La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
articoliPolitica

'Rifiuti, Modena faccia come Carpi e smetta di bruciare'

La Pressa
Logo LaPressa.it

La classifica dei comuni virtuosi per produzione raccolta e smaltimento premia i comuni gestiti da Aimag e boccia Modena ed Hera. L'appello di Rete rifiuti zero


'Rifiuti, Modena faccia come Carpi e smetta di bruciare'
Carpi, San Felice, Camposanto, Novi di Modena, Concordia sulla Secchia, San Possidonio, Cavezzo, Soliera e Medolla. Sono i 9 comuni della provincia di Modena, dove attraverso la raccolta dei rifiuti gestita da Aimag, con il sistema del Porta a Porta e della Tariffa puntuale, sono stati raggiunti livelli superiori all'80% di raccolta differenziata (con punte di superamento del 90% a San Felice e Camposanto), e livelli estremamente ridotti di rifiuti indifferenziati prodotti per abitante residente. Ovvero ampiamente sotto la soglia dei 100 kg annui per abitante. Che è l'obiettivo fissato per il 2020 dalla legge regionale 16/2015 sull'economia circolare che sul fronte dei rifiuti poggia su tre gambe: la diminuzione della produzione di rifiuti indifferenziati, l'aumento della raccolta differenziata, ed il riciclo.

Obiettivi e valori che a Modena, la città capoluogo che vanta uno dei più grandi inceneritori d'Italia,  (che nel solo 2018 ha bruciato 211.000 tonnellate di rifiuti, di cui 61.000 speciali, trasportati da tutta Italia con centinaia di camion container e compattatori ogni giorno), sono ben lontani dall'essere raggiunti. Perché sotto la Ghirlandina, dove anche la plastica anziché essere riciclata viene per lo più recuperata energicamente attraverso l'incenerimento, la produzione di rifiuti generale, e al netto della raccolta differenziata, rimane altissima. Ovvero, con una raccolta differenziata che ha di poco superato il 50%, dei 609 kg di rifiuti prodotti procapite, 337 vengono differenziati. Rimangono 272 kg procapite di rifiuti indifferenziati, che vengono smaltiti nell'inceneritore. Un valore maggiore di sette volte a quello di San Felice sul Panaro (dove il totale di rifiuti prodotti da ogni residente è al netto della raccolta differenziata , di 45 kg all'anno), e di quasi cinque volte quello delle virtuosa (nel campo della raccolta dei rifiuti), Carpi. Un valore, quello di Modena, alto, troppo alto, che salvo un radicale cambio di rotta (che forse sarebbe stato utile fare anni fa), non consente, ad oggi, sicuramente nel breve, e probabilmente nel medio periodo, di raggiungere l'obiettivo di scendere al di sotto dei 100 kg di rifiuti indifferenziati prodotti entro il 2020. 




Da qui La Rete Rifiuti Zero dell'Emilia Romagna - capitanata a Modena da Sandra Poppi d WWF (video) -  lancia un appello elettorale, tra la proposta e la provocazione, all'attuale, ma soprattutto al futuro, sindaco di Modena. Sul fronte delle politiche di raccolta e smaltimento dei rifiuti, chiedendo di fare anche per il capoluogo ciò che hanno già fatto dieci comuni della provincia di Modena, compreso Carpi gestiti, da Aimag, e Nonantola, (dove la raccolta è gestita da Geovest), dove i risultati, sono strabilianti. 'Qui, a Modena, però non c'è mai stata la volontà politica di andare nella stessa direzione' - afferma Sandra Poppi. Del resto, tali risultati, se ottenuti a Modena, porterebbero paradossalmente a vanificare di fatto l'utilità ed il senso dell'inceneritore stesso, almeno rispetto alla portata e alla potenza con la quale è stato dimensionato ed autorizzato. Sarebbe come una Ferrari dalla grande potenza che non potrebbe funzionare perché senza benzina. Forse anche per questo a Modena (al 192esimo posto nella classifica regionale), la raccolta differenziata non ha mai raggiunto dei livelli importanti come in  tanti altri comuni dell'Emilia-Romagna e della stessa provincia di Modena. Lasciando sul tappeto e abbandonando anche diversi progetti avviati di raccolta porta a porta. A Modena, si sa,  la raccolta dei rifiuti è gestita da Hera. L'aumento della raccolta differenziata, e quindi il calo dei rifiuti indifferenziati, avrebbe dovuto fare diminuire di molto la quantità di rifiuti conferiti all'inceneritore. Cosa che non  è successa. In parte per il mancato riciclo della quota differenziata di plastica, e per il resto dalla compensazione data dall'arrivo all'inceneritore di Modena di rifiuti indifferenziati da altre province, e dall'arrivo di rifiuti speciali (provenienti da aziende ed industrie), da atre parti d'Italia. In continuo aumento, al punto da avere superato, nel 2018, le 60.000 tonnellate, 10.000 in più di quelle autorizzate. 'Quest'ultimo aspetto - afferma Sandra Poppi che incontriamo davanti all'inceneritore di Via Cavaza, è stato favorito dallo Sblocca Italia del governo Monti. Punto fortemente contestato dalla Rete rifiuti zero che chiede un intervento, oltre che sul locale, anche a livello nazionale'


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
'Rifiuti Spilamberto, l'ipocrisia della raccolta differenziata'
La Provincia
23 Ottobre 2017 - 10:12- Visite:18532
Inceneritore Modena: in aumento anche i rifiuti radioattivi
Politica
21 Luglio 2017 - 02:46- Visite:14078
Carnevalata Hera: la tesserina, il rifiutologo, i depliant, le ..
Il Punto
23 Ottobre 2017 - 10:50- Visite:13140
'Rifiuti, Hera senza vergogna e senza limiti e i sindaci tacciono'
Politica
06 Agosto 2017 - 11:44- Visite:12490
Dossier inceneritore: la 'bufala' del termovalorizzatore ed Hera non ..
Dossier Inceneritore
25 Ottobre 2017 - 07:00- Visite:11870
Inceneritore, il bluff del riciclo della plastica: si recupera solo 6%
Dossier Inceneritore
16 Novembre 2018 - 10:27- Visite:11856
Politica - Articoli Recenti
Furto con scasso in un bar ai ..
Il colpo della notte allo Smile di via Papa Giovanni XXIII. Ignoti hanno forzato l'ingresso ..
21 Maggio 2020 - 14:47- Visite:272
La quiete dopo il virus: durante la ..
Un Sistema che ha serrato ancor più le fila in silenzio, pian piano, sfruttando prima la ..
21 Maggio 2020 - 10:55- Visite:559
'Emergenza covid, con la burocrazia ..
Corti (Lega): 'L'iceberg farcito di burocrazia ha esaurito milioni di toner di stampanti per..
21 Maggio 2020 - 10:30- Visite:1371
Decreto scuola, studenti in piazza ..
Nel pomeriggio, in piazza Mazzini, manifestazione organizzata da Movimento 21 maggio: 'Il ..
21 Maggio 2020 - 09:21- Visite:331


Politica - Articoli più letti


'Vaccini, ecco il rapporto tra la ..
Esposto del Codacons all'Autorità nazionale anticorruzione
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:139142
Segretario Pd: ‘Votare Lega ..
Gianluca Fanti, segretario Pd Madonnina si lancia in ardite affermazioni
04 Agosto 2018 - 11:35- Visite:101146
'Commissione Bibbiano, M5S inizia ..
Il capogruppo di Forza Italia in Regione Andrea Galli critica la richiesta di soggetti da ..
07 Agosto 2019 - 14:23- Visite:75083
Autostrade, la concessione resta: la ..
La neo ministro De Micheli, è stata una delle principali animatrici del laboratorio di ..
08 Settembre 2019 - 11:50- Visite:69772