La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
articoliPolitica

Regione rossa solo al centro, montagne e periferie al centro-destra, Tomei: 'Qualcosa abbiamo sbagliato'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il presidente della Provincia e sindaco di Polinago affida a Facebook l'analisi del voto. 'Come fa un comune montano da 1000 abitanti a non avere un medico di base?'


Regione rossa solo al centro, montagne e periferie al centro-destra, Tomei: 'Qualcosa abbiamo sbagliato'
Passata la sbornia della festa in piazza Grande per la vittoria di Bonaccini (netta, con un distacco di 8 punti nei voti del Presidente, molto meno, tre punti, nel confronto tra le coalizioni di centrodestra e centro sinistra), sono già iniziate le riflessioni all'interno del centro-sinistra e del PD soprattutto. Anche negli staff di diversi candidati PD si esplicita la consapevolezza che con un candidato appena un pò più conosciuto e radicato della Borgonzoni, unito ad una campagna più soft (per esempio senza scampanellate del leader leghista), con questi dati Bonaccini poteva essere battuto. Ma con i se forse di fa la politica da salotto, ma non la storia.

Del resto era stato lo stesso Bonaccini, martedì sera, in Piazza Grande, a margine dell'intervento, ad invitare i suoi a guardare bene i dati delle vittoria. Più quelli che si celano che quelli evidenti della vittoria. Che si, è stata netta, per lui, ma che mostra (o nasconde, dipende dai punti di vista), ben più di una avanzata del centro-destra a traino leghista. Un consolidamento nella diffusione delle amministrazioni che negli ultimi 5 anni hanno cambiato colore. Circondando, di fatto, i baluardi rossi, quelli fatti dai comuni non più PD, che tengono nella fascia centrale delle province (escluse quelle di Parma e Piacenza e Ferrara dove il centro destra è diventato dominante se non totalizzante), da Reggio Emilia al mare, ma spariscono nelle fasce nord e sud delle province. Alla base ci sarebbe il segnale che gli elettori hanno voluto dare, già dalle scorse amministrative così come alle ultime regionali, al governo Bonaccini, 'colpevole' da un lato di avere tolto servizi periferici (soprattutto in campo sanitario), e dall'altro di non averne garantiti di nuovi e più moderni (soprattutto sul piano delle infrastrutture). Con le promesse ferme a 30 anni fa.

Elemento che non poteva non entrare in una riflessione oggettiva, a mente fredda, sul voto. Quella che il presidente della provincia di Modena Giandomenico Tomei, uomo PD, di centro, sindaco di Polinago, comune montano da 1000 abitanti, affida alla sua pagina Facebook. 'In questi 5 anni la nostra montagna ha visto realizzare molte cose, dalla Casa della Salute e il Palaghiaccio (Fanano), al nuovo liceo sportivo (Pievepelago), ai 10 milioni per il comprensorio sciistico del Cimone eppure il centro sinistra, il Partito Democratico, ha perso. Cosa non ha funzionato?' - si chiede il presidente della provincia.

E le ragioni per spiegare cosa non va, abbondano. Partendo dai servizi essenziali, di base. Come il medico (di base, appunto), che in una realtà da oltre 1000 abitanti, manca. Si, manca, non solo ci sono strade adeguate, e molte di quelle che ci sono franano, obbligando a calvari automobilistici solo per raggiungere il primo ospedale degnodi questo nome, ma manca la base, l'essenziale. Anche il medico di base, appunto. Tomei, uomo di centro, calmo di carattere, riflessivo, e con un istinto innato alla mediazione e alla moderazione, premette sempre (colpo al cerchio), cosa va, cosa non si può mettere in discussione, al cosa non va (colpo alla botte): 'Non dico che siano state fatte scelte sbagliate, va però riconosciuto che non sono state risolutive, che chi vive in appennino ha fatto prevalere un voto di dissenso'. Si noti, ammettere che il voto anziché al PD sia stato dato alla Lega pare essere impresa ardua. 'Ha prevalso il dissenso' - chiude Tomei

Che fare quindi? Tomei chiede, si chiede, e risponde così: 'Bisogna mettersi in ascolto dei territori e rivedere la strategia per la montagna, bisogna capire quali siano le reali esigenze di questo territorio e adottare misure concrete, dalle infrastrutture, alla fiscalità differenziata, ai servizi alla persona'. Di fatto il programma elettorale di Bonaccini del 2013, rimasto un pochino fermo, evidentemente. Ma anche qui, colpo al cerchio, e colpo alla botte.


'Non sempre vi sono cause 'politiche' ai problemi di chi vive in montagna' - afferma Tomei - ma la politica può e deve trovare soluzioni. Il PD, dove governa, spesso 'ci riesce'... ma per farlo occorre l'impegno di tutti. Il mio ve lo garantisco, senza riserve, e sono pronto fin da oggi ad incontrare la nuova giunta per programmare insieme azioni concrete'

Gi.Ga.

Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
Modena zona rossa, Bonaccini frena: 'Modifichiamo insieme la bozza'
Societa'
07 Marzo 2020 - 22:44- Visite:11988
Vigili provinciali a caccia di nutrie, la Provincia querela animalisti
Societa'
18 Giugno 2019 - 21:56- Visite:3767
Modena, presidente della Provincia: 'Italiani non meritano Salvini'
Politica
16 Agosto 2019 - 08:35- Visite:3135
Presidente della Provincia, Muzzarelli punisce Braglia e sceglie Tomei
La Provincia
24 Settembre 2018 - 21:04- Visite:2584
Provincia, caos Pd: i cattolici mollano Braglia, presidente sarà ..
Politica
05 Ottobre 2018 - 22:25- Visite:2266
Elezioni provinciali: Braglia accetta Tomei, lo sfidante è Palazzi
La Provincia
11 Ottobre 2018 - 10:48- Visite:1834
Politica - Articoli Recenti
Benedetta Fiorini lascia Forza Italia..
La deputata eletta a Modena nelle fila del partito di Berlusconi, lascia il partito per ..
05 Agosto 2020 - 19:39- Visite:2729
Giornalino del Comune: rinnovo (con ..
Nel biennio precedente lo stesso tris di imprese si aggiudicò l'affidamento dello stesso ..
05 Agosto 2020 - 14:04- Visite:244
Chiosco Parco Ferrari, concessione a ..
Siamo risaliti alla cifra esatta pagata da Uisp e Caleidos al Comune di Modena: appena 4.800..
05 Agosto 2020 - 12:06- Visite:778
Regione, 176 dirigenti costano 15,5 ..
Partita in queste ore la valutazione per i premi di risultato. Nell'ultimo anno pari a 1,7 ..
05 Agosto 2020 - 10:26- Visite:353


Politica - Articoli più letti


'Vaccini, ecco il rapporto tra la ..
Esposto del Codacons all'Autorità nazionale anticorruzione
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:142982
Segretario Pd: ‘Votare Lega ..
Gianluca Fanti, segretario Pd Madonnina si lancia in ardite affermazioni
04 Agosto 2018 - 11:35- Visite:102422
'Commissione Bibbiano, M5S inizia ..
Il capogruppo di Forza Italia in Regione Andrea Galli critica la richiesta di soggetti da ..
07 Agosto 2019 - 14:23- Visite:76014
Autostrade, la concessione resta: la ..
La neo ministro De Micheli, è stata una delle principali animatrici del laboratorio di ..
08 Settembre 2019 - 11:50- Visite:70779