significa creare un consenso di carta, che dura quanto un tovagliolo del bar'. Bugani, prosegue nel suo j'accuse, 'mai una volta' ha permesso che fossero davvero gli iscritti del territorio a esprimersi con il voto, per il 'timore che emergesse qualcuno più apprezzato di lui', che è 'divorato dall'invidia e dal timore di perdere'. Intanto 'ha distrutto una regione radendo al suolo gran parte della base attiva' e 'ha perso città dove il Movimento era fortissimo'. Non solo. A Bologna, 'nonostante sia consigliere da quasi 10 anni e abbia la possibilità di fare campagne elettorali con tutti i big del partito, ha sempre ottenuto percentuali ridicole'. 

 Vandini dice di aver più volte tentato di incontrarlo 'per provare ad appianare le divergenze, ma si è sempre sottratto'. Nel 2016, continua il ravennate, ha deciso che a Ravenna non dovesse esserci il Movimento, nei mesi scorsi ha deciso chi non doveva candidarsi avendone i requisiti, chi doveva candidarsi non avendoli, ha scelto il candidato per l'uninominale per poi sospenderlo e lasciare il Movimento senza candidato ufficiale'.

Bugani in una qualsiasi azienda 'probabilmente verrebbe messo a fare delle fotocopie'. In merito a una sua possibile candidatura alle ultime politiche, Vandini ha deciso di 'fare in modo che il territorio ricevesse finalmente una risposta chiara su quale volesse essere il percorso che il Movimento voleva fare su Ravenna'. Molti del gruppo storico di attivisti ravennati 'si sono lamentati per le esclusioni senza motivazioni', ma d'altronde 'tutti abbiamo accettato un regolamento nel quale era previsto che il capo politico potesse decidere a propria discrezione'. Ora il Movimento è il primo partito su Ravenna, 'ma solo chi non ha un minimo di visione politica festeggia e si gongola'. Rispetto al 2013 ha preso 2.000 voti in più, il 'nulla, arrivando terzo nella corsa dei collegi uninominali per Camera e Senato. Per Vandini inoltre 'non esiste una base coesa e preparata, in grado di lavorare per costruire un'alternativa di governo' e non esiste un 'rappresentante locale, ma tanti camerieri pronti a fare selfie, appartenenti al Movimento'. Che ha sì 'una proposta politica interessante', ma 'a livello di dinamiche interne è diventato esattamente come un qualsiasi partito'. Ecco perchè, conclude, 'la mia avventura in questo partito finisce qui. Non voglio piu' essere l'alibi di quelli che mi danno colpe che non ho'.


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 

Italpizza

Politica - Articoli Recenti
Malattie Infiammatorie Croniche ..
Al forum Monzani e in diretta social, una giornata di informazione organizzata dalla ..
26 Novembre 2022 - 22:47
'Modena, Pd strumentalizza Consiglio ..
Rossini (Fdi): 'Interrogazione contro il Governo viene messa in trattazione ad appena 15 ..
26 Novembre 2022 - 18:28
Sondaggio Dire, Fdi vola oltre il ..
Il partito di Salvini scende all’8,4; mentre l’alleanza Renzi-Calenda è al 7,6
26 Novembre 2022 - 15:11
'Garantire l'apertura dei punti ..
Carte alla mano, i comitati Salviamo l'ospedale di Pavullo e Salviamo l'ospedale dalla Bassa..
25 Novembre 2022 - 19:45
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58