Studio Aurora - Cerca la casa dei tuoi sogni
Italpizza
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Studio Aurora - Cerca la casa dei tuoi sogni
articoliPolitica

Polo Sant'Agostino, nuova forma al nulla

La Pressa
Logo LaPressa.it

A 4 anni dall'approvazione delle linee guida per il progetto culturale, annunciata in commissione consiliare la nascita di una nuova fondazione che gestirà il Polo Culturale. Da 15 anni solo sulla carta


Polo Sant'Agostino, nuova forma al nulla
Sarà una fondazione di partecipazione, con Comune di Modena, Unimore e Fondazione di Modena come soci fondatori, il soggetto che gestirà attività e servizi culturali, di accoglienza, didattica e formazione previsti nel complesso dell'ex Sant'Agostino in corso di riqualificazione, nell'ambito del più ampio progetto del polo culturale che comprende anche il Palazzo dei Musei, l'ex Ospedale Estense e largo Sant'Agostino.
La denominazione completa sarà 'Fondazione Ago-Modena Fabbriche culturali', iscritta al registro degli Enti del Terzo settore. Avviato il percorso per l'approvazione, nelle prossime settimane in Consiglio comunale, dello statuto, insieme alle 'Linee guida per il progetto culturale' che rappresenta l'aggiornamento del documento approvato dal Consiglio nel 2018'.

Sul polo culturale S.Agostino di cui si discute da almeno 20 anni, Modena è ancora ferma a muri in ristrutturazione, a spazi di straordinaria ampiezza e potenzialità ancora negati alla città, e alle carte bollate di chi dovrà domani gestirlo.

Ieri un altro passaggio formale e amministrativo in sala consigliare in Comune a Modena, in una commissione Servizi, alla quale hanno partecipato il sindaco Gian Carlo Muzzarelli, il rettore Carlo Adolfo Porro e il presidente di Fondazione di Modena Paolo Cavicchioli, insieme all'assessore alla Cultura Andrea Bortolamasi, alla dirigente comunale Giulia Severi, al prorettore Gianluca Marchi, al direttore generale di Unimore Stefano Ronchetti, al direttore del Polo museale dell'Università Emiro Endrighi, al direttore generale di Fondazione di Modena Luigi Benedetti.

Solo parole, nessun atto. Solo l'annuncio ai consiglieri comunali presenti del nome che verrà dato alla Fondazione ancora oggi allo stato embrionale e del passaggio in consiglio per lo Statuto che ancora non c'è. Dopo anni di presentazioni più o meno scenografiche di loghi, corposi cataloghi di immagini, proposte di progetti, rendering futuristici, siamo ancora qui.

A ragionare di forme e contenitori gestionali ma non di merito concreto di progetti culturali. Di cui a questo punto è facile intuire non ci sarà traccia concreta e palpabile anche al termine del secondo mandato Muzzarelli. Questa è anche la sensazione che sembra avere pervaso ieri anche l'atmosfera in commissione consigliare. Inserita in un momento in cui gli argomenti caldi del consiglio, e gli impegni per i consiglieri, sono altri e pregnanti: dal bilancio al PUG. In confronto ai quali l'annuncio pomeridiano di un futuro statuto di una nuova Fondazione ancora non totalmente definita anche nel nome, appaiono al limite del surreale. Esposizione fredda di involute e ripetitive dichiarazioni di intenti: 'In Ago - è stato riaffermato - verranno assorbite attività e risorse di Fmav, la Fondazione Modena Arti visive di cui sono soci Comune e Fondazione di Modena: sede e sale espositive verranno ricollocate nel complesso di Sant'Agostino liberando gli spazi attualmente occupati nel palazzo Santa Margherita da destinare all'ampliamento della biblioteca Delfini. Le collezioni d'arte contemporanea 'avranno maggiore respiro e visibilità' e 'verrà valorizzato il Museo della Figurina con un nuovo allestimento. Rimarrà anche la disponibilità della Palazzina del Vigarani ai Giardini Ducali'. 

Da qui la parte più tecnica, relativa al contenitore gestionale. Che nulla ci sarebbe di strano anche a parlarne se non fossero passati più di dieci anni da quando si è iniziato a parlarne. Talmente accattivanti e coinvolgenti da non potere fare altro che proporli così come sono stati riportati e diffusi dallo stesso Comune.

La Fondazione
Lo statuto della “Fondazione Ago – Modena Fabbriche culturali Ente del Terzo settore” prevede una governance che si sviluppa sulla base di tre organismi (il Consiglio d’indirizzo, il Consiglio di amministrazione e il Comitato scientifico) nei quali le istituzioni promotrici esprimono le proprie competenze specifiche.
Il Comune, per esempio, grazie all’attività in materia di programmazione culturale, può contribuire ad armonizzare le iniziative di Ago con le strategie territoriali nell’ambito del Consiglio d’indirizzo. L’organismo è composto da cinque membri designati uno a testa da Comune, Università e Fondazione, mentre due sono nominati dai primi tre. Il presidente ha funzioni di rappresentanza istituzionale.
L’Università apporta le sue specifiche competenze grazie al ruolo guida ricoperto nel Comitato scientifico, dove tre dei cinque membri vengono designati da Unimore (uno dal Comune e uno dalla Fondazione).
Fondazione di Modena, che ha in Ago un proprio ente strumentale e di conseguenza controlla l’organo amministrativo, può garantire nel Consiglio di amministrazione l’adeguata efficienza gestionale e, appunto, amministrativa: tre membri su cinque, infatti, sono nominati dalla Fondazione (uno designato dal Comune, l’altro da Unimore) e uno di questi ricopre l’incarico di presidente esecutivo.

La struttura della nuova Fondazione si completa con l’Organo di controllo, nominato dal Consiglio d’indirizzo (monocratico oppure con tre membri, uno dei quali con ruolo di presidente), e con il Comitato di Garanzia composto da prefetto, presidente del Tribunale e un terzo membro nominato congiuntamente dai primi due.

Gli incarichi possono essere remunerati nella misura indicata dal Consiglio d’indirizzo e nei limiti di ciò che prevede il Codice del Terzo settore. Il fondo di dotazione iniziale dell’ente sarà costituito dal valore d’uso dell’ex ospedale Sant’Agostino di proprietà di Fondazione di Modena, mentre il Comune non conferirà direttamente al fondo dotazione di beni e risorse proprie.
Le attività e le risorse di Fmav vengono assorbite dal nuovo ente, senza soluzione di continuità, e il Comune continuerà a contribuire alle spese nella misura attualmente concordata. Tutte le altre spese di esercizio, di gestione e di produzione culturale di Ago sono a carico di Fondazione di Modena, con la possibilità, comunque, di ottenere contributi pubblici e privati, anche partecipando a bandi nazionali ed europei.
Accanto ai tre soci fondatori, lo statuto di Ago prevede la possibilità di apporti di idee e risorse di ulteriori soggetti, pubblici o privati, stabilmente o temporaneamente. Si individuano così le figure dei “partecipanti istituzionali” e dei “partecipanti” che, nominati dal Consiglio di amministrazione, potranno destinare i loro contributi anche a progetti specifici della nuova Fondazione'.


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 

Italpizza

Politica - Articoli Recenti
'Garantire l'apertura dei punti ..
Carte alla mano, i comitati Salviamo l'ospedale di Pavullo e Salviamo l'ospedale dalla Bassa..
25 Novembre 2022 - 19:45
Bonaccini su M5S e Terzo Polo: 'Fanno..
'Mi piacerebbe ci fosse un concerto un po' più avanzato da parte delle tre opposizioni per ..
25 Novembre 2022 - 18:34
Insultò Laura Boldrini: condannato ..
'Il mio avvocato ieri sera mi ha telefonato dicendomi che un 43enne è stato condannato per ..
24 Novembre 2022 - 17:54
Soumahoro si è autosospeso dal ..
'Rispettiamo questa scelta che, seppur non dovuta, mostra il massimo rispetto che Aboubakar ..
24 Novembre 2022 - 16:53
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58