Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
Onoranze funebri Gibellini
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
progettiQuelli di Prima

Via Nonantolana, il Comune ripromette la rigenerazione ferma da 20 anni

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il nuovo comparto da 74 alloggi al posto di vecchia palazzine demolite o da demolire dal civico 221 al 255, previsto già nel 1999. L'Assessore lo rilanciò due anni fa ma nulla si è mosso. Ieri il comune ha adottato il piano urbanistico, ma ci sono ancora degli espropri da fare. E la demolizione annunciata due anni fa non c'è stata


Via Nonantolana, il Comune ripromette la rigenerazione ferma da 20 anni

A Modena la rigenerazione urbana stenta da 20 anni a decollare. In molti casi anche solo a muoversi sulla pista di partenza. Ne è l'ennesimo esempio il progetto per la realizzazione di 74 nuovi alloggi nell'area da quasi 8.000 metri quadrati, già edificata nel dopoguerra e per decenni abitata compresa tra i civici 221 e 255 di via Nonantolana. Un ampio comparto urbano, abbandonato negli anni, demolito in parte, degradato al punto da essere inserito, già nel 1999, in quel piano di riqualificazione urbana della fascia ferroviaria nord, comprendente nove comparti ex industriali (tra cui le ex fonderie e l'ex mercato bestiame), rimasto per buona parte sulla carta e nei rendering. Riproduzione al computer di di una realtà che doveva esserci già da almeno dieci anni, non c'è e chissà quando ci ci sarà.


Dopo anni di silenzi ed immobilismo, come quello che ha riguardato il vicino comparto ex benfra (rimasto anch'esso sulle carte e nei desiderata della riqualificazione mancata), risale esattamente a due anni fa, al 21 luglio 2018 (stesso sindaco e stesso assessore all'urbanistica di oggi nonostante le elezioni dello scorso anno), la giunta comunale approvò una delibera per la demolizione di un vecchio fabbricato e la costruzione di un nuovo palazzo da 29 appartamenti. Nell'ambito di un intervento congiunto Comune/Acer sull'area dove dagli anni 40 esistevano, esistevano tre blocchi di alloggi popolari diventati obsoleti e per buona parte inagibili già della metà degli anni '90.

Al punto che Comune e Acer (l'agenzia ex Iacp che per la provincia gestisce il patrimonio immobiliare pubblico anche dei comuni), ne ordinò la demolizione di due, di quelli a totale proprietà pubblica. In base ad un piano di riqualificazione e rigenerazione urbana rimasto però fermo ad un piano che venne rilanciato nel 2008.

Come tanti altri in città, triste e desolante eredità dei piani della Giunta Barbolini che conobbero uno stop, anche a causa della crisi, nei due mandati del Sindaco Pighi.

Oggi, di quelle tre stecche di alloggi popolari, ne è rimasta una. Inagibile per buona parte, con gli accessi principali e secondari bloccati, ma per una porzione evidentemente ancora abitata. Fabbricato che Comune ed Acer avevano già in programma anni fa di demolire, riprendendo quel piano di riqualificazione abbandonato anni fa. I finanziamenti, 4,7 milioni di euro, vennero stanziati, con tanto di variazione di bilancio, comprendenti anche 600.000 euro per l'esproprio degli inquilini rimasti, ma come al solito non se ne fece nulla.

Fino a ieri, fino alla notizia dell'adozione del Piano Urbanistico Attuativo, relativo allo stesso comparto. 'Al posto dei tre vetusti fabbricati di Edilizia residenziale pubblica ai civici 221-255, sorgerà un comparto con 74 alloggi Erp ed Ers in due moderne palazzine e al centro sarà allestito uno spazio destinato a verde pertinenziale, dotato di percorsi ciclopedonali che consentiranno di ricucire le aree tra via Nonantolana, il parco XXII Aprile e la scuola Collodi' - annuncia lo stesso Assessore Vandelli riannunciando la demolizione già annunciata due anni fa.

Un passaggio tecnico che avrà bisogno di ritornare in Consiglio comunale per l’approvazione definitiva, insieme alle controdeduzioni alle eventuali osservazioni formulate.

L’intervento, del valore complessivo di 14 milioni di euro, sarà diviso in due stralci. Nel primo, pari a 5 milioni di euro (che riprende quello lanciato due anni fa), è prevista la realizzazione della prima palazzina, con 26 alloggi Erp, e delle dotazioni urbanistiche interne al comparto, nella zona già liberata dopo la demolizione dei primi due fabbricati esistenti. L’intervento sarà finanziato con risorse comunali che provengono dal reinvestimento obbligatorio delle entrate derivanti dalla gestione degli alloggi Erp comunali. Le attività di progettazione, aggiudicazione appalto, affidamento e direzione lavori sono state affidate ad Acer Modena tramite apposita convenzione e il cantiere verrà appaltato entro l’anno. Una volta realizzata la palazzina, sarà sempre Acer a gestire gli alloggi Erp, che entreranno a far parte del patrimonio comunale indisponibile.

Nel secondo stralcio, del valore di 9 milioni di euro, oltre all’acquisizione dei tre alloggi privati da espropriare, è prevista la realizzazione della seconda palazzina, che ospiterà 48 alloggi di Ers, di servizi integrativi all’abitare (spazi comuni di aggregazione sociale aperti ai residenti del comparto ma anche a residenti del Quartiere), delle dotazioni urbanistiche fuori dal comparto, della progettazione del modello di gestione sociale e della sua condivisione.

Ma qui la situazione è ancora più in alto mare. L’intervento è vincolato a non meglio specificati finanziamenti regionali ai quali accedere attraverso canidatura. Senza considerare che ad oggi per il secondo edificio, non esiste nemmeno il progetto esecutivo, anch'esso soggetto soggetto alla possibilità dell’Amministrazione comunale di avvalersi dei contributi che scaturiranno da un concorso di architettura per rendere tale intervento un modello di riferimento futuro per questa tipologia edilizia. Che visti i precedenti dei concorsi di idee e di progettazione in questa città significa riparlarne (solo riparlarne), tra almeno 5 anni.

Gianni Galeotti



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
Email
 

Articoli Correlati
Il nuovo Iper Esselunga aiuterà anche gli altri negozi, Coop compresa
Politica
19 Febbraio 2019 - 08:30- Visite:54445
Degrado zona Nonantolana Modena, drammatica lettera a sindaco e ..
Politica
07 Ottobre 2021 - 21:32- Visite:3561
Direzionale Manfredini, emergenza gestita, ma il futuro rimane incerto
Politica
10 Ottobre 2019 - 17:10- Visite:1728
Rigenerazione urbana, per chi ricostruisce oneri giù fino all'80%
Pressa Tube
30 Settembre 2019 - 03:54- Visite:1425
L’Assessore Filippi sfila con la stella nera e Muzzarelli se la ride
Politica
18 Giugno 2018 - 00:36- Visite:1414
Rigenerazione Urbana, Ovest Lab vince il bando Culturabilty
Che Cultura
01 Ottobre 2018 - 19:50- Visite:1330

Quelli di Prima - Articoli Recenti
... E ci passavi così tanto tempo ..
Per poi ritornare...
03 Gennaio 2014 - 23:39- Visite:12407
Libera, le consulenze di Enza Rando
L’avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36- Visite:16800
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25- Visite:14179
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi «perfettamente integrati» E la Camorra ora «è più presente»
02 Gennaio 2014 - 13:54- Visite:13283
Quelli di Prima - Articoli più letti
AeC, la moglie di Muzzarelli nel ..
L’azienda, coinvolta nell’inchiesta ‘Cubetto’, finanziò la campagna elettorale del ..
01 Gennaio 2014 - 20:45- Visite:22091
Libera, le consulenze di Enza Rando
L’avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36- Visite:16800
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25- Visite:14179
Brindiamo tutti con Casari
Che non manchino mai sorrisi e vittoria
01 Gennaio 2014 - 20:06- Visite:13390