Acof onoranze funebri
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
articoliPolitica

Per il 2017 il comune paga ai nomadi la benzina per portare i figli a scuola

La Pressa
Logo LaPressa.it

La giunta Muzzarelli conferma il contributo spese: fino a 3,60 euro a viaggio per le scuole elementari e medie


Per il 2017 il comune paga ai nomadi la benzina per portare i figli a scuola

La giunta Muzzarelli, così come fece quella guidata da Giorgio Pighi, garantirà per tutto il 2017 alle famiglie nomadi che porteranno a scuola i loro figli con mezzi propri un contributo di €. 1,60 per i servizi educativi 0-6, per ogni giorno di effettiva frequenza, e € 3,60 per le scuole primarie e secondarie di primo grado, in ragione della maggiore distanza dagli insediamenti (campi nomadi).
Lo stabilisce un determina del Comune di Modena, esecutiva dal 1 marzo scorso. Il presupposto è quello che già aveva motivato la giunta Pighi, nel 2009, ad introdurre questo contributo: l'integrazione scolastica dei minori nomadi. Che, in soldoni, si traduce in questo: visto che la scuola è oggettivamente uno dei maggiori veicoli e strumenti di integrazione, e visto che è molto difficile, se non in molti casi impossibile, convincere le famiglie nomadi a mandare i loro figli a scuola, allora motiviamoli pagando loro la benzina per portarli.

Con un contributo che viene riconosciuto (anche se non esplicitato così chiaramente), proprio in virtù dell'essere famiglie nomadi, ovvero di appartenere ad una comunità di famiglie dove si registrano oggettivi problemi di integrazione dei minori, che proprio nell'interesse dei minori, bisogna evitare. Evitando, appunto, l'abbandono scolastico. E per farlo, incentivando le famiglie con un contributo economico a portarli a scuola, con mezzi propri. Per il 2017, sono 5.000 gli euro stanziati dal Comune a questo scopo.

Ed è qui che, al di la delle cifre, il principio di fondo, seppur formalmente legato all'interesse dei minori (sul quale nessuno discute), stride. Per due motivi: il primo riguarda il fatto che si tratta di un contributo (per pagare appunto il trasporto dei bimbi a scuola con auto propria), che non viene riconosciuto, a quanto ci risulta anche dagli specifici bandi per famiglie indigenti, a nessun altro cittadino o nucleo famigliare residente, non nomade, pur in possesso dei requisiti Isee e famigliari che ne definiscono uno stato di indigenza e che consentono di accedere a contributi ed agevolazioni. In pratica, a nessuna famiglia nemmeno in condizione di povertà o in difficoltà viene oggi pagata la benzina per portare i figli a scuola (perché di questo si tratta). In secondo luogo, il principio stride perché avvalla (riconoscendolo pur indirettamente), un comportamento (quello che tende a non fare frequentare la scuola o non farla frequentare regolarmante ai figli), che già di per sé costituisce reato perseguibile, che già di per sé costituisce (o dovrebbe costituire sulla base del patto stabilito dal Comune con le famiglie nomadi) una delle condizioni di base da rispettare per avere il diritto di vivere in un'area nomadi; una prassi, quella di non mandare i figli a scuola, che in quanto perseguibile dall'autorità, dovrebbe essere combattuta a prescindere, con gli strumenti di legge, e non attraverso la concessione di contributi economici pubblici per motivare i genitori a non commetterlo. 

Una prassi che parte da lontano

Una prassi, quella di pagare di fatto la benzina ai nomadi che portano a scuola i loro figli, che prosegue dal 2009, quando il Comune stabilì di assegnare un contributo assistenziale alle famiglie residenti nei campi nomadi collocati nel territorio comunale a condizione di provvedere direttamente al trasporto a scuola dei propri figli. Ai tempi venne stabilito che il contributo per ogni giorno di effettiva frequenza, fosse €. 2,40 per i servizi educativi 0-6 anni, per le scuole primarie e secondarie di primo grado e €. 5,20, in ragione della maggiore distanza degli insediamenti, per i frequentanti le secondarie di secondo grado. Ovvero, più il campo nomadi dove vivono le famiglie nomadi è lontano dalla scuola di riferimento e più il contributo per la copertura delle spese per il trasporto privato aumenta.
Nel 2012 la nuova giunta comunale (quella guidata da Muzzarelli che successe a quella di Pighi), decise di mantenere il contributo ma di rideterminarne (riducendoli) gli importi del 30% a seguito delle sempre minori risorse disponibili nel bilancio comunale; il contributo per il trasporto scolastico alle famiglie degli alunni nomadi è così stato abbassato a €. 1,60 per i servizi educativi 0-6, per ogni giorno di effettiva frequenza e € 3,60 per le scuole primarie e secondarie di primo grado, in ragione della maggiore distanza dagli insediamenti. Che nulla cambia in termini di principio.

Gianni Galeotti




Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 

Acof onoranze funebri

Politica - Articoli Recenti
Zuppi: 'Guerra è follia, serve ..
'Ripudiare è qualcosa di più di non usare: nel ripudiare c'è proprio la scelta che non è..
28 Settembre 2022 - 17:12
Santori e la cannabis: 'Alla fine non..
'Evidentemente, nonostante tutto il clamore, e tutte le minacciate querele di Salvini e ..
28 Settembre 2022 - 17:06
M5S, se l'andamento dei voti coincide..
Un po’ come gli 80 euro di Renzi che portarono il PD al 40%; o come il milione di posti di..
28 Settembre 2022 - 13:42
Corti (Lega): 'Il mio impegno per la ..
'Sono onorato di aver potuto rappresentare la Lega come capolista in questa campagna ..
28 Settembre 2022 - 08:55
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58