La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
articoliPolitica

Progetto Periferie, l'incognita dei privati e l'addio a una visione

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il Piano di riqualificazione finanziato con i soldi del Ministero considera solo uno dei 9 comparti della fascia ferroviaria che attendono da 18 anni di essere riqualificati. Altri 6 rimangono abbandonati ed isolati


  • Progetto Periferie, l'incognita dei privati e l'addio a una visione
  • Progetto Periferie, l'incognita dei privati e l'addio a una visione
  • Progetto Periferie, l'incognita dei privati e l'addio a una visione
  • Progetto Periferie, l'incognita dei privati e l'addio a una visione
  • Progetto Periferie, l'incognita dei privati e l'addio a una visione
  • Progetto Periferie, l'incognita dei privati e l'addio a una visione
  • Progetto Periferie, l'incognita dei privati e l'addio a una visione
  • Progetto Periferie, l'incognita dei privati e l'addio a una visione
  • Progetto Periferie, l'incognita dei privati e l'addio a una visione
  • Progetto Periferie, l'incognita dei privati e l'addio a una visione
  • Progetto Periferie, l'incognita dei privati e l'addio a una visione

Posto che venga realizzato, anche solo a metà, ovvero nella sua parte pubblica (perché sulla possibilità che gli interventi pubblici fungano da volano per investimenti ed investitori privati che in 15 anni sono falliti o scappati, non c'è nessuna garanzia), il Progetto periferie per la riqualificazione dell'area dell'ex mercato bestiame, con la sua funzione di ricucitura tra i quartieri Sacca e Crocetta (sull'asse est-ovest) e con la stazione ferroviaria (sull'asse nord sud), è destinato, pur nella sua portata, a ridare vita solo ad uno dei 9 tasselli del fallito Piano di riqualificazione della fascia ferroviaria lanciato nel 1999 dall'allora giunta Barbolini e dall'Assessore all'urbanistica Palma Costi (attuale assessore regionale alle attività produttive). Fallito perché di quei 9 comparti urbani ex industriali, dismessi e oggetto di quello che doveva essere un epocale piano di riqualificazione (rimasto sulla carta), solo 2 sono stati riqualificati. Solo due. O meglio uno (l'Ex Vinacce) e due mezzi (ex Corni ed ex acciaierie). Tutti gli altri (Stazione FS, ex mercato bestiame, ex fonderie, consorzio agrario ed ex Benfra e collegamenti viari compresi), rappresentano a tutt'oggi aree abbandonate, degradate e scollegate. Da 18 anni. Con tutte le conseguenze sul fronte dei costi sociali, economici e delle sicurezza pubblica.

A confermarlo è la stessa raffigurazione grafica dei comparti della fascia ferroviaria (nove, appunto, per una superficie pari a 100 campi da calcio), inserita nella presentazione del Progetto periferie realizzata dal comune e discussa in consiglio.  Nella mappa del Comune (foto) abbiamo solo aggiunto un segno rosso per evidenziare i comparti della fascia ferroviaria nord che dopo 18 anni non sono ancora stati riqualificati. Quasi tutti. Comparti rimasti per l'80% al palo, fermi, da 20 anni. E chissà ancora per quanti. Perché il progetto periferie si limita a citarli, come elementi della fascia ferroviaria, me non li contempla, nemmeno in termini di progetto e di collegamento, anche solo funzionale, se non fisico.

Con questo, non si vuole sminuire né la portata dell'attuale sfida politica lanciata dalla giunta Muzzarelli (perché provare a rimettere in moto un piano di riqualificazione di tale portata, fermo da 18 anni, lo è una sfida), né il lavoro degli uffici tecnici comunali (che hanno lavorato per mesi per rimuovere la polvere dai progetti e dagli obiettivi di riqualificazione degli anni 2000 rimasti sulla carta, ed integrarli con una realtà profondamente cambiata negli ultimi 20 anni), ma solo inquadrare il progetto  nella sua giusta dimensione. Perché non è detto che aprire nuovamente il collegamento (perché fino agli anni '80 attraverso il mercato bestiame erano collegate) tra la crocetta / Viale Gramsci e il comparto ex Ina casa della Sacca, sia sinonimo di riqualificazione urbana, sociale  ed economica. Perché non è detto che i pur importanti 18 milioni di finanziamento statale e i 7 milioni stanziati dal Comune riescano a smuovere gli altri 34 prevalentemente privati mancanti rispetto all'obiettivo di 59 milioni di investimenti previsti dal comune. Perché lì, in quell'area dove sorgeva il mercato bestiame ed il macello pubblico, i privati proprietari di aree abbandonate sono ancora la maggioranza e si sono dati alla fuga. E, vorremmo sbagliarci, ma non è con un Data Center (da definire anche nel rapporto e nell'equilibrio con quello dell'Università), o con una non meglio definita scuola innovativa o con un pugno di appartamenti in housing sociale che si può sperare di invertire radicalmente la tendenza e di fare tornare investitori nei luoghi dai quali questi sono fuggiti, anche in tempi migliori di questi. Anche il pompaggio di denaro pubblico nella riqualificazione dell'R-nord, che non è mai stata abbandonata, non è riuscito a fare tornare investitori privati oltre alla Coop.

E che dispiaccia o meno, oggi le aree private abbandonate nell'area dell'ex mercato bestiame, costituiscono la maggior parte delle superfici da riqualificare. E, bisogna dirlo, nel progetto non c'è traccia, nemmeno in linea di indirizzo, di strumenti e metodi innovativi per potere rimettere in moto investimenti privati. Vorremmo tanto sbagliarci, ma è così. Il nodo è quello. Che è poi quello che negli anni ha fatto fallire tutti i progetti, partecipati o meno, che avrebbero dovuto riqualificare le ex fonderie, l'ex Benfra, il nodo della stazione ferroviaria (che dopo l'apertura dell'ancora incompiuto e chiuso scalo merci di Marzaglia doveva ospitare la stazione delle autocorriere) così come l'ex consorzio agrario (con la nota vicenda Esselunga) e così come i 14.000 metri di discarica a cielo aperto (che oggi, stando ai programmi del '99 avrebbe dovuto essere un parco urbano con alcune residenze), della fondazione Pro-latte. Condizioni che purtroppo ci sono ancora tutte. 

Anzi, su questi punti, e su queste aree, il passo anziché in avanti sembra essere stato all'indietro. Perché nel progetto periferie queste 6 grandi aree ancora da riqualificare, che andrebbero osservate e considerate nel loro essere parte di un insieme (quello della fascia ferroviaria nord), di fatto vengono solo citate, ma non collegate in nessuna prospettiva. Anzi, queste rimangono isolate e scucite dal resto, oltre che degradate. Non inserite in un nessuna piano di sviluppo, né singolarmente, né di insieme. Segno che forse anche l'amministrazione ha smesso di considerare per loro, a differenza di quanto pur in modo fallimentare fece 18 anni fa, una destinazione ed un futuro possibile. Almeno in questo mandato.

Gianni Galeotti

 


Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
Viale Gramsci, bando deserto per le nuove attività
Politica
11 Ottobre 2017 - 18:35- Visite:11535
Bando periferie, ira di Muzzarelli contro il Pd che ha votato come M5s
Politica
08 Agosto 2018 - 19:10- Visite:2393
Fascia ferroviaria: oggi come nel '99
Senza Memoria
08 Maggio 2017 - 20:47- Visite:1153
Quando la città era già cucita
Senza Memoria
17 Maggio 2017 - 00:33- Visite:1087
Bando periferie, lo stop ai finanziamenti non tocca Modena
Politica
06 Settembre 2018 - 23:30- Visite:989
Politica - Articoli Recenti
Cisl di Modena: 'Fare una legge per ..
'Ma se una legge non stabilisce l’obbligo di vaccinarsi, allora nessun datore di lavoro ..
15 Gennaio 2021 - 16:57- Visite:702
'Non capisco ma mi adeguo: scuole ..
Conferenza stampa lampo del Presidente della Regione dopo la sentenza del Tar che boccia il ..
15 Gennaio 2021 - 15:40- Visite:1426
Modena, la palestra GimFive ha ..
Giunta la polizia per i controlli, al momento non sono state verbalizzate sanzioni ai ..
15 Gennaio 2021 - 12:43- Visite:2664
Scuole chiuse, il Tar boccia ..
I giudici del Tar emiliano-romagnolo hanno accolto il ricorso presentato da 21 genitori e ..
15 Gennaio 2021 - 12:04- Visite:5474

CafItalia

Politica - Articoli più letti


'Vaccini, ecco il rapporto tra la ..
Esposto del Codacons all'Autorità nazionale anticorruzione
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:151113
Segretario Pd: ‘Votare Lega ..
Gianluca Fanti, segretario Pd Madonnina si lancia in ardite affermazioni
04 Agosto 2018 - 11:35- Visite:105229
'Commissione Bibbiano, M5S inizia ..
Il capogruppo di Forza Italia in Regione Andrea Galli critica la richiesta di soggetti da ..
07 Agosto 2019 - 14:23- Visite:77393
Autostrade, la concessione resta: la ..
La neo ministro De Micheli, è stata una delle principali animatrici del laboratorio di ..
08 Settembre 2019 - 11:50- Visite:72280