Modena, la giunta riduce Irpef. Bosi e Rossini: 'Miracolo elettorale'
La Personala
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
VLP Events
articoliPolitica

Modena, la giunta riduce Irpef. Bosi e Rossini: 'Miracolo elettorale'

La Pressa
Logo LaPressa.it

'La tempistica di tale riduzione delle tasse qualche sospetto lo fa venire: a sei mesi dal voto la sinistra si cambia idea...'


Modena, la giunta riduce Irpef. Bosi e Rossini: 'Miracolo elettorale'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

'Il Consiglio Comunale nella seduta del 14 dicembre ha deliberato, con una convergenza tra maggioranza e centro destra, la riduzione dell’addizionale comunale all’Irpef. La maggioranza ha così finalmente accolto la richiesta portata avanti sin dal 2020 dal centro destra di ridurre l’addizionale'. A sottolinearlo è Elisa Rossini, consigliere comunale Fratelli d’Italia.

'Subito dopo il voto delle amministrative 2019, la Giunta ha proposto l’aumento dell’addizionale votato favorevolmente dalla maggioranza, ed ora, a sei mesi dalla nuova tornata elettorale del 2024, la riduce scrivendo nella delibera esattamente quello che il centro destra sostiene da anni: che le risorse per fare questa operazione ci sono.

Il tutto per altro usufruendo della riduzione degli ascaglioni di reddito da quattro a tre introdottaa dal tanto avversato governo Meloni e che comunque il Comune avrebbe potuto rinviare mantenendo gli stessi scaglioni anche per il 2024, ma le elezioni si avvicinano e magicamente la maggioranza si avvicina alle posizioni del centro destra, persino a quelle del governo, evidentemente preoccupata di tenere i piedi in due scarpe per non perdere consenso: la scarpa di sinistra e quella più centrista - continua Elisa Rossini -. L’aumento dell’addizionale comunale all’IRPEF deliberato a Modena nel 2020 ha determinato un progressivo e costante incremento delle entrate che, come centro destra, abbiamo sempre evidenziato chiedendo a più riprese – da ultimo con una mozione risalente al mese di marzo 2023 in occasione dell’approvazione del bilancio di previsione 2023-2025 - una riduzione dell’addizionale comunale all’Irpef indicando anche dove reperire le risorse per le minori entrate.

Ci è sempre stato risposto che non si poteva fare perché bisognava garantire l’invarianza delle entrate correnti a copertura delle spese necessarie per assicurare il funzionamento dei servizi offerti. In realtà i risultati di amministrazione, i saldi finali di gestione di cassa e gli importi dell’avanzo disponibile che si trovano indicati nei bilanci approvati nel corso della consiliatura dicevano il contrario'.

'Ora, a sei mesi dal voto e grazie alla riduzione degli scaglioni da quattro a tre voluto dal governo nazionale le risorse si trovano e l’Irpef viene ridotta e le minori entrate pari a 1,324 milioni vengono compensate con le maggiori entrate derivanti dal maggiore gettito Irpef ad aliquote invariate. Lo scaglione di reddito da 15 mila a 28 mila euro avrà una consistente riduzione dell’aliquota da 0,64 a 0,50. E tutto questo continuando a garantire i servizi e gli equilibri di bilancio. Possiamo dire che quello che abbiamo sostenuto sin dal 2020 e cioè che i soldi per ridurre l’addizionale c'erano, era null’altro che la fotografia della realtà. Ora spetterà alla maggioranza spiegare ai cittadini perchè nel 2020 l'addizionale all'Irpef è stata aumentata e perchè in modo sordo e ostinato si sono sempre rifiutate le soluzioni per la riduzione portate avanti dal centro destra, soluzioni che ora diventano possibili per evidenti ragioni elettorali' - conclude Rossini.

Una tesi sottoscritta anche da Alberto Bosi di Alternativa popolare. 'Il Natale si avvicina e anche in Consiglio Comunale accadano i miracoli. Infatti, dopo avere aumentato per ben due volte a inizio legislatura l'addizionale comunale Irpef ai cittadini modenesi e dopo avere bocciato tutte le nostre mozioni per abbassare le tasse, il PD e i suoi alleati a sei mesi dal voto casualmente decidono di abbassare l'Irpef locale. Ovviamente noi del centro destra siamo felicissimi della decisione assunta dalla maggioranza e infatti abbiamo coerentemente votato a favore della delibera. Ovviamente, però, la tempistica di tale riduzione delle tasse qualche sospetto lo fa venire - afferma Bosi -. Per anni la sinistra, ogni volta che l'opposizione chiedeva in Consiglio di ridurre le tasse ai cittadini modenesi, ci rispondeva che non era possibile e che eravamo dei populisti e ora, a sei mesi dal voto, cambia idea. Comunque, come si dice, quello che conta è il risultato, per cui ben venga questa conversione natalizia del PD. E' proprio vero, le vie del Signore sono infinite'.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


Onoranze funebri Gibellini
Politica - Articoli Recenti
Disagi alla Cra Gorrieri, l'assessore Maletti incontra il presidente
'L’assessore ha avuto dal presidente di Domus ampie rassicurazioni sul fatto che le ..
09 Luglio 2024 - 17:18
I minori stranieri non accompagnati sono davvero minori? Il caso in Regione
Pelloni (Rete Civica): 'Occorre istituire un registro regionale per la procedura di ..
09 Luglio 2024 - 17:15
Pd in Regione, al posto della Maletti entra l'ex grillino Rebecchi
Considerata l'indisponibilità, vista la brevità del mandato, di chi l'ha preceduto per ..
09 Luglio 2024 - 12:17
Regionali ER, Forza Italia: non solo Platis, il partito vorrebbe candidare Giacobazzi
Giacobazzi, forte del record di preferenze ottenute alle Comunali a Modena, al di là del ..
09 Luglio 2024 - 11:26
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58